Il Portamento Perfetto

Il Portamento Perfetto

I classici errori nel portamento e consigli utili per camminare in modo corretto

Avere un buon portamento è importante, dà di noi all'istante un'impressione positiva in chi non ci conosce e ci vede per la prima volta; se i nostri movimenti saranno elastici ed armoniosi nella camminata oltre a rendere il nostro aspetto più giovanile trasmette anche sensazioni di eleganza e rispettabilità.

Talvolta la televisione ci trasmette messaggi sbagliati, ci convinciamo che un buon portamento è per esempio quello delle modelle in passerella, che camminano in modo innaturale come se reggessero un peso sulla testa, oppure quello energico e rigido di tipo militaresco, o per finire quello spesso non elastico delle ballerine.

Niente di tutto questo!

Cominciamo col dire che esistono un paio di semplici regole per avere un buon portamento:

  1. spalle indietro e schiena eretta
  2. petto in fuori e pancia in dentro
  3. testa alta

Il sistema migliore, più semplice e più facile per arrivare ad avere un buon portamento è il movimento armonioso, che possiamo ottenere con un pò di esercizio e mantenendo il nostro corpo elastico e "in forma" con lo sport o almeno con un pò di ginnastica.

Nella donna soprattutto il portamento è fondamentale, la rende elegante e femminile, una "gran signora" insomma.

I FATTORI CHE DETERMINANO UN BUON PORTAMENTO

Anche l'alimentazione influenza il nostro portamento: le ossa e i muscoli hanno bisogno di essere "ben nutriti" per diventare flessibili ed elastici per consentirci di avere una camminata naturale ed elegante.

Si possono notare in molte persone anziane le conseguenze di un'alimentazione sbagliata, come per esempio gambe arcuate e schiena incurvata, per lo più sintomo di deficienza dell'ossatura.

Senza dubbio quindi la ginnastica, il nuoto o qualsiasi altro sport completo, un'alimentazione razionale e un costante autocontrollo aiutano a sviluppare un buon portamento.

Il buon portamento rivela l'umore e lo stato d'animo di una persona: chi ha un buon autocontrollo, quando è triste o irritato mantiene il proprio atteggiamento e "non china il capo".

Al contrario, il consiglio "testa in alto" può indurre una persona depressa a tenere il capo più sollevato, e questo fattore può migliorare il suo stato d'animo; da qui vediamo come il portamento esteriore e stato d'animo vanno di pari passo.

Acquisterete ben presto un portamento perfetto se abbinerete ai movimenti giusti anche una respirazione corretta e profonda.

GLI ERRORI TIPICI

I classici errori commessi nel camminare e che causano un portamento scorretto sono:

  • Camminare o stare diritti con i piedi girati in dentro; questo significa che non vi appoggiate sui talloni ma sulla parte esterna del piede, di conseguenza camminando le dita dei piedi tendono a voltarsi verso l'interno e il risultato è che si tende a inespicare, si barcolla come anatre, i piedi si rovinano e ci si stanca facilmente
  • Anche camminare o stare fermi con i piedi girati verso l'esterno è sbagliato. In questo caso ci si appoggia su tutta la pianta e il piede rimane rigido, e così pure l'articolazione del ginocchio; in questo caso la persona ha un'andatura pesante e goffa
  • Chi si precipita in avanti e al tempo stesso fa ciondolare le braccia appare affannato e sgraziato; inoltre i passi lunghi non fanno arrivare a destinazione più rapidamente di una normale andatura
  • Chi camminando ancheggia come una diva di Hollywood, non solo si rende ridicola ma finisce per stancare i muscoli del bacino
  • Chi cammina in fretta, con il capo chino in avanti, appare scostante e, al tempo stesso, assume un'aspetto triste. Camminare a piccoli passettini non fa apparire graziose e leggiadre ma è semplicemente buffo

Non dimenticate che camminare in modo scorretto, oltre a dare agli altri una brutta impressione di voi, con il passare del tempo vi causerà problemi alla schiena, quindi cercate di auto-correggervi, vi conviene in ogni caso!

LA CAMMINATA PERFETTA....

Volete assumere un portamento corretto e di tutto rispetto?

Seguite queste 7 regole:

  1. Portate in avanti la gamba destra o la gamba sinistra con il ginocchio teso
  2. appoggiate dapprima il tallone e fate fare quindi al piede un completo movimento dal tallone alla punta, facendo oscillare contemporaneamente il braccio destro e il braccio sinistro in avanti
  3. mentre un piede sviluppa questo movimento dal tallone alla punta, piegate leggermente l'altro ginocchio, alzate il piede, allungatelo in avanti, sollevatelo, e ricominciate gli stessi movimenti
  4. le braccia oscillano sempre ritmicamente: quando il piede sinistro si muove in avanti il braccio destro è in avanti e viceversa
  5. ricordate di tenere per tutto il movimento la schiena dritta, le spalle indietro e il petto in fuori
  6. la testa deve rimanere eretta, lo sguardo fisso in avanti
  7. Esercitatevi a camminare in questo modo lentamente, e vedrete che sarà come guidare la macchina, dopo un pò vi verrà tutto in automatico.
Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati