5 Esercizi per Allenare Le Dita della mano

5 Esercizi per Allenare Le Dita della mano

Una stretta orgogliosa ed energica denota sicurezza e sprigiona energia. Ecco 5 esercizi base per avere una presa d'acciaio

Se ci pensate bene, senza mani ogni singolo muscolo del vostro corpo sarebbe pressochè inutile! Pensate solamente all'ipotesi di avere un solo dito rotto: le vostre possibilità di svolgere un qualsiasi lavoro vengono esponenzialmente ridotte. Quindi dobbiamo cercare di mantenerle in buona salute, evitando movimenti ripetuti sia leggeri (come muovere un mouse di un pc) sia pesanti (scaricare per tre ore di fila sacchi di farina da 30 kg) per evitare che si infiammino i tendini causando quelle purtroppo comuni malattie invalidanti come il tunnel carpale o tendiniti. Tuttavia le mani hanno anche un risvolto sociale ed estetico: due belle mani forti hanno anche il loro bell'effetto dopo una stretta di mano energica per presentarsi ad una persona; diversi studi socio-psicologici studiano le diverse personalità anche da una stretta di mano: una stretta forte denota sicurezza al contrario di una stretta di mano debole ed insicura! L'avambraccio e i muscoli relativi sono responsabili della forza della mano: gli estensori ed i flessori sono quelli che la fanno alzare ed abbassare, i supinatori e i pronatori sono invece quelli che la fanno girare invece gli estensori ed i flessori delle dita sono quelli che la fanno aprire e chiudere.

La forza delle mani in confronto agli altri muscoli del corpo è molto più debole in quanto mossa da muscoli piccoli, ed infatti è per questo che se si usano le mani più del dovuto si stancano molto prima. Anche quando usiamo a lungo attrezzi piccoli come pinze e cacciaviti ad esempio le mani si stancano velocemente appunto perchè sono mosse da muscoli piccoli e con una resistenza ridotta quindi è necessario effettuare degli esercizi specifici per rinforzarle e renderle più forti.

Due mani forti tuttavia sono anche allenabili, ecco 5 regole per avere una stretta d'acciaio in un paio di mani sane.

1. ESERCIZIO APRI CHIUDI

Un esercizio che ho imparato facendo Karate è quello di aprire e chiudere le mani per diverse volte di seguito senza sosta. Si parte stringendo a pugno entrambe le mani con forza e aprirle energicamente; il numero di volte di cui eseguire le ripetizioni è soggettivo, fate tre serie e non fermatevi subito quando cominciate a sentire dolore ma fate altre aperture/chiusure fino allo sfinimento

2. DOOR-GRAB

Posizionatevi davanti ad un porta aperta e con le mani “a coccodrillo” prendetela, sporgetevi all’indietro e stringetela in modo da non cadere indietro.

Giocate con l’angolo di pendenza del vostro corpo sul pavimento per aumentare o diminuire la forza che dovrete applicare alla presa per non cadere.

Potete iniziare con entrambe le mani per passare poi ad una mano alla volta. Fate cinque serie da trenta secondi per iniziare per poi passare a tre serie da un minuto.

3. HAND-GRIP

Le molle per allenare la presa è uno degli esercizi più classici e più conosciuti per fare una stretta di mano di tutto rispetto. Siccome non comporta l’obbligo di essere in un logo particolare come la palestra è un esercizio che si può praticare anche nella propria auto mentre si raggiunge il lavoro.

Tenerle in vista e ogni volta (minimo due volte a settimana) fare tre serie da 50 ripetizioni per mano; regolatevi in base alla resistenza che danno: se danno molta resistenza farne di più, al contrario farne di meno.

4. APPENDERSI ALL’ASCIUGAMANO

Un esercizio efficace per rinforzare gli avambracci quindi la presa è quella di usare un asciugamano (va bene anche una corda da marinaio) farlo passare su una sbarra da trazioni e prenderlo alle due estremità e lavorare in isometria.

Porsi l’obiettivo di fare 4 minuti e fare meno pause possibili di minore durata possibile.

Diminuire la pause: Mirare di arrivare all’obiettivo di non farne affatto.

5. WRIST ROLLER

Questo attrezzo potete benissimo fabbricarlo da voi:

  1. prendete un bastone,
  2. legatevi una cordicella
  3. ed appendetevi un peso all’estremità (2,3 o 5 Kg).

Esistono anche attrezzi del genere già fatti in vendita.

Lo prendete con entrambe le mani con presa prona e arrotolate la cordicella su e giù un tot di volte. A mio avviso questo è un esercizio eccezionale (dopo aver fatto qualche ripetizione nell’arco di cinque minuti non avrete nemmeno la forza di tenere su una penna!).

IN CONCLUSIONE

Esistono anche tanti esercizi che allenano in modo indiretto gli avambracci come la trap-bar, le trazioni alla sbarra e qualsiasi lavoro con i manubri; però questi esercizi specifici illustrati sopra, vanno sempre eseguiti alla fine della vostra sessione di allenamento per la forza.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati