Strategie di Perdita di Peso Estremo tra i Fighter dei Combattimenti nelle Gabbie 'Allarmante'

Strategie di Perdita di Peso Estremo tra i Fighter dei Combattimenti nelle Gabbie 'Allarmante'

Ecco cosa rivela un nuovo studio sulle tecniche dei lottatori per

Il combattimento nelle gabbie è sempre più popolare, con più di 800 milioni di persone in tutto il mondo che ora si sintonizza a guardare questo sport. Mentre già i combattimenti nella gabbia in sé sono considerati pericolosi, un nuovo studio ha sollevato preoccupazione per le tattiche estreme che i concorrenti utilizzano al fine di perdere peso prima di un combattimento.

Lo scarico d'acqua, il digiuno e l'utilizzo di soluzioni che aumentano la sudorazione sono solo alcuni dei metodi ampiamente utilizzati dai fighter delle gabbie per perdere peso prima di un combattimento.

Autore dello studio, il dottor James Morton – del Research Institute for Sport and Exercise Sciences presso la Liverpool John Moores University nel Regno Unito - e colleghi hanno pubblicato le loro conclusioni sul British Journal of Sports Medicine.

Il combattimento nella gabbia, o arti marziali miste (MMA), sono sport di combattimento estremo che coinvolgono una varietà di tecniche di combattimento, compresi quelli utilizzati nella boxe, kickboxing, lotta, karate e judo.

La popolarità dei combattimenti nelle gabbie cominciò a crescere tra i paesi occidentali nei primi anni 1990, con l'introduzione della Ultimate Fighting Championship (UFC) - una società di promozione statunitense che organizza eventi di combattimento nella gabbia in tutto il mondo.

Ci sono 11 diverse categorie di peso per i concorrenti, anche se il dottor Morton e colleghi fanno notare che la maggior parte di questi lottatori vogliono gareggiare nella classe di peso più bassa. I concorrenti vengono pesati circa 24-36 ore prima del loro combattimento, prima di essere assegnati ad una categoria di peso.

Come risultato, molti concorrenti adottano metodi di disidratazione estreme, come saune, tute e l'uso di diuretici - farmaci che aiutano a liberare il corpo dai liquidi in eccesso - nel tentativo di perdere peso prima di un combattimento.

Mentre ci sono dati limitati su come le tecniche di un estrema perdita di peso possa impattare sulla salute dei lottatori che gareggiano nelle gabbie, i ricercatori osservano che alcuni concorrenti non riescono a gareggiare a causa degli effetti negativi sulla salute di tali metodi, tra cui nausea, vomito, mal di testa e convulsioni e crampi.

Il team cita anche le possibili implicazioni pericolose per la vita di queste tecniche estreme di perdita di peso, che puntano ad un incidente nel 2013, in cui un lottatore che combatteva nelle gabbie di origine brasiliana di nome Leandro Souza è morto in una sauna dopo aver tentato di perdere 15 kg in soli 7 giorni.

Il digiuno, la dieta e il carico d'acqua comune prima della misura del peso

Per il loro studio, il dottor Morton e colleghi hanno cercato di indagare fino a che punto, chi combatte nelle gabbie, è impegnato nelle tecniche estreme di perdita di peso prima di fare il peso.

I ricercatori hanno esaminato 30 combattenti dal Regno Unito, che erano impegnati in competizioni in cinque categorie di peso diverse, da peso mosca (115-125 libbre) a welter (155-170 libbre).

Ad ogni combattente è stato chiesto se aveva adottato metodi di perdita di peso estremi prima di fare il peso e che metodi aveva utilizzato.

Il team ha scoperto che tutti i lottatori hanno digiunato o adottato una dieta a basso contenuto di carboidrati per 3-5 giorni prima di fare il peso, che fanno notare, aumenta il rischio di carenza di energia.

Per di più, solo il 20% degli atleti hanno ricevuto consigli dietetici da un nutrizionista sportivo qualificato o dietista, con la maggior parte dei combattenti che si sono rivolti a Internet, ai loro allenatori o altri concorrenti per consigli dietetici.

Circa il 67% dei combattenti intervistati ha usato un metodo di disidratazione chiamato "carico d'acqua" prima di effettuare il peso, che prevede il consumano di grandi quantità di acqua (circa 20-23 litri per più di 3 giorni) e di ridurre l'assunzione di sodio con l'obiettivo di indurre una eccessiva minzione.

L'utilizzo di soluzioni che aumentano la sudorazione bloccando i pori o che danno impulso alla circolazione è stato segnalato dal 17% di questi lottatori.

Circa il 37% degli atleti ha segnalato di utilizzare farmaci o diuretici prima di un combattimento, mentre circa il 13% ha dichiarato di utilizzare metodi per via endovenosa e glicerolo, al fine di aumentare la reidratazione dopo aver effettuato il loro peso.

Gli integratori alimentari sono stati utilizzati da 73% dei lottatori delle gabbie prima di effettuare il peso. Di questi, il 61% erano inconsapevoli che gli integratori che stavano prendendo fossero stati testati come sostanze vietate. I ricercatori fanno notare che sono stati messi in atto le procedure di test a random, per tutti i combattenti UFC dal 1 ° luglio di quest'anno, e dal 1 ° ottobre, l'uso di droghe per via endovenosa dopo la registrazione del peso, non sarà consentito.

È Necessaria Una Migliore Regolamentazione ...


I ricercatori dicono che i loro risultati sono "allarmanti", in particolare quelli che coinvolgono le tecniche di disidratazione.

"Gli effetti della disidratazione sul rischio di trauma cerebrale è particolarmente preoccupante per le MMA, dato che, a differenza della boxe, il trauma cranico può verificarsi anche dopo che un atleta ha perso conoscenza", il team spiega. "In media, vengono dati ancora 2,6 colpi alla testa dopo che l'avversario ha perso conoscenza, cosa che potrebbe aumentare il rischio di traumi cerebrali."

Di particolare interesse, fanno notare gli autori, è che non vi è alcun organo di regolamentazione per la lotta nelle gabbie nel Regno Unito, che imposta la salute, la sicurezza e l'antidoping per questi lottatori - qualcosa che affermano il dottor Morton e colleghi, deve cambiare.

Il team raccomanda l'introduzione di classi di peso aggiuntive e la ristrutturazione delle classi di peso esistenti al fine di colmare il divario tra le categorie, in particolare tra le classi a basso peso.

Si consiglia inoltre che il tempo tra la registrazione del peso e il combattimento, deve essere abbreviato, e suggeriscono l'implementazione di strumenti didattici per promuovere una più sicura perdita di peso tra i fighter delle gabbie.

I ricercatori concludono:

"Incoraggiamo la comunità delle MMA ad abbracciare la ricerca della qualità, la sorveglianza delle lesioni e il monitoraggio dello stato di salute. Ciò fornirà la base per una politica adeguata che possa garantire la sicurezza degli atleti delle MMA."

Riferimenti:

Alarming weight cutting behaviours in mixed martial arts: a cause for concern and a call for action, James Morton et al., British Journal of Sports Medicine, doi: 10.1136/bjsports-2015-094732, published online 12 October 2015, abstract.

The BMJ news release, accessed 12 October 2015.

Additional source. UFC, Weight classes, accessed 12 October 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati