Perchè i metodi di difesa tradizionali non funzionano?

Perchè i metodi di difesa tradizionali non funzionano?

Cosa ci aspettiamo da una buona autodifesa?

  1. protezione contro i comuni attacchi
  2. possibilità di essere appresa in breve tempo

I problemi esistono già a partire dal primo punto , poichè le tecniche difensive della maggior parte dei metodi tradizionali risultano inservibili nella pratica.

 

Infatti con la consueta tecnica di bloccaggio degli stili di Budo non è possibile parare sistematicamente un attacco di pugno, se questo non è preceduto da alcun movimento di caricamento dell'attacco.

 

Molti allievi di wing chung hanno battuto persone molto esperte di altri stili.

 

Questo non deve essere considerato un fallimento da parte dei nostri partner perchè molti di questi maestri erano dei veri campioni ma è il metodo di difesa che non è adatto!

 

Per evitare che la difesa contro un attacco sia un fatto puramente casuale , il difensore deve assolutamente riconoscere la natura e l'obiettivo dell'attacco prima di poter reagire efficacemente .

 

Il tempo che il cervello del combattente impiega per trasformare i processi di riconoscimento in reazioni , si chiama tempo di riconoscimento cerebrale.

 

Quante più informazioni richiede il cervello per identificare un attacco , tanto più lungo è il tempo di reazione .

 

In altre parole : più passaggi il cervello di un combattente deve fare per identificare un attacco e assegnare la difesa adeguata , più lungo e svantaggioso diventa il suo tempo minimo di reazione.

 

Meno imput sono necessari per decidere più breve e vantaggioso diventa il tempo minimo di reazione.

  • MENO IMPUT PER LA DECISIONE
  • PIU' INTELLIGENTE IL METODO
  • PIU' IMPUT PER LA DECISIONE
  • PIU' COMPLICATO IL METODO

un Buon metodo di autodifesa deve con un minimo di Bits permettere al praticante di identificare inequivocabilmente ogni tipo di attacco!

questo brano è tr

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati