​La Dieta Mediterranea È La Migliore Per Una Sana Funzione Intestinale, Secondo Uno Studio

​La Dieta Mediterranea È La Migliore Per Una Sana Funzione Intestinale, Secondo Uno Studio

Sulla base della produzione di acidi grassi salutari a catena corta, una dieta vegan, vegetariana o mediterranea è la cosa migliore per la salute, secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Gut.

Coloro che seguono una dieta mediterranea hanno livelli più elevati di acidi grassi a catena corta che favorisce la salute del loro intestino, rivela una nuova ricerca.

Aggiungendo al notevole volume di ricerca che mostra che seguire un alimentazione ricca di fibre è un bene per la propria salute, questo nuovo studio dimostra un legame diretto tra la quantità di alimenti ricchi di fibre consumati e la produzione nell'intestino di importanti acidi grassia catena corta (SCFA) per favorire la salute.

Gli autori della ricerca concludono riferendo il perché una dieta mediterranea è particolarmente buona.

Gli SCFA sono la connessione, essi dicono, di benefici per la salute che includono la riduzione del rischio di malattia infiammatoria, il diabete e le malattie cardiache.

Gli acidi grassi a catena corta, vengono prodotti quando la fibra dalla materia vegetale alimentare viene fatto fermentare nel colon. Gli SCFA comprendono l'acetato, propionato e butirrato. Il butirrato, per esempio, è la fonte primaria di energia per le cellule del colon, il che è essenziale per la salute del colon. Ha proprietà anticancerogene e antinfiammatorie.

La dieta mediterranea è ricca di molte fibre contenute nella frutta, verdura e legumi, a fronte di una dieta anglosassone che comprende molta carne rossa e latticini.

Per il loro studio, i ricercatori hanno analizzato le diete di 153 adulti da tutta Italia. Nel corso di una sola settimana hanno notato tutto ciò che i partecipanti hanno mangiato. Hanno anche analizzato campioni di feci ed urine - un modo di valutare i batteri intestinali dei partecipanti e le "impronte digitali" di metaboliti chimici.

Delle 153 persone che hanno preso parte, 51 di loro erano onnivori, 51 erano vegetariani e 51 erano vegani. Una dieta mediterranea è composta dall'88% di ciò che mangiavano i vegani, il 65% di ciò che mangiavano i vegetariani e il 30% di ciò che mangiavano gli onnivori.

ATTIVITÀ MICROBICA DIFFERIVA DALLA DIETA

I ricercatori hanno scoperto che ci sono stati distinti modelli di attività microbica in base alle abitudini alimentari che le persone avevano.

Ad esempio, è stato trovato che coloro che hanno mangiato una dieta prevalentemente a base vegetale, in particolare quelli che erano vegani, avevano livelli più alti di Bacteroidetes nel loro intestino, mentre coloro che hanno mangiato una dieta prevalentemente a base animale avevano livelli più alti di Firmicutes. Differenti specie microbiche in queste categorie di organismi - noti come phyla - sono maggiormente in grado di abbattere i carboidrati complessi con conseguente produzione di importantissimi SCFA.

Livelli più elevati di SCFA sono stati trovati tra i vegani e vegetariani, così come quelli che hanno sempre consumato una dieta mediterranea.

Risulta che la quantità di frutta, verdura, legumi e fibra consumata sia una questione molto più legata alla produzione di SCFA rispetto al tipo di regime dietetico seguito.

Tuttavia, è possibile mangiare carne e beneficiare degli effetti delgli SCFA; i livelli di un composto legato alla malattia cardiovascolare - ossido di trimetilammina (TMAO) - era di gran lunga superiore in coloro che mangiavano carne che nei vegetariani e vegani. Fonti di trimetilammina che il fegato trasforma in TMAO includono uova, carne di manzo, maiale e pesce.

Commentando i loro risultati, i ricercatori hanno detto:

"Noi forniamo qui una prova tangibile dell'impatto di una dieta sana e di un modello dietetico Mediterraneo sul microbiota dell'intestino e sul regolamento benefico del metabolismo microbico verso il mantenimento della salute dell'ospite.".

Sembra che essere un vegano la maggior parte del tempo, un vegetariano per qualche tempo e un occasionale mangiatore di carne, produrrebbe una delle diete più sane - vale a dire la dieta mediterranea.

Riferimenti:

High-level adherence to a Mediterranean diet beneficially impacts the gut microbiota and associated metabolome, L.Vannini et al., Gut, doi:10.1136/gutjnl-2015-309957, published online 28 September 2015, abstract.

The BMJ news release, accessed 25 September 2015.

Additional Source: US National Library of Medicine National Institutes of Health, Effects of short chain fatty acids on gut morphology and function, accessed 25 September 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati