Il Consumo Regolare di Cibi Piccanti può Aumentare la Durata della Vita

Il Consumo Regolare di Cibi Piccanti può Aumentare la Durata della Vita

Il cibo piccante può farvi sentire la bocca in fiamme e causare una copiosa sudata. Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che mangiare regolarmente cibo piccante potrebbe anche ridurre il rischio di morte per condizioni specifiche.

I peperoncini freschi contengono capsaicina, che è stata segnalata per avere proprietà antitumorali, antinfiammatorie ed antipertensive.
Lo studio osservazionale, pubblicato sul BMJ, ha trovato che le persone la cui dieta quotidiana comprendeva regolarmente cibi piccanti, hanno avuto un minor rischio di morte per cancro, malattia ischemica cardiaca e malattie respiratorie.

 

Molti studi precedenti hanno dimostrato i benefici per la salute di spezie come il peperoncino rosso, mentre altri hanno dimostrato che alcuni agenti bioattivi presenti nelle spezie come la capsaicina può avere effetti benefici in alcune patologie quali l'obesità e le malattie cardiovascolari.

Mentre questi studi suggeriscono che le spezie potrebbero svolgere un ruolo di primo piano sulla salute umana, vi è attualmente una mancanza di prove per gli effetti del consumo giornaliero di cibo piccante sulla mortalità per malattie specifiche e per tutte le cause rilevate da studi sulla popolazione.

Per risolvere questo problema, un gruppo di ricerca guidato da ricercatori del Chinese Academy of Medical Sciences hanno analizzato e ottenuto dalla China Kadoorie Biobank - uno studio di coorte prospettico formato da oltre mezzo milione di adulti di regioni geograficamente diverse della Cina.

Hanno seguito un totale di 487.375 partecipanti di età compresa tra i 30 e i 79 anni che sono stati regolarmente valutati per malattia. Quando ogni partecipante è stato arruolato nello studio tra il 2004-2008, hanno completato un questionario sulla loro salute e il consumo di cibi piccanti, carne rossa, verdure e alcol.

Durante il periodo di controllo, il 5% dei partecipanti sopravvissuti sono stati intervistati in modo casuale di nuovo nel 2008 per valutare se i risultati del questionario di base riflettevano con precisione il consumo di cibo piccante nel corso del tempo. Gli autori dello studio hanno riportano che questi questionari hanno indicato che il consumo di cibo piccante era stato riportato in modo coerente.

Nel corso del periodo di controllo, sono stati registrati un totale di 20.224 decessi, con i partecipanti monitorati per una media di 7,2 anni.

 

Il consumo frequente di cibo piccante era legato al 14% di riduzione del rischio di morte durante il periodo di controllo

 

I ricercatori hanno osservato che i partecipanti che hanno segnalato di mangiare cibi piccanti 3-7 giorni alla settimana hanno avuto il 14% in meno di probabilità di morire rispetto ai partecipanti che hanno mangiato cibi piccanti meno di una volta alla settimana. I partecipanti che avevano mangiato cibi piccanti una o due volte alla settimana avevano un rischio di morte ridotto del 10% rispetto ai partecipanti che hanno mangiato cibi piccanti meno di una volta alla settimana.

 

Il consumo frequente di cibi piccanti è stato anche associato ad un minor rischio di morte per cancro, cardiopatia ischemica e malattie del sistema respiratorio. Questa riduzione del rischio è stata più importante tra i partecipanti di sesso femminile rispetto ai partecipanti di sesso maschile.

 

In termini di cibo piccante, i ricercatori hanno scoperto che le spezie più comunemente usate dai partecipanti che mangiavano cibi piccanti settimanalmente erano i peperoncini freschi e secchi. I partecipanti che hanno mangiato regolarmente peperoncino fresco avevano un rischio ridotto di morte per cancro, cardiopatia ischemica e diabete .

 

"Possibili meccanismi potrebbero coinvolgere il bioaccessibilità e la biodisponibilità di ingredienti bioattivi e sostanze nutritive di cibi piccanti", scrivono gli autori, "ma sono necessari ulteriori studi per verificare questi nostri risultati."

 

Gli autori avvertono che, poiché lo studio era osservazionale, inferenze causali non devono essere fatte e ulteriori studi prospettici dovrebbero essere condotti per dimostrare la generalizzabilità dei loro risultati.

 

In un editoriale accompagnante, Nita G. Forouhi, dell'Unità di Epidemiologia presso l'Università di Cambridge nel Regno Unito, scrive che una valutazione sistematica dei potenziali benefici ed effetti avversi dei cibi piccanti è garantita.

"Le persone dovrebbero mangiare cibo piccante? È troppo presto per dirlo, ma il dibattito e l'interesse di ricerca si stanno certamente scaldando", conclude.


Riferimenti:
Consumption of spicy foods and total and cause specific mortality: population based cohort study, Jun Lv et al., The BMJ, doi: 10.1136/bmj.h3942, published online 4 August 2015.

Consumption of hot spicy foods and mortality - is chilli good for your health?, Nita G. Forouhi, The BMJ, doi: 10.1136/bmj.h4141, published online 4 August 2015, extract.

The BMJ news release, accessed 3 August 2015.

Additional source: University of Maryland Medical Center, Cayenne, accessed 5 August 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati