Le scuole di arti marziali di ieri e di oggi

Le scuole di arti marziali di ieri e di oggi

Un tempo non era come oggi: per entrare in una scuola di arti marziali, bisognava sostenere dure prove di iniziazione.

Tutte le tradizioni e le leggende sono concordi nel considerare il tempio cinese Shao-lin, Shorinji oppure Siu-lam, ove il maestro Bodidharma sviluppò i suoi insegnamenti, la prima scuola di arti marziali.

 

Attraverso quegli insegnamenti, sono emerse con il passare degli anni gran parte delle caratteristiche delle arti marziali, conosciute al giorno d’oggi in quasi tutto il mondo.

Ogni scuola, erroneamente chiamata palestra, assume caratteristiche diverse a seconda del paese, della regione e perfino del quartiere dove è ubicata; a questo si deve aggiungere l’influenza che hanno esercitato i primi maestri, e i frequenti interscambi sportivi tra i vari paesi dei cinque continenti.

 

Tuttavia grazie alla naturale tendenza dell’uomo verso una cultura universale, le scuole di arti marziali vanno acquisendo uniformità in tutto il mondo. 

Una scuola oggi è composta fondamentalmente da:

  • Sala di allenamento, più o meno spaziosa.
  • Spogliatoi (maschile, femminile ed eventualmente anche per bambini)
  • Sala accessori con pesi ed attrezzi, ufficio, servizio medico, cassetti o armadietti per custodire gli abiti, sala d’aspetto, ripostiglio, ecc.

 

La grandezza di una scuola, generalmente, varia da 80 a 300 metri quadrati.

 

La spina dorsale di ogni scuola di arti marziali è costituita

  1. dal livello tecnico in generale
  2. dalla personalità degli istruttori
  3. dall’igiene dei locali
  4. dalla serietà negli orari e nei prezzi.

 

 

Anticamente le arti marziali venivano praticate in circoli chiusi e praticamente inaccessibili ed era necessario, per potervi accedere, superare una serie di dure prove attitudinali.

 

Il luogo destinato all’allenamento era all’aria aperta o veniva adattata la parte abitabile della casa che soddisfacesse alle esigenze di spazio, ventilazione e discrezione.

 

In quell’epoca erano frequenti gli allenamenti fra praticanti di diverse scuole.

Oggi le scuole sono centri di insegnamento pubblico; per iscriversi, basta riempire un modulo d’iscrizione e versare una certa quota.

 

La rivalità fra le scuole è ormai limitata all’ambito prevalentemente sportivo e professionale.

 

 

Le corrispondenti federazioni di arti marziali fissano norme e istituiscono regolamenti a carattere interno, e organizzano ogni tipo di attività sportiva e culturale a carattere ufficiale.

Ogni scuola di arti marziali ha il suo emblema o logo.

 

Nell’insieme i maestri si occupano onestamente, tramite l’insegnamento, della formazione tecnica e umana degli alunni che, iniziando a volte il cammino fin da bambini, si sviluppano ed evolvono in un ambiente che tiene conto delle loro esigenze.

La scuola moderna che ha mantenuto qualche caratteristica di quelle antiche vi fanno fare ogni volta che ci entrate un mistico salto nel passato.

La vostra scuola che impronta ha?

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati