La Frutta Secca a Guscio Riduce il Rischio di Morte per Cancro e Altre Malattie

La Frutta Secca a Guscio Riduce il Rischio di Morte per Cancro e Altre Malattie

Precedenti ricerche hanno dato atto dei benefici per la salute apportati dalla frutta secca a guscio come arachidi, noci ecc. Ora, un nuovo studio sostiene questo tipo di ricerca, scoprendo che il consumo di questi alimenti può proteggere contro lo sterminio per numerose malattie, compreso il cancro, malattie cardiache e diabete.

 

I ricercatori hanno scoperto che mangiare 15 grammi di noci al giorno può ridurre il rischio di morte da una serie di malattie, tra cui il cancro, le malattie respiratorie e il diabete.


Condotto dal Prof. Piet van den Brandt e colleghi, dell'Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, lo studio è stato poi pubblicato sulla rivista International Journal of Epidemiology.

 

Arachidi e noci sono una buona fonte di omega-3, fibre, vitamina E, grassi "buoni" e antiossidanti. Come tali, essi sono stati associati con un certo numero di benefici per la salute, in particolare per il cuore.

 

Precedenti studi hanno collegato il consumo di noci alla riduzione del rischio di ictus (coaguli di sangue), più bassi livelli di colesterolo e riduzione del rischio di aritmia . Ma i loro benefici non si fermano qui.

 

In questo ultimo studio, il Prof. Brandt e colleghi hanno scoperto che il consumo di arachidi - che in realtà sono legumi - e noci (frutta a guscio) può ridurre il rischio di morire per una serie di malattie, con l'associazione più forte per alcune malattie rispetto ad altri.

 

Mezza manciata di noci o arachidi al giorno, sarebbe la quantità ottimale da consumare...

 

Per raggiungere i loro risultati, i ricercatori hanno valutato i dati di più di 120.000 uomini e donne di età compresa tra i 55-69 anni dei Paesi Bassi, che avevano preso parte al Netherlands Cohort Study.

 

A tutti i partecipanti è stato chiesto quanto spesso hanno consumato arachidi, noci e burro di arachidi e in che quantità. Hanno quindi valutato il legame tra l'assunzione di questi alimenti e la causa di mortalità specifica tra i partecipanti dal 1986, quando è iniziato lo studio.

 

I risultati dello studio hanno rivelato che i partecipanti che hanno consumato circa 15 grammi di noci o noccioline al giorno - l'equivalente di una mezza manciata - sono stati meno esposti al rischio di morte per numerose malattie, compreso il cancro, il diabete, malattie respiratorie, malattie cardiache e malattie neurodegenerative, a confronto con i partecipanti che non hanno consumato noci o arachidi.

 

La riduzione della mortalità con il consumo di arachidi e noci era più forte per le malattie respiratorie e neurodegenerative ed i risultati erano uguali tra uomini e donne.

 

Il consumo di burro di arachidi è risultato non avere alcun effetto sulla mortalità tra i partecipanti. Il team dice che questo potrebbe essere perché la maggior parte del burro di arachidi contiene sale, olio vegetale e acidi grassi trans, che possono contrastare i benefici salutari delle arachidi.

 

I ricercatori hanno anche scoperto che mangiare più di 15 grammi di noci al giorno non ha portato ad un'ulteriore riduzione del rischio di mortalità tra i partecipanti. Questo risultato è in linea con molti studi precedenti che indagano sul consumo di noci, secondo il team, che hanno riscontrato che la mortalità per il cancro e per malattie respiratoria non erano ridotte con l'aumentare l'assunzione di frutta secca a guscio.

 

Numerosi studi hanno concordato sui benefici delle noci consumate in una una dieta mediterranea. Abbiamo già pubblicato alcuni articoli sui benefici della dieta mediterranea che potrebbe proteggere le funzioni cognitive nelle persone anziane, e sul beneficio per invertire la sindrome metabolica.

 

Riferimenti:
Relationship of tree nut, peanut, and peanut butter intake with total and cause-specific mortality: a cohort study and meta-analysis, Piet van den Brandt et al., International Journal of Epidemiology, published online 10 June 2015.

Oxford University Press news release, accessed 10 June 2015 via AlphaGalileo.

Additional source: Mayo Clinic, Nuts and your heart: eating nuts for heart health, accessed 10 June 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati