Estratto Altamente Standardizzato, Deccaffeinato di Camelia Sinensis: molto più di un semplice Termogenico

Estratto Altamente Standardizzato, Deccaffeinato di Camelia Sinensis: molto più di un semplice Termogenico

A cura del Dr. A. Bertuccioli

ESTRATTO ALTAMENTE STANDARDIZZATO, DECAFFEINATO DI CAMELIA SINENSIS: MOLTO PIU’ DI UN SEMPLICE TERMOGENICO

L’impiego di derivati estrattivi di Camelia Sinensis come coadiuvanti in protocolli volti alla perdita di tessuto adiposo è stato da tempo investigato da numerosi autori. Analizzando le vie di signaling implicate nel processo lipolitico è possibile identificare nella caffeina e nell’epigallocatechingallato le principali molecole responsabili di tali effetti 1. La caffeina sembra esercitare questi effetti inibendo l’azione delle fosfodiesterasi, prolungando di conseguenza l’azione dell cAMP su numerosi targhet molecolari tra cui caveolina e sulla perilipina molecole particolarmente rilevanti nel processo lipolitico.

 

Il meccanismo d’azione della caffeina rende ragione del suo contributo al processo lipolitico contestualmente al suo generale effetto simpaticomimetico, fattore quest’ultimo che la rendono particolarmente controindicata anche a dosi terapeutiche in soggetti affetti da patologie cardiache, nervose ecc, la caffeina mostra una DL50 compresa tra 150 e 200 mg/kg per o.s . L’epigallocatechingallato sembra invece agire nell’inibizione delle COMT2, enzimi coinvolti nella degradazione della NOR-Epinefrina, in modo da prolungarne l’azione nell’organismo.

 

Tra le funzioni modulate dalla NOR-Epinefrina particolarmente importante ai fini della lipolisi è la termogenesi, processo che prevede l’utilizzo di  substrati energetici nella produzione di calore endogeno; numerosi autori hanno dimostrato come l’epigallocatechingallato sia in grado di incrementare il dispendio energetico basale fino ad un 4% per somministrazioni quotidiane 270 mg (sotto forma di estratti contenenti la quantità indicata)  3 4 5. Generalmente l’utilizzo dell’epigallocatechingallato è ritenuto più sicuro rispetto a quello della caffeina, come facilmente deducibile dal suo valore di DL50 > 4000mg/kg per os. Valutando l’azione dell’ epigallocatechingallato esclusivamente da questo punto di vista è facile concludere che un aumento del consumo in basale de 4% sia da ritenersi teoricamente un contributo piuttosto modesto nel contesto di un piano volto alla perdita di tessuto adiposo, questa conclusione teoricamente legittima, non si è rivelata affatto veritiera in quanto in uno studio risalente al 2008 è emerso chiaramente come l’utilizzo di un derivato altamente standardizzato di te verde decaffeinato, ottimizzato per quanto riguarda la biodisponibilità, titolato al 40% in epigallocatechingallato (identificato come Grenselect fitosoma e utilizzato nella formulazione di Monoselect Camelia) somministrato a 150mg due volte al giorno in soggetti sottoposti a dieta ipocalorica normoproteica per un periodo di 90 giorni, ha prodotto risultati estremamente significativi: dimagrimento medio di 14 kg contro i 5 kg del gruppo sottoposto esclusivamente a restrizione calorica 6.

 

Questa efficacia apparentemente sorprendente è da ricercarsi in alcuni effetti chiariti piuttosto recentemente, pare infatti che l’estratto di te verde sia in grado di aumentare a livello epatico l’espressione dei geni coinvolti nella sintesi e ossidazione degli acidi grassi in particolare sopprimendo i geni che mediano la differenziazione degli adipociti. e la captazione degli acidi grassi nel tessuto adiposo 7.

 

Un ulteriore studio svolto su modelli murini ha confermato come l’epigallocatechingallato sia stata in grado di ridurre significativamente I livelli di mRNA di alcuni geni adipogenetici contestualmente all’aumento dei  livelli di mRNA di altri geni tra cui quelli lipolitici 8. Alla luce di questi dati, al di là dell’effetto termogenico quantificabile in un incremento del 4% del metabolismo basale, è plausibile ricercare negli effetti dell’epigallocatechingallato sull’espressione genica il motivo dell’efficacia di questa molecola nel favorire la perdita di peso contestualmente a programmi dietetici ipocalorici.

 

Proprio in virtù di queste potenziali caratteristiche di “modulatore genico” l’estratto in questione potrebbe dimostrarsi particolarmente efficace oltre che nei programmi volti al dimagrimento anche nei programmi volti al mantenimento del risultato acquisito, applicazione particolarmente interessante da applicare in soprattutto soggetti particolarmente “predisposti” all’accumulo adiposo quali i portatori di varianti sfavorevoli dei geni PPARg2 9-25 e FTO 26-38. Considerati queste enormi potenzialità dovrebbe ormai essere superfluo ribadire come l’estratto in questione sia senza ombra di dubbio molto di più che un semplice termogenico.



1) Duncan R.E. et al. Regulation of lipolysis in adipocyte. Ann Rev Nutr 2007; 27: 79-101
2) Zhu BT, Shim JY, Nagai M, Bai HW Molecular modelling study of the mechanism of high-potency inhibition of human catechol-O-methyltransferase by (-)-epigallocatechin-3-O-gallate Xenobiotica. 2008 Feb;38(2):130-46.
3) Dulloo J et al Efficacy of green tea extract rich in catechin polyphenols and caffeine in increasing 24-h energy expenditure and fat oxidation in humans Am J Clin Nutr 1999  70  1040-1045
4) Wolframm M et al Anti-obesity effects of green tea: from beside to bench Mol Nutr Food Res 2006  50  176-187
5) Shixian Q, VanCrey B, Shi J, Kakuda Y, Jiang Y Green tea extract thermogenesis-induced weight loss by epigallocatechin gallate inhibition of catechol-O-methyltransferase J Med Food 2006  9(4)  451-458
6) Di Pierro F, Borsetto Menghi A.M., Barreca A., Lucarelli M., Calandrelli A. Te’ verde   ad elevata  biodisponibilita’ Studio  clinico in soggetti obesi Integr Nutr  2008, 11(2) 15-21
7) Chen N, Bezzina R, Hinch E, Lewandowski PA, Cameron-Smith D, Mathai ML, Jois M, Sinclair AJ, Begg DP, Wark JD, Weisinger HS, Weisinger RS  Green tea, black tea, and epigallocatechin modify body composition, improve glucose tolerance, and differentially alter metabolic gene expression in rats fed a high-fat diet. Nutr Res. 2009 Nov;29(11):784-93.
8) Lee MS, Kim CT, Kim Y. Green tea (-)-epigallocatechin-3-gallate reduces body weight with regulation of multiple genes expression in adipose tissue of diet-induced obese mice. Ann Nutr Metab. 2009;54(2):151-7. Epub 2009 Apr 22.
9) Anderson et al. (2010) Eur J Nutr 49: 385–394.
10) Deeb et al. (1998) Nature Gen 20: 284-287.
11) Franks et al. (2004) Metabolism 53: 11-16.
12) Franks et al. (2007) Diabetologia  50 (12): 2451–2460.
13) Gouda et al. (2010) Am J Epidemiol 171: 645–655.
14) Goyenechea et al.  (2006)  Br J Nut  96: 965–972.
15) Heikkinen et al. (2009) Molecular Cell 4: 597–609
16) Lindi et al. (2002) Diabetes  51: 2581-2586.
17) Luan et al. (2001) Diabetes 50: 686-689.
18) Marti (2002) J Physiol Biochem 58 (4): 219-220.
19) Memisoglu et al. (2003) H Mol Gen 12 (22): 2923–2929.
20) Morini et al. (2008) Obesity 16: 1467–1470.
21) Nicklas et al. (2001) Diabetes 50(9):2172–2176.
22) Razquin et al. (2009) Br J Nut: 102, 672–679.
23) Robitaille et al. (2003) Clin Genet 63: 109-116.
24) Tonjes & Stumvoll (2007) Curr Op Clin Nutr Met 10: 410– 414.
25) Vaccaro et al. (2007) Diabetes Care  30:1156–1161.
26) Andreasen et al. (2008) Diabetes 57:95–101.
27) Cecil et al. (2008) N Engl J Med 359:2558-66.
28) Den Hoed et al. (2009) Am J Clin Nutr 90: 1426-32.
29) Do et al. (2008) Diabetes 57: 1147-1150.
30) Gonzalez-Sanchez et al. (2009) Clin Endocrinol 70 (3): 390-3.
31) Hinney et al. (2007) Plos ONE 26;2(12): e1361.
32) Razquin et al. (2010) International Journal of Obesity 34, 266–272.
33) Rendo et al. (2009) Obes Facts 2: 393–399.
34) Ruiz et al. (2010) Arch Pediatr Adolesc Med 164(4): 328-333.
35) Sonestedt et al. (2009) Am J Clin Nutr 90: 1418–25.
36) Tanofsky-Kraff et al. (2009) Am J Clin Nutr 90: 1483-8.
37) Timpson et al. (2008) Am J Clin Nutr 88: 971–8.
38) Walhen et al. (2008) Journal of Lipid Research 49: 607-611.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati