Quando la Costruzione Muscolare parte dalla Testa

Quando la Costruzione Muscolare parte dalla Testa

La costruzione della massa muscolare è da sempre considerata una conseguenza del lavoro di potenziamento in sala pesi per mezzo di allenamenti specifici. In realtà i bene informati sanno perfettamente che per mettere su massa occorrono tendenzialmente tre fattori concomitanti, ovvero l'attività fisica, un apporto calorico adeguato e un apporto proteico nelle giuste proporzioni. In poche parole serve sì lo stimolo dato in allenamento, ma questo stimolo non è in grado di trasformarsi in massa muscolare se non lo supportiamo di quei famosi mattoni di base necessari a costruirla e, non meno importante, se non forniamo al nostro organismo un apporto proteico sufficiente per svolgere questo compito.

COSTRUZIONE MUSCOLARE E IPOTALAMO

Lo stimolo alimentare è importante quanto lo è quello fisico; in sostanza devono coesistere e collaborare lo stimolo allenante, un adeguato apporto di calorie e come abbiamo detto un corretto apporto di proteine, che rappresentano il mattone di base non solo dell'actina e della miosina, che sono le proteine costituenti la maggior parte del tessuto muscolare, ma anche dei legamenti, del collagene, delle cartilagini, dei tendini, della matrice proteica dell'osso.


Ma non è tutto qui!


Studi recenti hanno evidenziato come la costruzione della massa muscolare nasca a livello ipotalamico attraverso diversi segnali, il cui fine è quello poi di stimolare contemporaneamente la tiroide, le gonadi e l'ipofisi a secernere quegli ormoni indispensabili all'incremento della propria massa magra.


Qui entra in gioco uno schema concettuale su cui si sono concentrati questi studi a livello scientifico detto "di segnale". I segnali interni o esterni, in questo caso l'allenamento, le proteine e le calorie, generano secrezione di adipochine, cioè particolari molecole segnale provenienti dal tessuto adiposo (tra queste particolarmente attive la leptina), che vanno a stimolare alcune zone regolatrici dell'ipotalamo, una parte molto antica del nostro cervello deputata a molte funzioni regolatorie, tra cui quella di prevenire la nostra morte per fame.

I 4 SEGNALI OPERATIVI

L'ipotalamo, se adeguatamente stimolato manda segnali operativi forti a diversi organi favorendo la costruzione muscolare, che vediamo elencati qui di seguito in questi 4 punti.


  1. La tiroide riceve dall'ipofisi il TSH, a sua volta stimolato dal TRH ipotalamico; buoni livelli di ormone tiroideo, conseguenza di un adeguato stimolo ipofisario, favoriscono lo sviluppo di massa muscolare
  2. L'ipofisi riceve dall'ipotalamo stimolo a secernere GH, l'ormone della crescita, che attraverso il suo "braccio armato" IGF1 produce nuova massa muscolare
  3. Le gonadi (testicoli nell'uomo, ovaie nella donna), vengono stimolate dall'ipotalamo e dall'ipofisi a produrre testosterone ed estrogeni, il cui equilibrio è importantissimo per quello che riguarda la potenza muscolare
  4. Il surrene riceve stimolo alla produzione di steroidi sessuali e mineralcorticoidi, attraverso l'ACTH ipofisario, anch'essi necessari per la costruzione di massa muscolare
Detto questo quindi è facile intuire come uno stimolo coordinato all'ipotalamo sia in grado di generare muscolo, ma è evidente che in assenza degli stimoli corretti il muscolo non cresce. Se infatti non vi sono sufficienti calorie disponibili, l'ipotalamo riceve un segnale di carestia e blocca, prima di tutto, la costruzione di muscolo.


Quindi bisogna fare attenzione a seguire diete di restrizione, questo perché, questi regimi alimentari, se fatti di sole proteine, non preserveranno la massa muscolare perché il corpo preferirà trasformare in calorie quanto assunto, visto che di quelle ha carenza.

Avviene la stessa cosa se non assumiamo proteine in quantità adeguata. Attenzione quindi a certe diete sbilanciate e povere di proteine, perché senza queste la massa muscolare non cresce, non essendo ancora possibile al nostro corpo la trasmutazione in proteine di grassi e zuccheri. Calorie, proteine e allenamento rimangono i tre capi saldi del potenziamento muscolare; in assenza di uno dei tre gli altri due si rifiutano di collaborare e tutto il lavoro diventa inutile.
Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati