Triptofano

Triptofano

I benefici per la salute apportati da questo amminoacido

Il triptofano aiuta a migliorare gli stati d'animo. L-triptofano - un amminoacido proteinogenico, è essenziale per il corpo umano ed ha una struttura aromatica.

Come la fenilalanina, l'istidina e la tirosina, la sua struttura contiene un gruppo funzionale indolo, il che significa che non può essere sintetizzato e deve essere ingerito attraverso la dieta. Gli alimenti che sono ricchi di proteine, come la soia o l'avena, sono particolarmente adatti per questo scopo, per garantire il fabbisogno giornaliero, possono essere soddisfacenti anche piselli e noci.

 

Siccome il L-triptofano non è solubile in acqua, e possiede una notevole resistenza al calore, solo una piccola quantità viene persa durante il processo di cottura. Il fabbisogno giornaliero di L-triptofano differisce da persona a persona, quindi è difficile stimare quante persone in realtà riescono a soddisfare regolarmente le proprie esigenze quotidiane attraverso la sola nutrizione.

 

Oggi, però, è molto probabile che le abitudini malsane alimentari, così come anche il troppo stress, fa si che solo poche persone sono in grado di soddisfare le richieste del loro corpo per l'L- triptofano e quindi bisognerebbe valutare bene l'assunzione di questo amminoacido.

 

Una carenza di questo amminoacido essenziale può portare a sbalzi d'umore erratici e, talvolta, anche alla depressione, siccome l'L- triptofano svolge importanti funzioni nel sistema nervoso come produttore di messaggi. Per questo motivo, è ora possibile utilizzare questa sostanza vitale sotto forma di integratore alimentare per combattere malattie mentali, come diversi studi hanno già dimostrato.

 

Gli alimenti che contengono buone quantità di L- triptofano

 

L-triptofano promuove la produzione di Serotonina

Un adulto sano consuma ogni giorno circa da 3,5 mg a 6 mg di L-triptofano per chilogrammo di peso corporeo attraverso il cibo. Tuttavia, non ci sono, grandi differenze nei bisogni reali delle persone. [1] Ciò significa che è opportuno includere il maggior numero di diverse fonti di L-triptofano nella vostra dieta, per evitare il pericolo di un eventuale deficit. Una carenza è soprattutto probabile in casi di disturbi gastrointestinali infiammatori o danni al fegato, dove la naturale capacità di assorbimento viene interrotta; le carenze in questi casi possono portare a il rischio di complicanze.

Il cibo non contiene L-triptofano in forma libera; ma è invece legato alle proteine. In ogni 100g di cibo, le seguenti quantità di proteine ​​totali e L-triptofano, rispettivamente, sono si trovano:

 

Cibo

Proteine ​​totali

L-triptofano

L-triptofano% di proteine

Germogli di soia

36,5%

590 mg

1,6%

Cacao in polvere (senza zucchero)

19,6%

293 mg

1,5%

Anacardi

18,2%

287 mg

1,6%

Petto di pollo (crudo)

21,2%

267 mg

1,3%

Piselli (essiccati)

 24,6%

266 mg

1,1%

Carne di maiale (cruda)

21,0%

220 mg

1,1%

Salmone (crudo)

20,4%

209 mg

1,0%

Avena

13,2%

182 mg

1,4%

Noci

15,2%

170 mg

1,1%

Uova di gallina

12,6%

167 mg

1,3%

Riso integrale

7,9%

101 mg

1,3%

Farina di mais

6,9 g

49 mg

0,7%

Latte vaccino (3,8% di grassi)

3,3 g

46 mg

1,4%

 

Poiché l'L-triptofano contenuto in questi alimenti è legato chimicamente, solo una parte viene assorbita dal corpo. L'effetto di questi alimenti nella dieta non è quindi lo stesso come l'effetto degli integratori alimentari contenenti L-triptofano.

 

L-triptofano - un amminoacido resistente
Non sono necessarie precauzioni particolari durante la preparazione di alimenti contenenti L-triptofano, siccome è resistente al calore e all'acqua. Tuttavia, i rispettivi contenuti di L-triptofano in questi vari alimenti possono differire e sono influenzati da vari fattori quali il posto dove il cibo è stato conservato, le condizioni durante la produzione e altri fattori esterni.

 

Siccome il triptofano è un amminoacido, può essere trovato in quantità particolarmente elevate in alimenti contenenti proteine ​​di origine vegetale o animale. I semi di soia, per esempio, contengono particolarmente una grande quantità di L-triptofano (circa 590mg per 100g), anche se le quantità contenuti nelle noci cashew (circa 280mg per 100g) e il cacao in polvere non zuccherato (circa 290mg per 100g) sono altrettanto degni di nota.

 

Ai fini di una dieta equilibrata e varia, l'avena (con un contenuto di circa 180 mg per 100 g) e le uova di gallina (circa 167mg per 100g) possono essere usati come fonti di L-triptofano per assicurarsi livelli sufficienti di questo amminoacido attraverso la dieta. Inoltre, i piselli essiccati (circa 275mg per 100g) e il salmone crudo (circa 209mg per 100g) contengono grandi quantità di questa sostanza vitale e sono ottimi da inserire nella dieta.

 

Le Funzioni dell'L-triptofano
L'L-triptofano è presente naturalmente negli alimenti, ma solo in quantità minori rispetto alla maggior parte degli altri aminoacidi. Tuttavia, esso svolge molte funzioni importanti nel corpo umano ed il suo metabolismo. Gli effetti sul sollevare l'umore dell'L-triptofano sono particolarmente degni di nota. Ciò deriva dalla conversione dell'amminoacido in serotonina. Come precursore della serotonina, l'L-triptofano contribuisce in modo significativo al bilanciamento del nostro stato d'animo ed ha effetti particolarmente positivi sul nostro senso di benessere.


Il Triptofano - Riduce l'Appetito e Riduce l'Ansia

 

Se è presente una quantità insufficiente di L-triptofano nel corpo, come risultato, si possono sviluppare gravi disturbi d'ansia o addirittura depressione. Inoltre, la serotonina ha un effetto limitante sull'appetito, lo diminuisce, quindi una concentrazione sufficiente può aiutare le persone in sovrappeso a perdere peso. Per sostenere queste effetti nella dieta, possono essere utilizzati gli integratori alimentari di triptofano.

 

Gli sportivi impegnati in competizioni, ottengono benefici col consumo di integratori contenenti L-triptofano, in quanto questi possono aumentare la forma fisica e quindi migliorare i risultati dell'allenamento.

 

Un ulteriore importante funzione dell'L-triptofano è quella di sostenere la sintesi di niacina (vitamina B3) attraverso il suo ruolo di provitamina. Siccome la niacina assume compiti importanti nel metabolismo di carboidrati, proteine ​​e grassi, garantisce un approvvigionamento di energia per il corpo, l'L-triptofano ha quindi anche una grande importanza per questo processo. Inoltre, la vitamina B3 è necessario per la sintesi di alcuni neurotrasmettitori e messaggeri, permettendo la trasmissione di stimoli nel cervello. Come componente di diverse proteine, l'L-triptofano è anche indirettamente coinvolto in molte reazioni enzimatiche, consentendo la costruzione di diversi tessuti attraverso le cosiddette "proteine ​​strutturali.

 

L-triptofano per un Sonno Sano

Nuove scoperte hanno dimostrato che l'L-triptofano può anche aiutare con il sonno della buona notte; mantiene il livello di serotonina abbastanza costante durante il giorno, lasciando che abbastanza melatonina venga prodotta dalla serotonina durante la notte. Questo ormone influenza in modo significativo il nostro ciclo del sonno che risulta necessario per un sonno ristoratore. Basse concentrazioni di L-triptofano possono quindi causare problemi ad addormentarsi e anche d'insonnia, inoltre possono peggiorare notevolmente il nostro stato di salute generale.

 

Uso Medico dell' L-Triptofano

Il Triptofano Favorisce la Perdita di Peso e Aiuta a Superare i Disturbi del Sonno.

Avendo l'L-triptofano molti effetti positivi sul corpo umano, può essere utilizzato per combattere alcune condizioni mediche e contribuire alla ripresa. Diversi studi sono già stati effettuati al fine di confermare queste ipotesi, dimostrando in maniera convincente l'efficacia degli amminoacidi essenziali.

 

Uno studio del 2010 ha esaminato, per esempio, fino a che punto l'L-triptofano può fermare la diffusione di una condizione epatica comune (steatoepatite). Lo studio è basato sulla formazione di stress ossidativo e reazioni infiammatorie. Dopo sole quattro settimane, i partecipanti allo studio che avevano ricevuto supplementi speciali ogni giorno, avevano un livello significativamente migliorato dei trigliceridi e della quantità di citochine infiammatorie disponibili. Potrebbe pertanto essere dimostrato che l'L-triptofano contribuisce significativamente a prevenire la diffusione di steatoepatite e può migliorare lo stato generale di salute del paziente. [2]

 

Inoltre, questo aminoacido essenziale ha effetti positivi sulla sindrome dell'intestino irritabile. [3]

Meno L-triptofano c'è nel corpo, in modo più grave sono i sintomi di questa condizione; l'L-triptofano può quindi essere usato per alleviare la sindrome dell'intestino irritabile.

 

Infine, è già stato dimostrato che questa sostanza proteica può essere molto efficace nella lotta contro la depressione, diventando il più importante antidepressivo senza effetti collaterali. [4]

 

Un sovradosaggio di L-triptofano, non deve avvenire, in quanto il triptofano ha effetti tossici sul corpo.

Nonostante questo, il triptofano, come preparazione di amminoacido non è legale in alcuni paesi, in quanto è visto come un farmaco, in alcuni di loro è disponibile su prescrizione medica.

 

Conclusione
L-triptofano è una delle più importanti sostanze per sollevare l'umore presenti in natura ed è coinvolto nella sintesi del cosiddetto 'ormone della felicità', la serotonina. In contrasto con molti antidepressivi convenzionali, non provoca effetti collaterali dannosi e può avere effetti sorprendenti anche nei casi in cui il tradizionale trattamento non è riuscito.

 

Integratori mirati contenenti questo amminoacido essenziale, possono anche favorire la perdita di peso e contribuire a superare i disturbi del sonno. Inoltre, l'L-triptofano è necessario nel corpo per la produzione di varie sostanze, per il suo ruolo nel metabolismo e nella produzione di energia. Negli ultimi anni pertanto, è stato riconosciuto come un rimedio importante nella medicina ortomolecolare.

 

Riferimenti:

1- “G. Lazaris-Brunner, M. Rafii, R. O. Ball, P. B. Pencharz: Tryptophan requirement in young adult women as determined by indicator amino acid oxidation with L-(13C)phenylalanine. In: Am. J. Clin. Nutr. 68(2); Aug 1998: S. 303-10″ 
2- “Cichoz-Lach H. et al.: The effects of L-tryptophan and melatonin on selected biochemical parameters in patients with steatohepatits; J Physol Pharmacol 2010 Oct; 61(5): 577-580″
3- “Fitzgerald P et al.: Tryptophan catabolism in females with irritable bowel syndrome: relationship to interferon-gamma, severity of symptoms and psychiatric co-morbidity; Neurogastroenterol Motil 2008 Sep 17″
4- “Roiser JP, Levy J, Fromm SJ, Nugent AC, Talagala SL, Hasler G, Henn FA, Sahakian BJ, Drevets WC. The effects of tryptophan depletion on neural responses to emotional words in remitted depression. Biol Psychiatry. 2009 Sep 1;66(5):441-50. Epub 2009 Jun 17″

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati