Il Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines

Il Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines

L'Evoluzione del Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines

Il Sistema di Combattimento del Corpo dei Marines


Ogni arte marziale nasce per rispondere ad una domanda di difesa la quale può differire a seconda del contesto dove poi andrà applicata. Alcuni stili sono progettati per l'auto-difesa pura da strada, altri sono veri e propri sport con competizioni anche Olimpiche, altri sono ottime per il Fitness generale del corpo e ad altre ancora sono mixaggi e combinazioni delle opzioni che vi abbiamo appena elencato.


Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti D’America hanno necessità specifiche:

 

  • Semplicità
  • tecniche relativamente facili da padroneggiare
  • Tecniche che prevedano situazioni di vita o di morte
  • che riproducano le situazioni ai quali i soldati saranno poi chiamati ad intervenire


Vediamo come si addestrano i Marines Americani nel Campo della Difesa Personale. Tra il 1989 e il 1998, la US Marine Corps ha utilizzato il sistema LINE con il quale ha formato più di 750.000 soldati nella complessità del combattimento corpo a corpo.


LINE è l’acronimo di Linear Lotte intestine Neural-Override Engagement . Il sistema a grandi linee è un riassunto di varie discipline marziali dove si è cercato di discernere le tecniche più facili ed efficaci tra cui :

  • leve ai polsi
  • leve e immobilizzazioni delle braccia in piedi
  • strangolamenti
  • colpi ai punti letali del corpo umano
  • ginocchiate
  • calci soprattutto frontali
  • gomitate

Una della cose interessanti che hanno adottato i maestri di Difesa Personale del Corpo dei Marines è quella di far ripetere a voce alta, i movimenti delle tecniche ai loro allievi, in modo tale da accelerare i tempi di apprendimento.

 

Un soldato non è un praticante di Aikido o Jiu Jitsu che ha una vita davanti per imparare, in poco tempo deve essere pronto a sapersi difendere.


Cosa fondamentale è la standardizzazione del metodo. In tutte le scuole militari degli Stati Uniti si insegna lo stesso metodo di difesa personale, con i stessi nomi delle tecniche e con i medesimi protocolli di apprendimento.

 

Parallelamente i Marines Americani effettuano un durissimo allenamento funzionale giornaliero di parecchie ore per migliorare la forza, resistenza ed ovviamente condizionamento atletico.

 

Diciamo che il sistema LINE è una sorta di metodo finalizzato alla breve distanza (gomitate e ginocchiate) per entrare poi nel corpo a corpo, ultimamente però, con l’avvento delle M.M.A. nel mondo civile, dal 2001, si sta sperimentando il sistema MCMAP che sta per Marine Corps Martial Art’s Program .

 

Assomiglia molto al sistema LINE, però con integrazioni provenienti dalla boxe, muay thai e jiu jitsu brasiliano.

 

Questo perché?


Per coprire e conoscere tutte e 5 le Distanze del Combattimento che possono essere utili in strada, sopra un ring o dentro una gabbia. Quando si è padroni di tutte le distanze si diventa buoni combattenti.

 

MCMAP prevede livelli come le cinture e anche l’utilizzo sinergico delle armi. Dal 2002 questo sistema, più completo del Sistema Line, è la base dell’insegnamento della difesa personale dei Marines Americani e non per niente uno dei migliori Figther mondiali di M.M.A. è un ex marines:

  • Brian Michael Stann (Tokyo, 24 settembre 1980) ex lottatore di arti marziali miste ed ex marine statunitense. È stato campione dei pesi mediomassimi WEC nel 2008 senza riuscire a difendere il titolo e dal 2009 al 2013 ha combattuto nella prestigiosa promozione UFC venendo spesso indicato come un top 10 nella divisione dei pesi medi.

Buon ABC Allenamento

TI POTREBBE INTERESSARE: L'ESERCITO ISRAELIANO

 

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati