Calorie

Calorie

L'Energia del nostro organismo, per compiere le attività quotidiane arriva, dalle calorie

Sebbene ogni volta che si parla di linea, di dieta, di dimagrimento, viene citata sempre la parola Caloria, sono poche le persone che sanno esattamente cosa sia una caloria e perchè questa è così importante per il controllo del peso corporeo.

La Caloria in fisica, è l'unità di misura che esprime la capacità di un alimento di produrre calore quando viene bruciato e la cui combustione alza di un grado Celsius la temperatura di un litro d'acqua. Se si parla di nutrizione, allora la caloria indica l'apporto energetico di un alimento. Normalmente si impiega un multiplo della caloria:

  • CHILOCALORIA, indicata con il simbolo KCal, cioè mille calorie. L'uso di questo termine nasce dalla similitudine del corpo umano con una macchina termica.

CENNI STORICI SULLE CALORIE

L'origine di questa concezione risale alla metà del XIX secolo, quando furono introdotte le prime locomotive a vapore. Il funzionamento era semplice: si bruciava il carbone che permetteva all'acqua di bollire, in modo da produrre il vapore necessario per muovere le locomotive. Gli studiosi dell'800' pensarono quindi di realizzare un parallelismo tra corpo umano e macchine a vapore.

Le proteine furono paragonate al ferro per la costruzione del mezzo, e il carbone alle calorie come combustibile per produrre calore. Oggi comunque nonostante, si continui a ragionare in termini calorici, è accertato che il nostro organismo non "brucia" niente, e che ricava l'energia necessaria al suo sostentamento attraverso complessi processi biochimici che si traducono in forze biolettriche.

Queste reazioni avvengono prevalentemente a livello di particolari organelli cellulari, i mitocondri e portano alla produzione di quella che è la moneta di scambio energetico delle cellule, L'ATP (ADENOSIN TRIFOSFATO)

VARIABILI DEL CORPO UMANO

Per stabilire di quanta "energia" ha bisogno il nostro corpo, è necessario considerare alcune variabili tra cui :

  • età
  • sesso
  • stile di vita

perchè il nostro metabolismo è in grado di modificarsi e adattarsi alle varie esigenze. In generale si può dire che una persona a riposo, sana, di media corporatura consumi circa 100 calorie per ora.

Tradurre questo in alimenti da ingerire, significa attribuire a ciascun cibo un punteggio, calcolato prendendo come riferimento l'apporto energetico dello zucchero, l'alimento naturale che più facilmente l'organismo riesce ad assimilare.

100 grammi di zucchero sviluppano 392 Calorie. Tutti gli altri alimenti devono quindi essere rapportati ad esso per il calcolo delle calorie.

CALORIE E DIETA

Nella gestione di una dieta, sia dimagrante che che ingrassante, la prima cosa da individuare è la differenza tra le "entrate" e le "uscite". In quanto c'è anche un dispendio energetico nell'uomo che può essere rappresentato dallo sport. Quando le entrate superano le uscite, significa che il soggetto mangia più del necessario con il rischio di andare nel lungo periodo incontro a patologie di obesità.

Quando invece il rapporto è l'opposto, ovvero le uscite sono maggiori alle entrate, si rischia la malnutrizione e si mette a rischio l'organismo che sarà notevolmente stressato.

CALORIE GIORNALIERE

Per calcolare il proprio consumo calorico e il numero delle calorie effettivamente assunte è necessario pesarsi ogni giorno e calcolare le calorie di quello che si mangia: se il peso rimane costante quello è il nostro fabbisogno quotidiano e stabilito questo si può impostare un piano alimentare.

Il calcolo delle calorie avviene partendo dalla percentuale degli ingredienti ( o nutrienti) che compongono un determinato alimento.

  • 1 GRAMMO PROTEINE = 4 Kcal
  • 1 GRAMMO CARBOIDRATI = 4 Kcal
  • 1 GRAMMO GRASSI = 9 Kcal

L'alcol è una sostanza a parte che apporta 7 Kcal.

Per capire quante calorie sono presenti ad esempio in un piatto di spaghetti da circa 100 grammi?

In 100 grammi di pasta glutinata abbiamo :

  • 10,8 grammi di acqua
  • 23,8 grammi di proteine
  • 0,6 grammi di lipidi
  • 63 grammi di carboidrati
  • milligrammi di ferro
  • calcio
  • vitamine

Questo piatto apporta esattamente 363 Kcal ed è la somma di tutti queste sostanze moltiplicate per l'apporto che danno per grammo.

Una dieta equilibrata non deve tenere conto solo delle calorie, ma anche dal tipo di alimento e da altre variabili che un buon nutrizionista terrà conto.

Le calorie sono un elemento fondamentale del metabolismo del corpo, ci permettono di vivere, di muoverci, di pensare, e sono protagoniste in ogni dieta e di ogni articolo nelle riviste femminili che trattano di regimi alimentari.

La realtà, alquanto scomoda, è che buona parte delle persone assume troppe calorie in rapporto alle necessità, e qui nasce il problema dell'obesità nei paesi industrializzati, con tutti i problemi che comporta; l'altra faccia della medaglia è la tragedia dei paesi poveri, che è rappresentato dall'assunzione di poche calorie e che dà vita al problema della denutrizione.

Per quello che riguarda il dimagrimento, mangiare meno è sicuramente importante, ma spesso non basta e non è sempre la soluzione giusta; quello che dobbiamo tenere conto è si la quantità di calorie introdotte (purché siano in rapporto corretto con la quantità di calorie che vengono consumate nell'arco della giornata), ma anche della quantità delle stesse che consumiamo. Ma per capirci di più dobbiamo per prima cosa capire più nel dettaglio cos'è una caloria.

PICCOLA E GRANDE CALORIA

L'unità di misura dell'energia utilizzata nel campo della termodinamica, in campo fisico, è la Caloria (o piccola caloria). In sostanza corrisponde alla quantità di calore necessario per far salire di un grado centigrado (precisamente da 14,5 a 15,5 °C) la temperatura di un grammo di acqua distillata in un ambiente in cui la pressione atmosferica corrisponda a una atmosfera, cioè al livello del mare. Viene indicata con il simbolo cal, con l'iniziale minuscola.

È diverso invece il concetto di grande caloria, o meglio caloria alimentare, che è poi quella che ci interessa di più. Questa costituisce l'unità di misura utilizzata in biologia e nella scienza dell'alimentazione per indicare l'apporto energetico medio di ogni alimento per un grammo o, come si trova più di frequente nelle tabelle, per 100 grammi. Viene indicata col simbolo Cal, con l'iniziale maiuscola.

IL VALORE DELL'APPORTO CALORICO DEGLI ALIMENTI

Per poter conoscere il valore dell'apporto calorico che ciascun alimento fornisce, la determinazione dell'unità di misura è stata fatta utilizzando il glucosio, lo zucchero più semplice presente in natura, oltre ad essere il più facile da assimilare. un grammo di glucosio sviluppa 3,92 Kcal un grammo di grasso puro 9 Kcal un grammo di proteina pura sviluppa 4 Kcal In base a questi dati è stato è stato calcolato l'apporto energetico di tutti gli alimenti e sono state messe a punto tutte le tabelle, utilizzate per valutare la quantità di energia che viene introdotta quotidianamente con gli alimenti.

Si, perchè in pratica è di energia che stiamo parlando, e ogni essere umano o animale ha bisogno di una certa quantità di energia per vivere e per svolgere qualsiasi attività.

Per vivere, proprio così, perchè per poter svolgere le funzioni fisiologiche indispensabili alla sopravvivenza il nostro organismo ha bisogno di una certa quantità di energia di base, e qui entra in gioco il Metabolismo Basale, che è indispensabile per potersi mantenere in vita. In sostanza viene compresa nel metabolismo basale l'energia indispensabile per sostenere: il battito cardiaco la circolazione del sangue la respirazione l'attività cerebrale di base la funzione digestiva e le funzioni di escrezione, ecc..

Oltre a tutte queste funzioni ovviamente dobbiamo aggiungere il quantitativo di energia necessario per svolgere le differenti attività, che variano dal lavoro, allo sport e alle attività di tutti i giorni.

Capiamo quindi che è importante mantenere sempre un certo equilibrio tra le calorie introdotte, quelle che bruciamo con le normali attività e quelle che ci conviene bruciare con l'attività sportiva più o meno intensa, proprio per mantenerci sempre in ottima forma e con il peso ideale.

QUALCHE CURIOSITÀ

La casalinga, solo per svolgere quelle semplici attività di cui si occupa ogni giorno brucia calorie, vediamo in che quantità.

  • Un'oretta di faccende domestiche eseguite da un soggetto di circa 30 anni con un peso di 55 Kg fa consumare più o meno 185 calorie anche cucinare fa consumare calorie;
  • lavorando un'ora e mezza ai fornelli in cucina ha un dispendio energetico di circa 150 calorie
  • fare il bucato a mano anziché in lavatrice sempre per un'ora e mezza ci permette di bruciare 150 calorie
  • pulire i pavimenti per mezz'ora fa consumare 137 calorie mentre stirare per un'ora 100 anche guardando la televisione consumiamo;
  • se alla sera, dopo cena ci mettiamo davanti alla TV per 3 ore consumiamo 130 calorie mentre se ci cimentiamo in una partita a carte per un paio d'ore ne bruciamo 187
Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati