​Possono gli Ormoni Prevenire la Perdita di Grasso?

​Possono gli Ormoni Prevenire la Perdita di Grasso?

Consigli nutrizionali per correggere gli squilibri

Uno squilibrio degli estrogeni (cioè la dominanza di estrogeni) è molto più comune di quanto si pensi. Quando si verificano degli squilibri di estrogeni, i nostri sforzi di bruciare i grassi e di costruire massa muscolare, vengono influenzati negativamente. Vi state chiedendo se gli squilibri di estrogeni stanno ostacolando i vostri risultati? Vediamo ...

CHE COSA È UNA DOMINANZA DI ESTROGENI?

La dominanza di estrogeni è uno squilibrio tra la quantità di estrogeni e la quantità di progesterone (l'altro ormone femminile prevalente) nel corpo. Quando il corpo è bilanciato, il rapporto di questi ormoni mantiene il metabolismo elevato. Mentre gli estrogeni possono aumentare il grasso corporeo, rallentare il metabolismo, aumentare il gonfiore e la ritenzione idrica, il progesterone può fare il contrario come ottimizzare il metabolismo, aumentare la combustione dei grassi, ridurre il gonfiore e la ritenzione idrica.

CHE COSA PROVOCA UNO SQUILIBRIO DI ESTROGENI?

Squilibri di estrogeni possono essere il risultato della sovraesposizione agli estrogeni (ad esempio la pillola anticoncezionale, tossine e pesticidi), così come l'età e la genetica. Anche i prodotti da bagno quotidiani possono essere carichi di estrogeni chimici che agiscono come gli estrogeni nel corpo impattando col vostro naturale equilibrio ormonale. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che coloro che sono già in sovrappeso hanno livelli di estrogeni più alti, soprattutto nelle zone di grasso dette testarde (glutei, addominali e cosce).

CHE IMPATTO HANNO GLI ESTROGENI E GLI ALTRI ORMONI SULLA COMBUSTIONE DEI GRASSI?

Alti livelli di estrogeni possono impedire la ripartizione dei grassi aumentando la presenza di un recettore specifico nel tessuto grasso chiamato recettore adrenergico antilipolitico. L'Attivazione di questo recettore impedisce l'ossidazione dei grassi e blocca le vie di metabolizzazione del grasso che si verificano.

Questo effetto ''anti brucia grassi'' è aggravato dal fatto che le donne hanno anche un numero maggiore di alfa recettori al di sopra dei beta recettori brucia grassi! In realtà, i beta-recettori sono 12 volte più attivi per bruciare i grassi negli uomini che non nelle donne! E, il tasso di uscita del singolo ormone più importante per bruciare grasso - la noradrenalina - è superiore del 50% negli uomini. Di conseguenza, le donne sono decisamente svantaggiate quando si tratta di bruciare il grasso in giro per i fianchi, cosce e glutei!

Se ciò non bastasse, il grasso non è un oggetto innato. Contiene anche enzimi aromatasi che abbattono un ormone di cui le donne hanno molto bisogno per aumentare la massa muscolare magra e migliorare il metabolismo – il testosterone! L'aromatasi nel tessuto adiposo rompe gli androgeni (un precursore del testosterone) in estrogeni. Questo aumenta ulteriormente i livelli di estrogeni nel corpo.

Il cortisolo si trova anche in alta concentrazione nel tessuto adiposo. Questo ormone catabolico impedisce la combustione dei grassi, riduce l'efficacia dell'insulina e corrode il tessuto muscolare.

EQUILIBRIO DI ESTROGENI CON LA DIETA LOW CARB

Quando gli estrogeni sono alti, possono bloccare i recettori per bruciare i grassi in particolare nelle zone in cui la deposizione di grasso è più alta - come i fianchi, cosce e glutei. Poiché la maggior parte delle donne hanno la loro giusta quota di grasso a cui poter accedere, è semplicemente una questione di dirigere il corpo a poter accedere e questo attraverso il bilanciamento dei livelli di ormoni e seguendo una dieta low carb.

Le donne tendono a risparmiare glicogeno muscolare, questa è la forma di carboidrati immagazzinata nel muscolo che serve anche durante un allenamento. Questo significa che le donne bruciano molto meno carboidrati nel corso di una sessione di allenamento rispetto ai maschi. Limitando il consumo di carboidrati, il corpo si scarica rapidamente dell'energia che ha immagazzinato. A questo punto, è costretto a trovare altri mezzi di energia per alimentare il corpo, e la sua prima tappa qual'è? Avete indovinato ... proprio il grasso! Seguire una dieta che fornisce il 30% o meno di carboidrati, a seconda di quanto si è attive e di come il proprio corpo metabolizza i carboidrati.

QUALI TIPI DI CIBO BISOGNA MANGIARE?

Scegliere una dieta che sia ad alto contenuto di carboidrati fibrosi e verdure non amidacee come quelli delle verdure crocifere. La ricerca ha dimostrato che le diete ricche di verdure come broccoli e cavoli contribuiscono a migliorare i livelli di estrogeni. Questi alimenti sono ricchi di composti di fibre naturali e anti estrogeni come indolo e DIM, che aiutano legando e rimuovendo i composti estrogenici che possono avere un effetto tossico nel corpo, favorendo la produzione di composti a basso livello di estrogenici che possono avere effetti positivi.

Inoltre, è stato anche dimostrato che una dieta ricca di fibre provenienti da verdure e cereali integrali possono ridurre la quantità di enzima (B-glucouronidase) che disaccoppia gli estrogeni legati ad uscire dal corpo. Questi carboidrati forniscono energia sostenibile, controllano il rilascio di insulina per tutta la giornata e aiutano a prevenire il riassorbimento di estrogeni. Se questo non è una ragione sufficiente per utilizzare una dieta low carb, considerate questo: uno studio sulle donne ha dimostrato che il passaggio a una dieta mediterranea composta da verdure, grassi salutari e proteine, ha ridotto i metaboliti degli estrogeni del 40%.

Il resto dei cibi nella vostra dieta dovrebbe consistere di proteine magre come il pollo, il tacchino, albume d'uovo, proteine del siero di latte e prodotti lattiero-caseari senza grassi. I grassi dovrebbero essere costituiti da fonti naturali di acidi grassi essenziali tra cui noci, avocado, olio di cocco, semi di chia e di lino.

Riferimenti:

Blaak E. Gender differences in fat metabolism. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2001. 4(6): 499-502

Bradlow HL, et al. Long-term responses of women to indole-3-carbinol or a high fiber diet. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 1994. 3(7): 591-5.

Carruba G, et al. A traditional Mediterranean diet decreases endogenous estrogens in healthy postmenopausal women. Nutr Cancer. 2006. 56(2): 253-9.

Gann PH, et al. The effects of a low-fat/high-fiber diet on sex hormone levels of menstrual cycling in premenopausal women. Cancer. 2003. 98(9): 1870-1879.

Lonnqvist F, et al. Sex differences in visceral fat lipolysis and metabolic complications of obesity. Art Throm Vasc Bio. 1997. 17: 1472-80.

Price T, et al. Estrogen regulation of adipose tissue lipoprotein lipase – possible mechanism of body fat distribution. Am J Obs Gynec. 1998. 178(1): 101-7.

Rose DP, et al. High-fiber diet reduces serum estrogen concentrations in premenopausal women. Am J Clin Nutr. 1991. 54(3): 520-25.

Singleton DW, SA Khan. Xenoestrogen exposure and mechanism of endocrine disruption. Front Biosci. 2003. 8: s110-118.

Tarnopolsky MA, Ruby BC. Sex differences in carbohydrate metabolism. Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2001. 4(6): 521-6.

Wismann J, Willoughby D. Differences in carbohydrate metabolism and carbohydrate loading. J Int Soc Sports Nutr. 2008. 3(1): 28-34.

Wu BN, O’Sullivan AJ. Sex differences in Energy Metabolism Need to Be Considered with Lifestyle Modifications in Humans. J Nutr Metab. 2011.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati