Consigli sul Comportamento Generale da Adottare nella Pausa Estiva

Consigli sul Comportamento Generale da Adottare nella Pausa Estiva

E' Arrivata l'estate, il momento durante il quale, quasi tutti gli sport, soprattutto quelli di combattimento, si permettono il periodo di riposo e di ripresa (rigenerazione dei tendini e anche del sistema nervoso centrale duramente messo alla prova per tutta la stagione), per poi ricominciare dopo la pausa con le classiche preparazioni atletiche. Anche in questo periodo quindi, l'atleta, soprattutto quello impegnato in attività agonistica, dovrebbe attenersi alle regole dietetiche principali, senza eccedere a dismisura con l'assunzione di cibo. Il consiglio che noi diamo è:

 

NON ROVINIAMO TUTTO

 

È proprio negli intervalli di inattività, infatti, che è possibile distruggere, nel breve volgere di qualche settimana, quanto l'atleta ha faticosamente costruito con sacrifici personali fisici, psichici e dietetici nel corso dei lunghi mesi di allenamento. Perché?


Quando manca il vincolo ad una imminente competizione, e soprattutto quando non si ha più a disposizione una misura di tempo, di distanza, di peso o altro per valutare le proprie capacità fisiche, le tentazioni prendono il sopravvento e l'atleta abbandona le norme dietetiche che avevano regolato la sua nutrizione fino a quel momento. Nella testa dell'atleta viaggiano pensieri del tipo :" chi me l'ho fa fare?"; oppure "mi sono fatto un mazzo tanto ed ora mangio quello che mi pare!"

 

Mentre è facile una pronta ripresa muscolare anche dopo qualche mese di completa inattività, molto più lenta è la ripresa fisica di un organismo che ha trascurato di seguire le più elementari norme dietetiche e questo per alcune ragioni:

  • l'organismo si è abituato ad un regime sano da sportivo, e non tollera più l'alimentazione convenzionale
  • l'inattività fisica non permette più all'organismo di neutralizzare o di eliminare i metaboliti, scorie tossiche che l'organismo stesso ingerisce o fabbrica, specie nel caso di un'alimentazione scorretta
  • Altro grave problema che si presenta all'atleta durante i periodi di inattività sportiva è quello di adeguare la sua alimentazione alle nuove necessità caloriche, ovviamente inferiori.
  • Se non ci regoliamo e nutriamo in base a ciò che consumiamo al momento, inevitabilmente il nostro peso corporeo aumenterà. 
  • Le categorie dai pesi medi in sù, avendo più massa muscolare, sono quelle categorie che generalmente mettono sù maggior peso in quanto i muscoli si riempiono maggiormente di acqua, glicogeno e lo strato di grasso, con l'alimentazione iper calorica, può aumentare.

ALLENARSI MENO? CONSUMANDO LE MEDESIME CALORIE DI PRIMA?


È questa la ragione per cui gli atleti che hanno cessato ogni attività sportiva ingrassano smisuratamente:

  • essi continuano a seguire le stesse abitudini alimentari di quando erano nel pieno della loro attività fisica, quando tutte le Calorie introdotte venivano bruciate ai fini lavorativi, senza essere trasformate in grassi di deposito.
  • Se durante i periodi di inattività sportiva non esercitiamo uno stretto controllo dietetico, sia qualitativo (evitando o meglio limitando le tentazioni) che quantitativo (riducendo drasticamente il quantitativo delle Calorie introdotte), in allenamento possiamo accusare disturbi della sfera digestiva ed un aumento del peso corporeo, fattori che occorre sanare al più presto.

 

LA RIPRESA DOPO IL PERIODO DI PAUSA

 

Per la fretta di ripristinare il malfatto e di smaltire il grasso in eccesso, gli atleti vengono sottoposti, specie nell'imminenza delle competizioni, a regimi alimentari improvvisati e irrazionali, che a volte finiscono per rovinare irrimediabilmente l'organismo. Inoltre sappiate che diete super rigide per far perdere peso, forniranno anche meno energie per gli allenamenti e l'atleta con i muscoli svuotati sarà più incline all'infortunio.


In riposo o in allenamento, in ritiro con la squadra o in gara l'atleta deve, durante tutta la sua vita sportiva, adottare le abitudini di un'alimentazione sana ed equilibrata, si, con qualche piccolo strappo alla regola, ma senza rincorrere al miraggio che soltanto in fase preagonistica è sufficiente seguire un severo regime dietetico per acquisire un'ottima forma. Inoltre uno sportivo non si dovrebbe fermare mai, nel senso che bisogna far riposare muscoli e mente per quanto riguarda lo sport primario praticato, ma magari si possono coltivare attività sportive che durante l'anno avevano poco spazio. Una sorta di passa tempo ludico ma sportivo come ad esempio il nuoto, il trekking in montagna, la mountain bike.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati