L'Allenamento Pesi nelle Arti Marziali di Bruce Lee

L'Allenamento Pesi nelle Arti Marziali di Bruce Lee

Anche Bruce Lee dava importanza all'allenamento con i pesi, all'allenamento della resistenza e alla potenza muscolare

Bruce Lee si rese conto all'inizio della sua carriera che molti suoi colleghi marzialisti non si allenavano per la condizione fisica, per il fisico, in quanto sostenevano che la tecnica doveva superare la forza e resistenza. Quindi secondo alcuni canoni dell'epoca un ottimo maestro doveva essere molto tecnico e non forte e resistente.

Al contrario, Bruce Lee incluse nel suo allenamento esercizi di fitness, forza e resistenza muscolare, resistenza cardiovascolare nonchè flessibilità. Utilizzò le tecniche tradizionali del Body building per costruire muscoli e molta massa muscolare definita! Bruce Lee pensava che L'allenamento è una delle fasi più trascurate dagli atleti.

Troppo tempo è donato allo sviluppo della pratica e troppo poco allo sviluppo della persona per la partecipazione. Il programma di sollevamento pesi a cui Lee fece riferimento durante il suo soggiorno ad Hong Kong nel 1965, a soli 24 anni, diede molto vigore alle sue braccia. A quel tempo si dedicava a programmi in total body con l'utilizzo di esercizi multi articolari quali :

  1. distensioni su panca piana con bilanciere
  2. trazioni alla sbarra in varie prese
  3. squat
  4. good morning
  5. curl bilanciere
  6. piegamenti sulle braccia
  7. vari tipi di addominali
  8. esercizi per la pressa con Grappling machine e altri metodi
  9. lento dietro o avanti per le spalle
  10. skip nella sua macchina multifunzione

Lee sosteneva che gli addominali fossero uno dei più importanti gruppi muscolari per i praticanti di arti marziali, poiché quasi ogni movimento richiede uno sforzo addominale per essere eseguito. Bruce Lee praticava allenamento pesi 3 volte la settimana , correva tutti i giorni 5 miglia al mattino presto previo lavoro addominale e stretching .

Altri Giorni praticava le sue sedute di allenamento di Wing Chun e poi Jeet Kune Doo che non erano passeggiate composte da dure sessioni ai colpitori, sacchi, sparring ecc ecc.

Era una vera e propria macchina da guerra , non si fermava mai accompagnato da una passione non comune e senza limiti. Per tale motivo è diventato un Mito immortale ottenendo un successo planetario!

Scritto da: Si-Je Elena Landini

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati