Legumi: Carboidrati o Proteine?

Legumi: Carboidrati o Proteine?

I Legumi come li considerate nella vostra Dieta?

I legumi contengono una discreta quantità di proteine, che varia dal 22% dei ceci e dei piselli al 37% dei fagioli di soia. La percentuale dei carboidrati è circa il 53%, con l'eccezione della soia, che ne contiene solo il 23%.

 

La Soia inoltre, a differenza degli altri legumi, ha un alto contenuto di grassi, circa il 18%. Le domande nascono spontanee:

 

  1. Come vanno considerati questi prodotti?
  2. Bisogna mangiarli da soli o si possono abbinare ad altri alimenti?
  3. La soya deve essere considerata una categoria a parte oppure può considerarsi un legume?

 

FAGIOLI - CECI - LENTICCHIE - PISELLI

 

Per quanto riguarda fagioli e ceci, molte tradizioni popolari diffuse nel mondo consigliano di consumarli da soli in minestra o di associarli con pasta e riso.

 

Lenticchie e piselli invece si possono accompagnare sia a cereali sia alle carni. Queste combinazioni per uno sportivo sono obbligatorie se si vuole trarre beneficio da uno spettro aminoacido completo.

 

Come abbiamo detto questi prodotti contengono buone percentuali sia di carboidrati sia di proteine, alcune persone per questo motivo hanno difficoltà nella loro digestione.

 

Consigli?

 

per coloro che hanno difficoltà di digestione, consigliamo di consumarli in zuppa senza altri prodotti.

 

FAGIOLI AZUKI

 

Spesso i fagioli azuki sono chiamati fagioli di soya. In realtà non hanno nulla in comune con la soya. Sono di colore rosso vivo ed appartengono alla famiglia dei fagioli nostrani con le medesime proprietà.

 

Gli azuki sono ricchi di:

  1. proteine
  2. ferro
  3. potassio
  4. magnesio
  5. vitamina B3
  6. mentre sono poveri di grassi e zuccheri

Aiutano la diuresi. Insomma, come tutti i legumi, se associati ad un piatto di cereali integrali e verdure, possono essere una buona fonte di nutrimento e costituire una dieta sana, come ci insegna la macrobiotica. I fagioli azuki vengono anche usati per i dolci, in quanto il loro gusto ricorda lievemente quello delle castagne.

 

SOIA

 

Per la soia il discorso è diverso, in quanto i popoli orientali da sempre NON consumano il seme intero, difficile da digerire ma altresì utilizzano i suoi derivati derivati dalla fermentazione sotto forma di formaggi come :

oppure in salsa come 

  • TAMARI
  • SHOYU

C' e una ragione scientifica che spiega questa tradizione: il processo di fermentazone scompone le sostanze presenti nei semi di soya in elementi più semplici e più facilmente assimilabili dall'organismo. Non solo: li trasforma, arricchendoli anche di vitamine e sali minerali.

 

PROPRIETA' DELLA SOIA

 

I semi di soia sono costituiti mediamente dal 40% di proteine e da circa un 20% di grassi, divisi in grassi saturi ed insaturi; abbondante la presenza di minerali tra cui i principali sono rappresentati da potassio, fosforo, calcio e magnesio. Per quanto concerne le vitamine troviamo la vitamina A, la B1, B2, B3, B5, B6, oltre alla C.

 

Nessun altro alimento vegetale è così ricco di proteine, che per lo più sono costituite, fra gli altri, da tutti gli amminoacidi essenziali di cui il nostro organismo ha un bisogno "diretto"in quanto non è in grado di sintetizzarli da solo. La lecitina, essendo un lipide, ha la proprietà di emulsionare i grassi; può quindi migliorare le attività celebrali e l'attività dei neurotrasmettitori.

 

Grazie alla sua abbondanza di fibre, che impediscono l'assorbimento del colesterolo a livello intestinale, la soia ha effetti protettivi sulle arterie. Basti pensare che un etto di soia fornisce un apporto di 12g di fibra a fronte di un fabbisogno giornaliero di 25-30g.

 

In conclusione, se non avete problemi di digestione secondo noi i legumi devono far parte della dieta di uno sportivo. Non ho mai visto una persona diventare grassa mangiando zuppa di fagioli o lenticchie.

 

Buon ABC Allenamento

 

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati