​Dieta Mediterranea Può Proteggere Contro L'invecchiamento Del Cervello

​Dieta Mediterranea Può Proteggere Contro L'invecchiamento Del Cervello

Seguire una dieta mediterranea potrebbe proteggere contro il restringimento del cervello che di solito si verifica con l'invecchiamento, questo è quanto ha scoperto un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neurology.

A seguito di una dieta in stile mediterranea, si può proteggere il cervello contro il restringimento, secondo i ricercatori.

Una dieta mediterranea in genere comporta un elevato consumo di pesce e frutti di mare, una buona base di alimenti vegetali - come frutta, verdura, fagioli, noci e legumi - sostituendo il burro con grassi sani, come l'olio d'oliva e limitando il consumo di carni rosse e latticini.

I benefici potenziali di una tale dieta sono ben documentati. Recentemente, abbiamo anche parlato di uno studio che riferisce che seguire una dieta mediterranea può promuovere un intestino sano, mentre un altro studio ha collegato una dieta mediterranea con olio d'oliva alla riduzione del rischio di cancro al seno*.

Per questo ultimo studio, Yian Gu, della Columbia University di New York, NY, e colleghi hanno studiato gli effetti di una dieta mediterranea contro il restringimento del cervello - la perdita di cellule cerebrali che si verifica in genere con l'avanzare dell'età.

Il team ha arruolato 674 persone di età media di 80 anni che erano liberi da demenza e hanno chiesto loro di compilare un questionario dettagliato sulle abitudini alimentari nel corso degli anni passati.

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in due gruppi. Un gruppo comprendeva soggetti che hanno seguito almeno cinque componenti della dieta mediterranea, mentre l'altro gruppo comprendeva partecipanti la cui dieta non seguiva da vicino la dieta mediterranea.

LA DIETA MEDITERRANEA HA PROTETTO CONTRO 5 ANNI DI INVECCHIAMENTO CEREBRALE


Circa 7 mesi dopo che il questionario dietetico è stato completato, i partecipanti sono stati sottoposti a scansioni del cervello, consentendo ai ricercatori di valutare il loro volume totale del cervello.

Rispetto ai partecipanti che non seguivano una dieta stile mediterranea, quelli che hanno seguito almeno cinque componenti della dieta, avevano un volume totale del cervello che è risultato di circa 13,11 millimetri più grande; il volume della materia grigia di questi soggetti è stato di 5 mm maggiore, mentre il loro volume della materia bianca era 6,41 millimetri più grande.

Il Professor Yian Gu dice che le differenze di volume cerebrale identificate tra i due gruppi, erano l'equivalente di circa 5 anni di invecchiamento, questo indica che i partecipanti i quali hanno seguito la dieta stile mediterranea, sono stati protetti contro i 5 anni di restringimento del cervello correlato all'invecchiamento.

In particolare, il team ha scoperto che seguendo certi schemi alimentari entro i limiti della dieta mediterranea, ha un impatto positivo sul restringimento del cervello. Ad esempio, il consumo di almeno tre-cinque porzioni di pesce a settimana e il mangiare di un massimo di 100 gr di carne al giorno, è stato trovato che protegge contro la perdita di cellule cerebrali con l'equivalente di circa 3-4 anni di invecchiamento.

Mentre Yian Gu ammette che il loro studio non prova un nesso causale tra una dieta mediterranea e la prevenzione del restringimento del cervello, essi indicano una significativa associazione tra le due, e aggiunge:

"Questi risultati sono entusiasmanti, in quanto sollevano la possibilità che le persone possono potenzialmente evitare il restringimento del loro cervello e gli effetti dell'invecchiamento sempre sul cervello, semplicemente seguendo una dieta sana come la Mediterranea."

Riferimenti:

American Academy of Neurology news release, accessed 20 October 2015.

Additional source: Mayo Clinic, Mediterranean diet: A heart-healthy eating plan, accessed 20 October 2015.

*Mediterranean diet and invasive breast cancer risk among women at high cardiovascular risk in the PREDIMED trial, Miguel A. Martinez-Gonzalez et al., JAMA Internal Medicine, doi:10.1001/jamainternmed.2015.4838, published online 14 September 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati