6 Esercizi di Body Building Resi Inutili da una Pessima Esecuzione

6 Esercizi di Body Building Resi Inutili da una Pessima Esecuzione

Quando una tecnica sbagliata rende un determinato esercizio inutile

Un’esecuzione di un esercizio di body building biomeccanicamente corretta diminuisce di parecchio le probabilità di infortunarsi. Questo è uno dei motivi principali per dare maggiore importanza alla tecnica di esecuzione degli esercizi piuttosto che al carico. Si vedono spesso in palestra, soprattutto nella panca, personaggi che caricano pesi esagerati, staccano il bilanciere, scendono, sembrano Hulk e poi si fermano a 20 cm dal petto. Il peso è importante ma deve essere gestibile, in quanto se i carichi sono importanti ma si salta la parte più impegnativa dell’esercizio, ovvero la fase eccentrica, quella dove si genera più tensione, e che quindi da uno stimolo maggiore, capite bene che sprecherete molto fatica e soprattutto tempo. Vediamo in questo articolo i 6 Esercizi di Body Building Resi Inutili da una Pessima Esecuzione.

1) TRAZIONI ALLA SBARRA

Con l'avvento del CrossFit si vedono persone alquanto confuse soprattutto quando devono eseguire esercizi che sono comuni nel bodybuilding e functional training, come ad esempio le trazioni alla sbarra. Nel CrossFit lo scopo principale dell'atleta che effettua le trazioni è quello di eseguirne un numero maggiore e per fare ciò utilizza una tecnica chiamata kipping pullups. Nel body building lo scopo è un altro e cioè quello di sviluppare la massa muscolare di dorsali, bicipiti e trapezi. Per sviluppare la massa muscolare la tecnica deve essere controllata soprattutto nella fase eccentrica del movimento ed inoltre il range di movimento deve essere completo. Spesso capita che le persone che vogliono sviluppare i muscoli dorsali e bicipiti con le trazioni, per fare meno fatica, effettuano i movimenti in maniera imparziale con metà range e soprattutto in velocità. Una tecnica approssimativa effettuata con mezze ripetizioni effettuate a tutta velocità vi porteranno poco lontano.

2) SQUAT O MEZZO SQUAT?

Quanti avventori delle palestre commerciali di body building e fitness effettuano uno squat completo denominato FULL SQUAT? Pochi in quanto molti pensano di eseguire lo squat completo, ma in realtà stanno effettuando solo un mezzo squat o squat parziale. Alcuni avventori utilizzano uno sgabello per avere una conferma sulla discesa nel movimento di accosciata. L'utilizzo di uno sgabello o di una panca per capire se l'accosciata è sufficientemente profonda non è un buon metodo in quanto si rischia di decontrarre la muscolatura e nella contrazione per la risalita, si potrebbero creare ingenti danni articolo-muscolari. Il classico manuale di fitness o l'istruttore neofita consigliano di scendere non piu' di 90° con l'angolo del ginocchio. Per perdere tempo questa è la tecnica migliore, noi consigliamo di caricare meno e di effettuare una bella accosciata completa e profonda. Effettuare squat profondi è l'unico modo per ottenere gambe grosse e muscolose, bisogna pertanto caricare meno ma scendere fino in fondo.

3) REMATORE A BUSTO FLESSO

Altro esercizio effettuato malissimo da moltissime persone è il rematore a busto flesso con bilanciere. Con carichi elevati le persone, invece di rimanere con il busto quasi a 90° con il pavimento, si raddrizzano effettuando una tecnica che è a metà tra uno stacco da terra ed un rematore. L'esercizio effettuato in questa maniera è inutile, in quanto lo stacco da terra necessita di carichi ben più alti ed il rematore a busto flesso, per agire sui dorsali, deve avere un angolo di lavoro ben preciso intorno a 85°-90°.

4) PARALLELE

Moltissimi ragazzi effettuano le distensioni alle parallele con un carico attaccato alla cintura di sollevamento effettuando un'escursione di movimento dai 5 ai 10 cm. Questo è il modo per infiammare i gomiti ed infortunare le spalle. Il termine Dip in inglese significa tuffo, in quanto l'esercizio prevede che l'atleta scenda con il busto dentro le parallele in una specie di tuffo. I ragazzi invece eseguono la versione a busto eretto dove però l'escursione del movimento è nettamente inferiore rispetto alla versione con il tuffo del petto, se poi aggiungiamo un carico elevato, capite bene che il movimento diventerà parziale. Consigliamo di effettuare l'esercizio a carico naturale, di buttarsi con il petto in avanti e di effettuare discese molto profonde, questo è un modo per far esplodere pettorali e tricipiti.

5) ALZATE LATERALI CON MANUBRI

Partiamo con il presupposto che le alzate laterali con manubri sono un esercizio complementare che serve per stimolare la zona laterale del deltoide. Vanno quindi eseguite con un peso basso e con una tecnica sopraffina, se invece utilizzate carichi elevati, sarà del tutto normale piegare i gomiti utilizzando trapezi e dorsali per eseguire parte del movimento. Questo è il motivo principale per il quale poche persone sviluppano spalle grosse e degne di nota. Consigliamo pesi bassi, movimenti controllati e traiettorie che colpiscano i deltoidi laterali.

6) ABDOMINAL MACHINE

L'errore commesso da tutti è quello di caricare molto peso, perché non si sente il lavoro sull'addome. Sapete perché non sentite lavorare l'addome? Quasi tutti gli avventori caricano immediatamente metà delle piastre a disposizione ed eseguono l'esercizio TIRANDO CON LE BRACCIA! Questo esercizio non serve per i dorsali, ma per gli addominali e quindi bisogna cercare di spostare il carico con la forza degli addominali e non con quella delle braccia. Per fare ciò bisogna contrarre l'addome in avanti, scordandosi di avere le braccia che impugnano le 2 maniglie, usate quindi poco peso e curate questo discorso unitamente alla respirazione. Caricare molto peso ed effettuare l'esercizio con le braccia serve a ben poco.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati