L-istidina

L-istidina

L-istidina è uno degli aminoacidi semi essenziali ed ha un gruppo funzionale imidazolo, che è tipico per un aminoacido aromatico. Essa è coinvolta nella formazione di proteine e in diverse influenze diverse delle reazioni metaboliche del corpo.

L'istidina contribuisce a migliorare il sistema immunitario

Siccome la L-istidina viene prodotta solo in piccole quantità nel corpo, essa deve essere assunta prevalentemente attraverso la dieta. In alcuni casi, la sintesi di L-istidina è così limitata che può dirsi essere un aminoacido essenziale.

I neonati, in particolare, hanno bisogno di una fonte supplementare di L-istidina, sia attraverso il latte materno, supplementi speciali, o latte artificiale, in quanto una carenza può portare a problemi di crescita e di altre condizioni.

L'istidina è anche una sostanza essenziale per coloro che devono recuperare da una malattia e durante la crescita (durante l'infanzia e l'adolescenza). È meglio prendere L-istidina a stomaco vuoto, in quanto è più efficace. Una dieta squilibrata o troppo stress può anche portare ad una carenza, che può manifestarsi in interruzioni della crescita o artrite reumatoide negli adulti.

L'istidina ha molte funzioni vitali all'interno del corpo ed è coinvolta nella sintesi dell'emoglobina, la riparazione dei tessuti e il potenziamento del sistema immunitario.

Alimenti che contengono più L-istidina

L'istidina è prevalentemente contenuta negli alimenti ricchi di proteine ed è prodotta esclusivamente nelle giovani piante ed è trasmessa agli animali attraverso la catena alimentare. Gli effetti dello stress, patologie croniche esistenti e le lesioni, aumentano il fabbisogno giornaliero di L-istidina; questa necessità può spesso essere soddisfatta solo attraverso i relativi integratori nutrizionali.

Dopo le operazioni chirurgiche o in casi di artrite o anemia, il bisogno del corpo per l'istidina può salire molto rapidamente, quindi bisognerebbe, in questi casi, considerare l'integrazione. Un deficit può avere gravi conseguenze per i bambini e i giovani, in quanto essendo ancora in crescita, una carenza può compromettere la regolare crescita. Inoltre, l'istidina regola la difesa immunitaria nel corpo, reazioni allergiche e processi infiammatori, quindi una carenza di L-istidina può portare ad una maggiore tendenza verso l'infezione e l'aggravamento di sintomi di allergia.

Per evitare questi problemi, è necessaria una dieta equilibrata e varia, e il consumo dei seguenti alimenti può contribuire a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Accanto ai semi di soia (circa 1097 mg per 100 g), filetti di petto di pollo (circa 791 mg per 100g) e manzo (circa 678 mg per 100g) che sono particolarmente buone fonti di L-istidina e dovrebbe essere inserite in un piano alimentare sano, ove possibile, anche le germe di grano (circa 643mg per 100g) e il salmone crudo (circa 549mg per 100g) sono altrettanto adatti per soddisfare il fabbisogno giornaliero.


È importante notare che, come le vitamine, l'effettivo tenore di L-istidina di questi alimenti dipende dalle condizioni di conservazione e metodi di preparazione, e può essere diverso dal valore standard. Soprattutto i piselli, le noci e il mais dovrebbero essere tenuti sigillato e lontani dalla luce solare, siccome le radiazioni UV e l'ossigeno distruggono gradualmente la L-istidina contenuta, riducendo il valore nutrizionale di questi alimenti.

Funzioni della L-istidina

Una delle caratteristiche più importanti dell'istidina è che può essere convertita in varie sostanze, tra cui l'istamina, glutammato ed emoglobina. Inoltre, è coinvolta in varie reazioni metaboliche e quindi assicura indirettamente la fornitura di ossigeno a tutti gli organi e tessuti. Si tratta di un blocco di costruzione per molti molecole contenenti ferro, ad esempio, la ferritina. Questa funzione è anche importante, in quanto garantisce un approvvigionamento sufficiente di energia nelle cellule e può detossificare il corpo dai metalli pesanti attraverso la sua capacità di combinare con loro.

Altre funzioni svolte dall'istidina includono la regolazione dei valori di pH del sangue, sostenendo la guarigione delle ferite e la regolazione dei meccanismi di crescita e riparazione naturale. Senza L-istidina, i processi di crescita sarebbero interrotti e la mancanza di questo aminoacido può portare a rallentare lo sviluppo e la rigenerazione del tessuto. È anche possibile che una carenza può portare all'infiammazione della pelle e delle mucose e un recupero lento dopo operazioni o procedure chirurgiche.

Tra le altre cose, la L-istidina è necessaria per la formazione della guaina mielinica che circonda tutte le cellule nervose e le protegge da danni, e può essere utilizzata per prevenire determinate condizioni degenerative come il morbo di Alzheimer e di Parkinson. Inoltre, questo aminoacido semi-essenziale è coinvolto nella sintesi di globuli rossi e bianchi, e quindi influenza l'attività del sistema immunitario, in quanto i leucociti svolgono un ruolo importante nella lotta contro gli agenti patogeni.

Infine, l'istidina può proteggere il corpo dal danno di radiazione, legandosi alle molecole dannose, quindi eliminandole. Per questo motivo, un preparato contenente L-istidina appositamente progettato può essere somministrato prima di un trattamento medico che prevede radiazioni ionizzanti, per proteggere il corpo dagli effetti diretti e indiretti delle radiazioni.

Inoltre, l'istidina può avere un effetto terapeutico in casi di infiammazione e può quindi essere utilizzata nel trattamento di artrite e per contribuire a ridurre i sintomi di allergie.

Usi Medici di L-istidina

Il potenziale preventivo e terapeutico della L-istidina non è ancora stato completamente esplorato, anche se diversi studi hanno già dimostrato l'efficacia di questa sostanza vitale nel trattamento medico.

L'istidina Può Abbassare La Pressione Sanguigna

La scoperta che questo aminoacido può abbassare la pressione sanguigna è stato un passo particolarmente importante [1]. Siccome la L-istidina rilassa i vasi sanguigni, può autare contro l'ipertensione e aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari, come attacchi di cuore e arteriosclerosi. I ricercatori hanno anche dimostrato che il consumo giornaliero di un integratore alimentare a base di L-istidina può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari fino al 60,9%.

Un altro settore in cui l'uso di integratori di L-istidina è importante è il trattamento dell'insufficienza renale cronica, che è particolarmente comune tra gli anziani. Una bassa concentrazione di L-istidina nel plasma sanguigno aumenta l'attività infiammatoria del corpo e porta ad un aumento dello stress ossidativo, così l'integrazione di L-istidina è direttamente associata ad un tasso di riduzione della mortalità. [2]

Inoltre, è stato scoperto anche che la L-istidina, in combinazione con lo zinco, può essere efficace contro raffreddori. Uno studio condotto con oltre 40 partecipanti ha indagato in che misura l'assunzione di zinco e L-istidina può minimizzare la durata di una infezione virale o batterica. I ricercatori sono giunti alle conclusioni che il consumo di entrambe queste sostanze vitali insieme accorcia la lunghezza di un raffreddore comune in media di 3,6 giorni. [3]

Conclusione

La L-istidina gioca un ruolo nella regolazione della crescita e contribuisce alla formazione di cellule del sangue. Ai bambini in particolare, si dovrebbe garantire un approvvigionamento sufficiente di questa sostanza vitale, siccome una carenza può portare a problemi di crescita. Inoltre, integratori alimentari contenenti L-istidina sono molto utili durante il processo di recupero post operatorio o lesioni, in quanto supporta il processo di guarigione e favorisce la rigenerazione del tessuto. Questo aminoacido semi-essenziale ha già dimostrato la sua validità nel trattamento di alcune malattie e può, tra le altre cose, ridurre la gravità di insufficienza renale e aiutare a prevenire gli attacchi di cuore.

Riferimenti:

Tuttle KR et al.: Dietary amino acids and blood pressure: A cohort study of patients with cardiovascular disease; AM J Kidney Dis, 2012 Feb 28″

Makoto Watanabe et al.: Consequences of low plasma histidine in chronic kidney disease patients: associations with inflammation, oxidative stress, and mortality; American Journal of Clinical Nutrition; Vol. 87. No. 6, 1860-1866, June 2008

“Prasad As et al.: Duration of symptoms and plasma cytokine levels in patients with the common cold treated with zinc acetate. Ann Intern Med. 2000; 133

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati