Come Contenere l'Appetito Grazie alle Verdure e Come Cuocerle a seconda del Colore

Come Contenere l'Appetito Grazie alle Verdure e Come Cuocerle a seconda del Colore

Curiosità sulla cottura delle verdure e l'utilizzo delle verdure crude come alimento per ridurre l'appetito

Da sempre ci viene detto di mangiare molta verdura perchè fa bene alla nostra salute; è chiaro che questa affermazione non potrà mai essere smentita, si sa che è così, infatti gli alimenti compresi in questa categoria rendono la nostra alimentazione corretta e sana sotto tutti i punti di vista.

Perché? Semplice, gli ortaggi e comunque tutte le verdure sono poco calorici e di facile digestione, contengono pochi grassi, tantissima acqua e sono ricchi di fibra alimentare e di sali minerali. Un toccasana per la nostra salute.

COTTURA A SECONDA DEL COLORE

Non tutti gli ortaggi e le verdure si possono mangiare crude; la patata per esempio, non può essere consumata cruda, infatti, solo grazie alla cottura l'amido sarà più facilmente assimilabile dal nostro organismo. Altri ortaggi, come il taro, contengono sostanze irritanti e nocive che vengono distrutte grazie alla cottura.

La cottura è in grado di:

  • trasformare l'amido in zuccheri
  • ammorbidire la cellulosa
  • liberare le sostanze situate tra le fibre
  • e sciogliere le pectine contenute negli ortaggi

Lo sappiamo, questi alimenti non dobbiamo cuocerli troppo, perchè se eccediamo in questo procedimento li rendiamo insipidi e molli, oltre a privarli di vitamine e minerali preziosi.

La cosa migliore è cuocerli nella pentola a pressione a temperatura elevata e per un breve lasso di tempo, in modo da limitare la perdita di vitamina B e C.

È interessante sapere anche che la modalità di cottura varia a seconda che si cuociano ortaggi verdi, gialli, rossi o bianchi, perchè questi reagiscono in modo diverso a seconda della cottura.

GLI ORTAGGI GIALLI E ARANCIONI

Questi ortaggi sono ricchi di carotene, una pro-vitamina che il nostro organismo trasforma in vitamina A, una sostanza poco idrosolubile, stabile al calore solo in assenza di ossigeno e non alterata dall'acidità degli ortaggi.

GLI ORTAGGI VERDI

Questi scolorano rapidamente, infatti il calore libera gli acidi in essi contenuti, che reagiscono con la clorofilla (che conferisce il colore verde) eliminandola in parte. L'ortaggio in questo modo perde il suo verde brillante e assume un verde brunastro.

GLI ORTAGGI BIANCHI

Contengono un pigmento chiamato antoxantina; l'aggiunta di un ingrediente acido nel corso della cottura ne ravviva il colore. Una cottura prolungata o l'aggiunta di una sostanza alcalina ingiallisce o scurisce questi ortaggi, che hanno inoltre la tendenza a reagire a contatto con il ferro e con l'alluminio, diventando brunastri, verdastri o giallastri. Per ovviare a questo problema basta utilizzare l'acciaio inossidabile o il vetro.

GLI ORTAGGI ROSSI E PORPORA

Questi contengono antocianina, un pigmento all'origine del colore rosso, talvolta tendente al blu. L'aggiunta di un elemento acido nel corso della cottura (aceto, succo di agrume, sidro) ravviva il colore degli ortaggi rossi e porpora che normalmente lo perdono cuocendo, specie se sono tagliati, perchè l'acidità contenuta negli ortaggi evapora insieme all'acqua.

Il colore degli ortaggi e numerosi altri fattori devono essere considerati quando scegliamo la modalità di cottura, al fine di conservare la maggior quantità di elementi nutritivi; un consiglio utile è quello di cuocere gli ortaggi senza sbucciarli, in modo da limitare la perdita di vitamine e minerali durante la fase di cottura.

VERDURA CRUDA PRIMA DEL PASTO PER NON INGRASSARE

La verdura cruda in ogni caso è sempre da preferire. Un bel piatto di verdura cruda prima di pranzare o cenare è una validissima scelta dietetica, e ha lo scopo di generare sazietà e di apportare fibra alimentare in grado di controllare l'assorbimento intestinale di glucosio, aminoacidi, grassi e colesterolo, garantendo il controllo della glicemia e dell'insulina dopo il pasto. Per favorire la digestione gastrica gli ortaggi che mangiamo sarebbe bene masticarli in modo attento, sia per esaltare il loro potere antiossidante che per la loro attività alcalinizzante.

Il nostro stomaco è un'organo porzionatore, e gli alimenti ingeriti, prima di lasciare la cavità gastrica ed essere quindi avviati alla digestione intestinale devono essere ridotti alle dimensioni di almeno 3 mm.

Quindi, per il loro potere di generare un senso di sazietà possiamo considerare le verdure amiche della nostra linea, ma c'è di più. Dobbiamo sapere che le verdure amare sono in grado di controllare o addirittura bloccare l'appetito, infatti il gusto amaro è generato dai polifenoli vegetali, e procura la sazietà sensoriale.

Perchè questo avvenga il consiglio è quello di iniziare il vostro pasto con verdure tipo:

  • l'insalata belga o il cavolo verde
  • un pò di rucola e il tarassaco
  • la cicoria e il finocchio
  • il radicchio, il crescione
  • il soncino o i ravanelli
Dobbiamo imparare a non vedere la verdura solo come un contorno, ma piuttosto come un antipasto.


Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati