Integratore Aminoacidi

Integratore Aminoacidi

Perché assumere gli aminoacidi come integratore sportivo


Certamente tra gli sportivi, e soprattutto tra i frequentanti della palestra, l’integratore aminoacidi rappresenta un must nell’integrazione. Fortunatamente, a differenza di altri integratori che vanno presi con cautela, possono essere assunti dalla stragrande maggioranza dell’utenza, viste le proprietà, che andremo ad approfondire a seguito.
Ma cos’è “l’integratore aminoacidi”?
Gli aminoacidi ramificati o BCAA (branched chain amino acid) sono un insieme di tre aminoacidi essenziali (leucina, isoleucina e valina).
Sono anche detti a catena ramificata a causa della loro struttura.
Il nostro organismo non ha la facoltà di sintetizzarli, e ne consegue che devono essere assunti mediante il alimenti come, ad esempio, la carne, oppure tramite integratori specifici.
Per far capire l’importanza dell’integratore aminoacidi, basta pensare che essi rappresentano circa un terzo del muscolo scheletrico in forma di proteine.
E un’ulteriore buona notizia arriva dal fatto che i BCAA non vengono sintetizzati nel fegato, ma direttamente nel muscolo scheletrico. Quindi nessun carico epatico eccessivo!
Tra le varie proprietà va anche ricordata quella di stimolazione d’insulina da parte del pancreas, che abbassa la glicemia e incrementa la produzione di ormone della crescita.


Aminoacidi vs proteine


Non c’è nessuna guerra e non vogliamo fare una comparazione, perché parliamo di due integratori importantissimi, che possono, anzi devono, convivere insieme, per restituire il massimo risultato.
Ma senza dubbio, in molti casi, l’allenamento in palestra ed il conseguente stress muscolare, portano ad un’assunzione eccessiva di proteine. Questo per scarsa informazione e per credenze obsolete che legano il super fisico a dosi massicce di proteine.
L’uso di aminoacidi ramificati, invece, può contenere l’apporto di proteine, portando a un ottimo equilibrio metabolico.
Ma cerchiamo di spiegarci meglio. Grazie al legame peptidico gli aminoacidi si legano tra di loro formando le proteine.
Quando assumiamo degli integratori proteici dopo un allenamento, nel nostro corpo ha inizio la produzione di acido cloridrico, che serve a scindere i legami e slegare gli aminoacidi.
Dobbiamo però pensare che, durante l’allenamento, il nostro corpo ha già prodotto una serie di tossine, a causa della fatica e se noi andiamo a sovraccaricarlo di proteine apportiamo ulteriore acidità all’organismo.
Quindi, alla fine della nostra scheda giornaliera, dopo aver bene idratato l’organismo, è assolutamente preferibile assumere l’integratore “aminoacidi”.
E’ comunque consigliata l’assunzione di sali minerali e di cibi alcalinizzanti, come carote, sedano, banane, fichi e albicocche.

Assunzione di aminoacidi ramificati BCAA


Quindi, ricapitolando, noi di ABC allenamento consigliamo l’assunzione di aminoacidi laddove vi sia una richiesta di recupero importante.
Non vengono metabolizzati nel fegato, ma direttamente nel muscolo.
Stimolano la sintesi proteica, limitando la formazione di ammoniaca e fornendo maggiore energia.
Sono ottimi sia nella fase di allenamento ma anche nel recupero.
Per quando riguarda l’assunzione, consigliamo 1 gr per ogni 10 kg di peso, dividendo il totale al 50% prima dell’allenamento e al 50% dopo.
Non molti lo sanno, ma se assunti in minima dose (bastano 2 grammi) durante i pasti, incrementano il valore biologico delle proteine ingerite.
Ci sono molte ditte che producono aminoacidi ramificati e grazie ai controlli dal ministro della sanità non ci dovrebbero essere grosse sorprese. Ma il consiglio che diamo è di non comprare le meno costose, perché se costano poco un motivo ci sarà.
Buon allenamento e chiedete un parere ad un esperto: vedrete che vi consiglierà sicuramente gli aminoacidi ramificati.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati