Come Camminare Correttamente: 6 consigli utili

Come Camminare Correttamente: 6 consigli utili

30 minuti al giorno è il consiglio del tuo medico, ma sai farlo correttamente?

Camminare è fra le espressioni di movimento più spontenee e naturali dell'essere umano, tanto da essere generalmente considerata un'attività motoria priva di controindicazioni e facilmente praticabile da tutti e a tutte le età, sia per le numerose possibilità di esercitazione che offre (in molti spazi e in ogni momento della giornata), sia per l'economia dei mezzi da utilizzare (tuta e scarpe da ginnastica).


È un esercizio fra i più indicati per allenare il sistema cardiovascolare a una bassa e moderata intensità, è consigliabile, soprattutto, a chi riprenda l'attività fisica dopo una lunga pausa o abbia necessità di effettuare un allenamento per recuperare e mantenere l'efficienza fisica.

 

Essendo un esercizio aerobico, induce adattamenti

  • cardiocircolatori,
  • respiratori
  • e metabolici;

 

 

coinvolge tutti i gruppi muscolari e, pertanto, è in grado di aumentare il livello del tono muscolare e di produrre favorevoli adattamenti anche sull'apparato osteoarticolare, migliorando l'efficienza dell'apparato muscolo-scheletrico in generale.


Infatti, la pratica regolare di un esercizio effettuato in opposizione alla forza di gravità (come ad esempio camminare) produce stimoli meccanici sufficienti ad aumentare il valore della massa ossea, diventando un valido strumento di prevenzione e di terapia dell'osteoporosi.

 


Camminare è un'attività che può essere proposta a tutti coloro che hanno bisogno di effettuare un esercizio a basso impatto meccanico (leggero o moderato carico sulle strutture articolari) come le

  • donne in gravidanza,
  • gli anziani,
  • le persone in sovrappeso
  • o persone con problemi osteoarticolari e muscolo-tendinei.

 

Ancora, può essere consigliata a coloro che devono esercitarsi in un'attività aerobica di media o lunga durata svolta a una intensità moderata e in grado di stimolare un adeguato dispendio energetico.


È necessario dunque che il programma di passeggiata abbia una durata sufficiente e un'intensità adeguata (influenzata anche dal tipo di superficie e dal grado di pendenza del terreno), con un'opportuna velocità di andatura, personalizzata sulla base delle caratteristiche fisiche e cliniche di ciascuno.

 


Tale esercizio, inoltre, aumentando la prestazione fisica a livello organico migliora la coordinazione e la capacità di rendimento motorio stimolando una più efficace organizzazione dello schema corporeo e motorio.

 


CAMMINARE PER 30 MINUTI a una velocità di 3,2 chilometri all'ora produce un dispendio energetico di 120 calorie, mentre camminare più velocemente (6,4 chilometri orari, il doppio), sempre per lo stesso periodo di tempo, produce un dispendio di 220 calorie.

 

 

CONSIGLI PER CAMMINARE CORRETTAMENTE

  1. Scegliete un orario della giornata in cui avete più energie da dedicare all'attività fisica (anche più volte al giorno)
  2. Trovate un luogo adatto per allenarvi (un parco, una strada tranquilla)
  3. Preferite terreni morbidi in terra battuta ed evitate le superfici irregolari o dure come il cemento o l'asfalto
  4. Vestitevi in maniera adeguata e indossate scarpe tecniche
  5. Portate con voi una scorta d'acqua
  6. Fate riferimento a un corretto programma di allenamento possibilmente personalizzato

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati