Aglio

Aglio

I benefici nutrizionali dell'aglio per la salute

Quali sono i benefici nutrizionali dell'aglio per la salute?

Aglio (Allium sativum), un'erba ampiamente utilizzata come aromatizzante in cucina, è stato utilizzato anche come farmaco nel corso della storia antica e moderna per prevenire e trattare una vasta gamma di condizioni mediche e malattie.

 

L'aglio appartiene al genere Allium come la cipolla, ed è strettamente correlato alla cipolla, Rakkyo, erba cipollina, porro e scalogno. E' stato utilizzato dagli esseri umani per migliaia di anni ed è stato utilizzato in Egitto sia per scopi culinari che per i suoi benefici terapeutici.


Aglio come cibo e medicina
L'aglio è stato utilizzato in tutto il mondo per migliaia di anni. Le registrazioni indicano che l'aglio era in uso quando furono costruite le piramidi di Giza, circa cinquemila anni fa.

 

Richard S. Rivlin ha scritto sul Journal of Nutrition che l'antico medico greco Ippocrate (circa. 460-370 aC), conosciuto oggi come "il padre della medicina occidentale", prescriveva l'aglio per una vasta gamma di condizioni mediche e malattie. Ippocrate ha promosso l'uso dell'aglio per il trattamento di problemi respiratori, parassiti, cattiva digestione e affaticamento.

 

Aglio
Gli atleti olimpici della Grecia antica assumevano aglio - forse il primo esempio di agenti per "migliorare le prestazioni" utilizzato nello sport.

Dall'antico Egitto, l'aglio si diffuse alle antiche civiltà avanzate della Valle dell'Indo (Pakistan e India occidentale di oggi). Da lì poi verso la Cina.

 

Secondo gli esperti di Kew Gardenscentro botanico reale di eccellenza dell'Inghilterra, il popolo dell'antica India, tra le proprietà terapeutiche dell'aglio, attribuiva ad esso anche quella di essere afrodisiaco.

 

Nel corso della storia, in Medio Oriente, nell'Asia orientale e nel Nepal, l'aglio è stato utilizzato per il trattamento della bronchite, ipertensione ( pressione alta ), TBC ( tubercolosi ), disturbi epatici, dissenteria, flatulenza, coliche, vermi intestinali, reumatismi, diabete e febbri.

Rivlin ha fatto una scoperta interessante, ossia che diverse culture nella storia che non erano mai state in contatto tra loro, avevano conclusioni analoghe per quanto riguarda i benefici terapeutici dell'aglio.

 

L'aglio è ampiamente utilizzato oggi per le sue proprietà terapeutiche


Secondo la National Library of Medicine che è parte del NIH (National Institutes of Health) degli Stati Uniti d'America, l'aglio è ampiamente utilizzato per diverse condizioni mediche legate al sistema circolatorio e al cuore, tra cui l'aterosclerosi (indurimento delle arterie), colesterolo altoattacco di cuoremalattia coronarica e ipertensione.

 

L'aglio oggi è usato anche da alcune persone per la prevenzione del cancro del polmone, cancro alla prostata , cancro al seno, cancro dello stomaco, cancro del retto e il cancro del colon.

 

Il NIH aggiunge "Alcuni di questi usi sono supportati dalla scienza."

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Food and Chemical Toxicology ha avvertito che cucinare l'aglio, riduce gli effetti antinfiammatori rispetto all'aglio crudo fresco. Questo può essere un problema per alcune persone che non amano o non possono tollerare il sapore e o l'odore dell'aglio fresco.

 

Studi scientifici sui benefici terapeutici dell'aglio


Qual è la differenza tra prove scientifiche e aneddotiche? Le prove aneddotiche si riferiscono all'esperienza personale di una persona - come la deposizione di un testimone. Questo tipo di prova è di fondamentale importanza in un tribunale di diritto quando qualcuno (un testimone) ha visto accadere qualcosa con i propri occhi (testimone oculare). In medicina, tuttavia, i dati raccolti, rispetto alle prove scientifiche, non sono abbastanza convincenti.

 

Di seguito sono riportati alcuni esempi di alcuni studi scientifici, sui benefici terapeutici (o non) dell'aglio, pubblicati su riviste accademiche.

 

Secondo uno studio, le persone che mangiano aglio crudo almeno due volte alla settimana hanno un rischio inferiore del 44% di sviluppare il cancro ai polmoni.

 

  • Aglio contro il rischio di cancro al polmone

Le persone che hanno mangiato aglio crudo almeno due volte alla settimana avevano un rischio inferiore del 44% di sviluppare il cancro ai polmoni, secondo uno studio effettuato presso il Jiangsu Provincial Center for Disease Control and Prevention in Cina.

 

I ricercatori, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Cancer Prevention Research, avevano svolto delle interviste faccia a faccia, con 1.424 pazienti affetti da cancro al polmone e 4.543 individui sani. È stato chiesto circa la loro dieta e abitudini di vita, le domande comprendevano le loro abitudini sul fumo e quanto spesso mangiavano l'aglio.

 

Gli autori dello studio hanno scritto "di un'associazione protettiva tra l'assunzione di aglio crudo e il cancro del polmone, suggerendo che l'aglio potrebbe potenzialmente servire come agente chemio-preventivo per il cancro al polmone."

 

  • Aglio e Cancro al cervello

I composti organici di zolfo che si trovano nell'aglio sono stati identificati come efficaci nel distruggere le cellule di glioblastoma, un tipo tumore del cervello mortale.

 

Gli scienziati della Medical University of South Carolina hanno riferito sulla rivista Cancer che tre composti organici dello zolfo presenti nell'aglio - DASDADS e DATS - hanno "dimostrato efficacia nel sradicare le cellule tumorali del cervello, il DATS ha dimostrato di essere il più efficace".

 

Il coautore, Prof. Ray Swapan, ha dichiarato: "Questa ricerca mette in evidenza la grande promessa dei composti di natura vegetale della medicina naturale per il controllo della crescita maligna delle cellule tumorali del cervello umano", e che però "Sono necessari ulteriori studi in modelli animali, sui tumori cerebrali, prima dell'applicazione di questa strategia terapeutica ai pazienti con tumore al cervello."

 

  • Aglio e Osteoartrite

Le donne la cui dieta era ricca di vegetali agliacei, avevano livelli più bassi di osteoartrite e disturbi muscoloscheletrici, come riportato da una squadra del King College di Londra e dell'Università di East Anglia, in Inghilterra, sulla rivista BMC . Esempi di verdure Agliacee includono oltre all'aglio, porri, scalogno, cipolle e Rakkyo.

 

Gli autori dello studio hanno riferito che i loro risultati hanno evidenziato non solo il possibile impatto della dieta sui risultati dell'osteoartrite, ma hanno anche dimostrato la possibilità di utilizzare i composti che esistono nell'aglio per sviluppare trattamenti per questa condizione medica.

 

Uno studio a lungo termine, che ha coinvolto oltre 1.000 gemelli sani di sesso femminile, ha scoperto che coloro, le cui abitudini alimentari includevano molta frutta e verdura, in particolare aglio, aveva avuto un minor numero di segni di artrosi precoce all'articolazione dell'anca.

 

Il Diallile solfuro, un composto dell'aglio, è risultato 100 volte più efficace di due antibiotici popolari nella lotta contro il Campylobacter batterio, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy.

Il batterio Campylobacter è una delle cause più comuni di infezioni intestinali.

 

  • Aglio e Protezione del cuore

Il Diallile trisolfuro, un componente dell'olio di aglio, aiuta a proteggere il cuore durante la chirurgia cardiaca e dopo un attacco di cuore, come evidenziato dai ricercatori della Emory University School of Medicine. Inoltre, questi ricercatori credono anche che il diallile trisolfuro potrebbe essere usato come trattamento per l'insufficienza cardiaca.

 

Il gas di idrogeno solforato ha dimostrato di proteggere il cuore dai danni. Tuttavia, essendo un composto volatile è difficile da trasportare come terapia. Di conseguenza, gli scienziati hanno deciso di concentrarsi sul diallile trisolfuro, come modo più sicuro per fornire i benefici del solfuro di idrogeno al cuore.

 

In un altro studio, pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, gli scienziati hanno scoperto che l'olio di aglio può aiutare a proteggere i pazienti diabetici da cardiomiopatia .

 

La cardiomiopatia è la principale causa di morte tra i pazienti diabetici. Si tratta di una malattia cronica del miocardio (muscolo cardiaco), che è anormalmente ispessito, ingrossato e o irrigidito.

 

Il team aveva alimentato alcuni topi di laboratorio diabetici con olio sia di mais che di aglio. Quelli alimentati l'olio di aglio ha vissuto significativamente di più con cambiamenti associati alla protezione contro i danni al cuore, rispetto agli animali nutriti con olio di mais.

 

Gli autori dello studio hanno concluso che "l'olio di aglio possiede un potenziale significativo per proteggere il cuore da cardiomiopatia indotta dal diabete."


Ulteriori studi dovranno essere eseguiti per determinare se essi confermano i risultati di questo studio.

 

I ricercatori dell'Ankara University hanno cercato di determinare quali sono gli effetti, della supplementazione dell'estratto di aglio, che potrebbero portare al profilo lipidico del sangue (grassi) dei pazienti con elevato colesterolo nel sangue. Questo studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry.

 

Lo studio ha coinvolto 23 volontari, tutti con colesterolo alto; 13 di loro avevano anche la pressione alta. Essi sono stati divisi in due gruppi:

  • Il gruppo normotesi con colesterolo alto (normale pressione sanguigna )
  • Il gruppo di ipertesi e con alti livelli di colesterolo (pressione alta)

 

Questi gruppi hanno preso integratori di estratto d'aglio per quattro mesi e sono stati regolarmente controllati sui parametri di lipidi nel sangue, così come la funzione del rene e del fegato.

 

Alla fine dei quattro mesi i ricercatori hanno concluso che la supplementazione dell'estratto di aglio migliora il profilo lipidico del sangue, rafforza il potenziale antiossidante del sangue e provoca una significativa riduzione sistolica e diastolica della pressione arteriosa. Essa comporta anche una diminuzione del livello di prodotto di ossidazione (MDA) nei campioni di sangue, il che dimostra reazioni di ossidazione ridotte nel corpo.

 

In altre parole, integratori di estratto d'aglio riducono i livelli elevati di colesterolo, e anche la pressione sanguigna nei pazienti con ipertensione.

 

  • Aglio e il cancro della prostata

I medici del Department of Urology, China-Japan Friendship Hospital, Pechino, Cina, hanno condotto uno studio di valutazione del rapporto tra consumo di vegetali Allium e il rischio di cancro alla prostata.

 

Si sono riuniti e hanno analizzato gli studi pubblicati fino a maggio 2013 e riferito i loro risultati sull'Asian Pacific Journal of Cancer Prevention .

 

Gli autori dello studio hanno scritto "Le verdure della famiglia Allium, in particolare l'assunzione di aglio, sono legati a una diminuzione del rischio di cancro alla prostata ".

 

Il team ha anche commentato che, siccome non c'erano molti studi, consigliano che altri studi prospettici devono essere effettuati per confermare i loro risultati.

 

  • Aglio contro il danno epatico indotto dall'alcol

L'alcol-indotta danno epatico (danno epatico etanolo-indotta) è causato dal lungo periodo il consumo eccessivo di bevande alcoliche.

Gli scienziati dell'Istituto di Tossicologia, School of Public Health, Shandong University, Cina, ha voluto determinare se il diallile disolfuro (DADS), un composto organico sulfureo derivato dall'aglio, potrebbe avere effetti protettivi contro lo stress ossidativo indotto dall'etanolo.

 

Il loro studio è stato pubblicato sul Biochimica et Biophysica Acta (BBA).

 

I ricercatori hanno concluso che i DADS possono aiutare a proteggere contro i danni al fegato indotti dall'etanolo.

 

  • Aglio e Nascita Pretermine (prematuro)

Infezioni microbiche durante la gravidanza aumentano il rischio che una donna possa partorire pretermine, come diversi studi hanno dimostrato. Gli scienziati della Divisione di Epidemiologia, dell'Norwegian Institute of Public Health, hanno voluto scoprire quali alimenti potrebbero avere impatto sulle infezioni antimicrobiche e il rischio di parto prematuro.

 

I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Nutrition.

 

Il Dr. Ronny Myhre e colleghi si sono concentrati sugli effetti delle verdure Allium e della frutta secca, perché una ricerca in letteratura ha individuato questi due alimenti come la grande promessa per la riduzione del rischio di parto pretermine.

 

L'equipe ha studiato il consumo di frutta secca e verdure della famiglia Allium di 18.888 donne Madri norvegesi, di cui il 5% (950) ha subito un parto pretermine spontaneo.

 

Gli autori dello studio hanno concluso: "L'assunzione di cibo con composti antimicrobici e prebiotici possono essere importanti per ridurre il rischio di parto pretermine spontaneo. In particolare, l'aglio è stato associato ad un minor rischio complessivo di parto pretermine spontaneo".

Aglio contro il comune raffreddore
I Dottori Julia Fashner, Kevin Ericson e Sarah Werner, presso il St. Joseph Family Medicine Residency, Mishawaka, nello stato dell'Indiana, ha condotto uno studio dal titolo "Il trattamento del raffreddore comune in bambini e adulti", pubblicato sull'American Family Physician.

 

In merito hanno riferito che "l'uso profilattico dell'aglio può diminuire la frequenza dei raffreddori negli adulti, ma non ha alcun effetto sulla durata dei sintomi". L'uso profilattico significa usare con l'intenzione di prevenire le malattie.

 

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI analisi approfondita dei nutrienti: Aglio (Allium sativum)

valore nutritivo per 100 g valore ORAC  Totale 5346 mmol TE / 100 g 

Principio

Nutrienti Valore

Percentuale di RDA

Energia

149 Kcal

7,5%

Carboidrati

33.06 g

25%

Proteine

6.36 g

11%

Grasso totale

0,5 g

2%

Colesterolo

0 mg

0%

Fibra dietetica

2,1 g

5,5%

Vitamine

  

Acido Folico

3 mcg

1%

Niacina

0,700 mg

4%

Acido pantotenico

0,596 mg

12%

Piridossina

1.235 mg

95%

Riboflavina

0,110 mg

8%

Tiamina

0.200 mg

17%

Vitamina A

9 UI

<1%

Vitamina C

31.2 mg

52%

Vitamina E

0,08 mg

0,5%

Vitamina K

1.7 mcg

1,5%

Elettroliti

  

Sodio

153 mg

10%

Potassio

401 mg

8,5%

Minerali

  

Calcio

181 mg

18%

Rame

0,299 mg

33%

Ferro

1.70 mg

21%

Magnesio

25 mg

6%

Manganese

1.672 mg

73%

Fosforo

153 mg

22%

Selenio

14.2 mcg

26%

Zinco

1.160 mg

10,5%

Fito-nutrienti

  

Carotene-ß

5 mcg

-

Criptoxantina-ß

0 mg

-

Luteina, zeaxantina

16 mcg

-

(Fonte Info Nutrizionali: Database dei Nutrienti USDA

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati