Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente

Brain Walking: un nuovo sport per allenamento di corpo e mente

Camminare e meditare, fare un esercizio fisico completo ed allo stesso tempo ritrovarsi spiritualmente, è proprio vero che mente e corpo vanno in tandem ma mai come fare Brain Walking. Il famoso istruttore di nordic walking e orienteering Pino Dellasega ha unito il famoso sport scandinavo Nordic Walking con il brain storming, tecnica di creatività di gruppo utilizzata per far emergere nuove idee.

Si tratta di una camminata lenta, dolce e ritmica dove è coinvolto tutto il corpo perchè utilizzando i bastoncini falcando a testa alta permette di distriubuire il carico del corpo anche sulle braccia coinvolgendo totalmente il fisico scaricando in parte il carico a ginocchia e caviglie. La lunghezza del passo è ritmata dall'oscillazione più o meno ampia delle braccia. Inutile dire che coinvolgendo in questo modo il 90% dei muscoli per un periodo più o meno lungo ne beneficia anche l'apparato cardio-vascolare e tutto il relativo sistema muscolo scheletrico.

Un buon matrimonio tra lavoro aerobico (blando ma di fondo) ottimo per il mantenimento del peso, lavoro muscolare total body in cui beneficiano meccanismi energetici differenti. Il senso di benessere aumenta proprio in base al lavoro completo di stimoli indotti a corpo e mente.


La camminata portata a ritmi lenti e dolci permette di cancellare dalla mente tutto ciò che è superfluo e dannoso per dare spazio a nuove  e preziose percezioni.


Di sicuro anche gli ambienti dove vengono svolte le passeggiate aiutano: in montagna, nei boschi, in spiaggia ma anche in parchi cittadini; luoghi tranquilli che infondono tranquillità e danno la possibilità di unirsi alla natura e permettere alla mente di vagare, di sciogliere le idee, di trovare magari anche la soluzione a problemi quotidiani che lo stress e la frenetica vita moderna non permette.

Quindi l'obiettivo di questo nuovo sport è quello di permettere alla mente di camminare insieme al corpo: molti filosofi e scrittori nel corso della storia hano ammesso di aver avuto vere e proprie illuminazioni durante una camminata casuale o abituale in cui erano riusciti a liberarsi da rigidi ragionamenti e idee precostituite. Perfino Aristotele 2300 anni fa amava parlare percorrendo di continuo il perimetro del giardino della scuola peripatetica di filosofia greca dove insegnaa per meglio organizzare i propri pensieri.

Ma decidere in modo consapevole di camminare per entrare in contatto con il proprio inconscio, ricavandone idee geniali e nuove strategie di vita, è un approccio del tutto nuovo.


La struttura del Brain Walking va oltre al semplice pensare mentre si cammina: si struttura la seduta in quattro fasi e un taccuino su cui annotare i progressi, le idee o le intuizioni raggiunte.

LA PRIMA è la compenetrazione; cioè l'amalgamazione della persona con i suoi desideri e obiettivi, è il momento precedente la camminata in cui il praticante annota sul taccuino le sue esigenze per poi concentrarvisi durante il walking.
LA SECONDA è la purezza; consiste nel liberare la mente da tutti i pensieri e i preconcetti e focalizzare l'attenzione sulla purezza del movimento e raggiungere una dimensione senza tempo.
LA TERZA è l'immediatezza; è quella dell'arrivo delle prime intuizioni e degli spunti creativi, ancora in forma grezza e indefinita: risposte del tutto sorprendenti e inattese. Anche qui carta e penna per scrivere nero su bianco per gli appunti.
LA QUARTA è il fissaggio; è la valutazione della validità dei primi pensieri annotati e la trasformazione delle idee grezze in idee più articolate, con l'aiuto del pensiero e dell'analisi fatta insieme al formatore e gli altri brain-walker.

 

 

Anche alcune imprese hanno deciso di utilizzare il BRAIN WALKING per sostituire sale riunioni e meeting room; invece di tavole rotonde e grafici digitali è la natura che fa da luogo di riorganizzazione di idee nuove e strategie aziendali.

 



Sifu Sandro

se volete saperne di più:
www.brainwalking.it
www.nordicwalkingtime.it
www.scuolaitaliananordicwalking.it



Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati