Coenzima Q10 e salute cardiaca

Coenzima Q10 e salute cardiaca

Ovviamente è un'integratore,e come tale vi illustro brevemente alcune virtu cos'è Il coenzima Q10 o ubiquinone rappresenta un elemento fondamentale per il corretto funzionamento del mitocondrio, un organello intracellulare che funge da centrale energetica. Favorendo la produzione di ATP in presenza di ossigeno, il coenzima Q10 è essenziale per mantenere una buona efficienza fisica; non è quindi un caso che esso si ritrovi in ogni cellula dell'organismo (si dice che ha distribuzione ubiquitiaria), da cui il termine ubiquinone (o vitamina Q).

 

La concentrazione di coenzima Q10 tende a diminuire con l'invecchiamento; bassi livelli si registrano anche in presenza di particolari malattie croniche, come quelle derivanti da problemi cardiaci, morbo di Parkinson's, distrofia muscolare, diabete, cancro e AIDS,è pure un antiossidante potentissimo.

 

Anche alcuni farmaci, come le statine utilizzate nel controllo dell'ipercolesterolemia, possono abbassare i livelli di Coenzima Q10. Se pensiamo che gli italiani sono hai primi posti, a comprare medicinali e medicine, per ogni minimo sintomo, non siamo messi bene.

 

A livello cardiaco, dove si consumano principalmente grassi a scopo energetico e sono per questo necessari mitocondri numerosi e di grosse dimensioni, il coenzima Q10 è particolarmente concentrato. Da qui l'ipotesi che l'integrazione alimentare di ubiquinone possa in qualche modo risultare utile in presenza di cardiopatia ischemica. In queste condizioni, maggiori livelli di Q10 potrebbero migliorare l'efficienza della catena di trasporto degli elettroni, aumentando l'energia disponibile per l'attività cardiaca ed alleviando i sintomi della malattia. In effetti, esistono delle evidenze scientifiche che confermano tale ipotesi e, anche se vi sono studi dai risultati contradditori, il medico potrebbe consigliare un'integrazione di Q10 in appoggio alla terapia tradizionale.

 

Per opporsi al calo fisiologico o patologico di ubiquinone si hanno infatti a disposizione supplementi specifici, molto pubblicizzati per le loro proprietà rinvigorenti, ma la cui efficacia è ancora da dimostrare, mentre in ambito preventivo e terapeutico (buoni risultati si sono ottenuti nel trattamento dell'ipertensione).

 

Il coenzima Q10 viene normalmente utilizzato a dosaggi compresi tra i 30 ed i 100 mg al giorno, anche se talvolta vengono consigliati quantitativi più generosi. Dal momento che stiamo parlando di un elemento altamente idrofobico, che sfrutta la sua liposolubilità per trasportare elettroni nella membrana interna dei mitocondri, il coenzima Q10 viene assorbito in maniera efficace se assunto insieme ad un pasto ricco di lipidi. se pur ci siano indicate dosi non ci sono stati riscontrati effetti collaterali di sovradosaggio.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati