Sport di Combattimento e Difesa Personale : le 5 Distanze

Sport di Combattimento e Difesa Personale : le 5 Distanze

Sport di Combattimento e Difesa Personale : le 5 Distanze ; Ogni lottatore, ogni pugile, ogni combattente di qualsiasi sport o disciplina da combattimento sa bene che un ruolo decisivo per la buona riuscita di una tecnica qualunque, c'è l'ha la distanza. Infatti se il concetto di distanza non viene osservato e quindi non utilizzato in modo adeguato l'agonista, nonostante possa avere una tecnica impeccabile e un'eccellente preparazione fisica verrà immancabilmente sconfitto, spesso succede infatti che un fighter, con minori capacità tecniche, del suo avversario, abbia la meglio su di lui gestendo la distanza in modo ottimale .

 
Cos'è la Distanza ? La distanza è in sintesi lo spazio che ci separa dal nostro avversario e ci garantisce un buon margine di sicurezza, ci assicura inoltre che le nostre tecniche di calcio o di braccia che siano vadano al bersaglio con precisione e potenza e ci da la possibilità di difenderci contro i suoi attacchi permettendoci un minimo di tempo di reazione. In pratica è un "ingrediente" pressoché indispensabile per ogni fighter e perché no, anche per una buona autodifesa . 
 
E' chiaro che la distanza varia a seconda della disciplina praticata, sarà più corta per un pugile e più lunga per un praticante di thay boxe o M.M.A. (mixed martial art's) che usando le gambe per i calci ed i take down (atterramenti) possono colpire da più lontano o afferrarci alle medesime per atterrarci. La Distanza dipende inoltre dal combattente , che adotterà quella a lui più congeniale a seconda delle sue capacità tecniche, fisiche, dalle qualità del suo avversario e dal tipo di strategia che vuole usare . 
  
 
Per farci un quadro più dettagliato e preciso , la distanza si può classificare in 5 fasi :
 
  1. La lunga distanza : adottata da stili come ad esempio il Taekwondo e thay boxe, dove principalmente prevalgono tecniche di calcio .
  2. La media distanza : usato da sport di combattimento come la boxe dove un ruolo fondamentale la giocano i pugni
  3. La corta distanza : è la distanza preferita dagli stili tipo il Wing Chun dove le ginocchiate e gomitate rivestono un ruolo cruciale e fanno di questa lunghezza di combattimento la sua specializzazione peculiare.
  4. Il Corpo a Corpo : è il campo delle discipline di lotta come la lotta libera , judo e lotta greco romana .
  5. Al suolo : La lotta al suolo ultimamente è molto popolare e ritengo che il Brasilian Jiu Jitsu B.J.J. sia l'arte regina di questo campo, estremamente efficace, grazie alle sue leve articolari e strangolamenti .
 
Uno sport da combattimento che al momento sembra coprire un pò tutte le distanze è l' M.M.A., la quale negli ultimi anni ha attirato numerosissimi atleti provenienti da svariate discipline .
 
Questo è quello che riguarda la distanza negli sport da combattimento ; durante una qualsiasi competizione dapprima i due sfidanti terranno una distanza di studio in modo da capire i punti deboli dell'avversario e scegliere la strategia da adottare per poi ottimizzarla durante il match.
 
Ma l'AUTODIFESA DA STRADA è un altra cosa !
 
Non c'è arbitro che avvia il match con i contendenti alla giusta distanza , non disponiamo di tutto il tempo necessario per studiare l'avversario e soprattutto non possiamo scegliere la distanza all'inizio dello scontro in quanto l'aggressore deciderà il momento, il luogo e la situazione a lui più congeniale nella quale colpire.
 
Nonostante tutto bisogna tenere conto che buona parte delle aggressioni vengono innescate da liti che degenerano più o meno velocemente e per una buona ed efficace Autodifesa è necessario saper percepire i segnali di pericolo sin dal principio ed adeguarsi ad essi .
 
Ai primi cenni che ci lasciano intendere la possibilità di un attacco è consigliabile mantenere una distanza da calcio con le braccia alzate , i palmi delle mani rivolti verso il maleintenzionato . In questo modo il vostro corpo trasmetterà un linguaggio non verbale di non belligeranza , quindi rivolto ad una soluzione pacifica della vicenda.
 
La distanza in questo caso lascia intendere una volontà di non volere lo scontro e soprattutto ci garantisce sicurezza e tempo di reazione di fronte ad un ipotetico attacco improvviso. Nel caso non si riuscisse ad evitare l'escalation di violenza, adottare una difesa Aggressiva e Potente con le armi poste alla giusta distanza farà la differenza .
 
Nel caso di un praticante di Wing Chun , uno stile efficacissimo sotto il profilo della difesa reale da strada, accorciare subito la distanza ed esplodere con gomitate e ginocchiate sarebbe la tattica giusta in quanto rientrerebbe nel campo suo specializzato.
 
Ogni corso di Difesa Personale che si rispetti , anche quelli da poche lezioni di AUTODIFESA FEMMINILE dovrebbero dedicare tempo , spazio alla spiegazione e gestione della DISTANZA .

Una Scena tratta dal celeberrimo film IP MAN dove il Lite Motive è il Wing Chun

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati