Quando è nata la moda della Ginnastica Aerobica

Quando è nata la moda della Ginnastica Aerobica

Quando e come e perché è nata "l'aerobica" nelle palestre

Di "aerobica" si inizia a parlare negli Stati Uniti intorno agli anni '70 per merito del medico americano Kenneth Cooper. Questi, dovendo elaborare un programma di allenamento per gli astronauti della NASA, ne ideò uno basato su esercizi "aerobici" da poter svolgere al chiuso, per lunghi periodi di tempo e in grado di aumentare il rendimento dell'apparato cardiovascolare, migliorare la forza e l'elasticità muscolare e realizzare un buon equilibrio fra la massa magra e la massa grassa.

 

Un buon lavoro completo, quindi, capace di stimolare un adeguato rendimento fisiologico, sviluppare le potenzialità funzionali dell'organismo e migliorare l'efficienza fisica e lo stato di salute generale.

Inizialmente esso prevedeva un sistema di assegnazione di punteggio per gli esercizi eseguiti e per ogni sessione di lavoro che determinava, alla fine della settimana, il livello di allenamento raggiunto.

 

Il programma in principio si basava essenzialmente sul jogging, ma correre per molto tempo e al chiuso non si rivelò particolarmente divertente, così, successivamente, i principi fisiologici di questo lavoro furono adattati a un sistema di lezioni e di esercizi più gradevoli e motivanti.

Alla ripetitività dei movimenti del jogging venne applicata la musica per realizzare un programma che avesse i presupposti di una lezione di ginnastica, in modo tale da creare un supporto psicologico sufficientemente stimolante per poter protrarre il più a lungo possibile l'allenamento (caratteristica fondamenteale dell'allenamento aerobico).

 

In seguito la lezione dei ginnastica aerobica, pur mantenendo le stesse caratteristiche strutturali, si è arricchita di nuove tecniche (step, cirucit training, total body conditioning, ecc.), tanto da soppiantare la ginnastica di tipo più tradizionale. Tuttavia, non sempre le tecniche proposte hanno avuto un largo riscontro, come ad esempio il lavoro ad alto impatto (lezione prevalentemente "saltata") e le lezioni particolarmente coreografate e veloci (combinazioni di movimenti molto complesse).

Per fortuna queste esasperazioni tecniche nel tempo si sono perse; la ginnastica aerobica praticata oggi è una lezione di base, svolta secondo ritmi e schemi di movimento di facile approccio, dove la dimensione ricreativa (ludica) e l'aspetto socializzante (lavoro realizzato in gruppo con il coinvolgimento musicale) contribuiscono a renderla estremamente divertente e coinvolgente.

 

Alla ginnastica aerobica, inoltre, va riconosciuto il merito di aver posto l'attività fisica in una dimensione più ampia rispetto alle precedenti concezioni di esercizio fisico, per gli adulti. Inisieme alla pratica degli esercizi , infatti, si mettono in evidenza l'importanza di una corretta alimentazione, la necessità di attuare uno stile di vita più attivo e la possibilità di realizzare il proprio benessere in senso globale, finalizzato non soltanto al miglioramento della forma fisica ma anche e soprattutto del benessere psicofisico.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati