Olio di Krill VS Olio di Pesce: Qual è la differenza?

Olio di Krill VS Olio di Pesce: Qual è la differenza?

L'olio di pesce è spesso considerato un integratore superiore, ottimo per il trattamento praticamente di tutto: eczema e altre malattie della pelle, infiammazione, salute cognitiva e dello sviluppo, la lubrificazione delle articolazioni, la salute del cuore, regolazione ormonale e l'elenco potrebbe continuare ancora.

Poi, pochi anni fa è comparso sulla scena dell'integrazione, l'olio di krill che da allora è stato commercializzato come altro grande grande integratore di acidi grassi essenziali e omega-3. Le capsule di olio di krill sono destinate ad essere più potenti e sono sicuramente molto più piccole delle capsule di olio di pesce. Però la domanda è se questi acidi grassi sono davvero migliori e più biodisponibili rispetto all'olio di pesce o se è solo un eccesso di pubblicità e prodotto eccessivamente costoso che non corrisponde alla sua concorrente più conveniente?

Acidi grassi essenziali: cosa sono?

Per capire che cosa è tutto questo trambusto, dobbiamo prima capire che cosa stiamo prendendo e perché. Gli acidi grassi essenziali (EFA) sono a lunga catena, gli acidi grassi polinsaturi derivati dall'acido linolenico, linoleico e acido oleico. Sono grassi essenziali perché il corpo umano è incapace di produrli da solo, quindi devono essere ottenuti attraverso la nostra dieta. Ci sono due tipi di EFA: omega-3 (acido alfa-linolenico) e omega-6 (acido linoleico). Vi è anche un omega-9, ma non è essenziale in quanto può essere prodotto dal corpo se sono presenti nella dieta adeguati livelli di omega-3 e omega-6.

Gli EFA sono necessari per i seguenti processi:

  • Sana formazione della membrana cellulare
  • Produzione di ormoni
  • Sviluppo e funzionamento del cervello e del sistema nervoso
  • Regolazione della pressione sanguigna, funzionalità epatica, immunitarie e risposte infiammatorie
  • Tiroide e attività surrenalica
  • Regolazione della coagulazione del sangue (omega-6 stimola la formazione di coaguli di sangue, mentre i grassi omega-3 riducono la coagulazione, rendendo come obiettivo quello di raggiungere un equilibrio tra omega-6 e acidi grassi omega-3)
  • Ripartizione e trasporto del colesterolo
  • Sostenere la pelle e capelli sani

I ricercatori ritengono che il rapporto ottimale di omega-6 e omega-3 è compresa tra 2: 1 e 4: 1. Una carenza di EFA e squilibri di omega-6 e omega-3 sono stati collegati a gravi condizioni di salute, come ad esempio attacchi di cuore, cancro, insulinoresistenza, asma, depressione, invecchiamento precoce, ictus, obesità, diabete, artrite, l'ADHD e la malattia di Alzheimer.

Ora che abbiamo un po' più chiaro il perché assumere gli omega-3, abbiamo bisogno di vedere che cosa è che fa il profilo degli acidi grassi omega-3.

Quali sono gli EPA e DHA?

Una volta consumato gli acidi grassi omega-3 essi vengono convertiti in DHA (acido docosaesaenoico) ed EPA (acido eicosapentaenoico). DHA ed EPA sono grassi polinsaturi che giocano un ruolo estremamente importante nel corpo, in particolare nello sviluppo della vista e delle funzioni cerebrali dei bambini. Uno studio ha trovato quantità significativamente inferiore di EPA nelle cellule di pazienti che avevano tentato il suicidio, suggerendo che gli acidi grassi omega-3 possono effettivamente svolgere un ruolo nella prevenzione del suicidio. [1] Una mancanza di DHA è stata anche associata alla malattia di Alzheimer, disturbi dell'attenzione, la fibrosi cistica e altre malattie.

Che cosa sono i Krill e l'olio di Krill?

I Krill sono piccoli crostacei, di circa uno / sei centimetri di lunghezza, e sono un la principale fonte alimentari per le balene, piccoli pesci e uccelli marini.

I krill esistono in gran numero e sono parte integrante della catena alimentare acquatica. Si nutrono di fitoplancton e si trovano in tutti gli oceani del mondo. Per darvi un'idea della loro massa, una specie conosciuta come il Krill antartico costituisce una biomassa stimata di oltre 500,000,000 di tonnellate, che è circa due volte quella di tutti gli esseri umani presenti sulla terra.

La ragione per cui l'olio di krill ha guadagnato popolarità è il fatto che esso contiene l'antiossidante astaxantina. Questo è ciò che dà il pigmento rosso acceso all'olio ed anche ai colori rossastro rosa dei krill e di altri crostacei come aragoste, granchi e gamberi. L'olio di krill è segnalato per avere una maggiore concentrazione di EPA e anche ridurre o eliminare l'eruttazione dal sapore di pesce spesso associato con l'assunzione di olio di pesce tradizionale.

Olio di Krill vs Olio di pesce

Anche se il krill contiene l'antiossidante astaxantina, che costituisce circa lo 0,2% dell'olio in peso, la rapida decomposizione del krill avviene in solo due o tre ore. L'olio di pesce ha una vita molto più lunga di circa 48-72 ore prima che la sua decomposizione ed ossidazione iniziano a verificarsi. Questo permette molto più tempo per l'elaborazione.

Una vasta ricerca è stato fatto e ha stabilito che l'aggiunta di percentuali specifiche di vitamina E ed estratto di rosmarino (entrambi i quali sono antiossidanti liposolubili) è il modo più efficace per mantenere la freschezza dell'olio. Questa combinazione di antiossidanti fornisce, come minimo, un valore ORAC (capacità di assorbire i radicali dell'ossigeno) in misura uguale quando confrontato all'olio di Krill.

Nel confronto tra l'olio di pesce e l'olio di krill, anche il processo di produzione ha bisogno di essere esaminato. Quando l'olio di pesce è ottenuto da sardine e acciughe, generalmente il rendimento dei grassi è superiore al 80%. Questo rispetto ai krill, che possono produrre anche meno del 5% di grassi che è il motivo per cui aumenta il tempo di decomposizione. Per ridurre questa ossidazione bisogna che i krill vengano mantenuti in vita in serbatoi d'acqua una volta raccolti o congelati fino al momento di elaborare l'olio. Entrambe queste situazioni aumentano drasticamente il costo della produzione dell'olio di krill.

Conclusione

Dopo aver esaminato tutte le informazioni, possiamo dire che l'olio di krill ha il suo posto e nuovi studi stanno mostrando alcuni grandi risultati con l'abbassamento dei lipidi e la riduzione del dolore artritico, ma ha ancora bisogno di ulteriori valutazioni. [2,3] Considerando che sull'olio di pesce, tutti gli studi che necessitano ancora all'olio di krill, sono già stati effettuati e sono davvero tanti, in questo momento è forse ancora la scelta migliore.

Dato che l'integrazione è una scelta personale, non importa ciò che si sceglie di prendere - che si tratti di un buon olio di pesce di qualità o un buon olio di krill di qualità - l'inclusione dei tanto necessari omega-3 nella vostra dieta è sicuramente un passo nella giusta direzione.

Riferimenti:

1. Huan M, Hamazaki K, Sun Y, Itomura M, Liu H, Kang W, Watanabe S, Terasawa K, Hamazaki T. (2004). "Suicide attempt and n-3 fatty acid levels in red blood cells: a case control study in China" (abstract). Biological Psychiatry 56 (7): 490–6.

3. Roxandra Bunea, Khassan El Farrah & Luisa Deutsch (2004). "Evaluation of the effects of Neptune Krill Oil on the clinical course of hyperlipidemia."

4. Luise Deutsch (2007). "Evaluation of the effect of Neptune Krill Oil on chronic inflammation and arthritic symptoms" Journal of the American College of Nutrition 26 (1): 39–48.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati