Acido Ascorbico

Acido Ascorbico

Semplici consigli sulla vitamina c

L'Acido ascorbico o meglio conosciuto come vitamina c, ha funzioni molto importanti nel nostro organismo:

 

  • - la sua influenza sul metabolismo dei grassi e del colesterolo
  • - l'azione antiscorbuto (malattia dei marinai di un tempo, che si nutrivano prevalentemente di cibi conservati)
  • - la sua capacità di opporsi ad anemie e affaticamento

 

Questo però non deve essere un pretesto per sgranocchiarci delle compresse di vitamina C in continuazione!
La quantità base di vitamina C necessaria ad un individuo sano è di circa 75 milligrammi, quantità che aumenta per chi fuma, per le donne incinte e per chi è sottoposto a cure farmacologiche.


Contrariamente a quello che si pensa si sa ben poco sull'azione di questa vitamina sulla prevenzione di influenze e malattie da raffreddamento.
È comunque importante, ma ciò vale anche per tutti gli altri principi nutritivi, che la vitamina C non difetti nella dieta, anche se l'organismo è in grado di incamerarne una quantità di riserva.

 

Questa vitamina si trova in quasi tutti i vegetali freschi, gli agrumi e la frutta estiva, tranne le ciliege che ne sono prive, invece i frutti che ne hanno una quantità esigua sono:

 

  • - le pere
  • - le mele
  • - le susine

 

Questa importante vitamina viene facilmente danneggiata negli alimenti:

 

  • - dalla cottura
  • - dalla conservazione

 

Nonostante questo non è vero che i cibi cotti non ne contengano più!

 

Le perdite possono avvenire sia perchè l'acido ascorbico si disperde nell'acqua di cottura che poi viene gettata via sia perchè certi enzimi, le ossidasi, lo distruggono molto velocemente quando la temperatura raggiunge i 65/85 gradi centigradi.
Oltre gli 85 gradi le ossidasi si inattivano totalmente.

 

PER CUI CI CONVIENE:

 

  • - mangiare la verdura cruda o...
  • - cucinare la verdura in poca acqua e nella pentola a pressione (in questo modo portiamo rapidamente i cibi a temperature elevate non permettendo alle ossidasi di agire a lungo)

 

Le marmellate confezionate con frutta ricca di vitamina C ne contengono ancora discrete quantità all'atto del consumo, mentre i vegetali inscatolati ne contengono quantità simili a quelle delle verdure cotte in casa senza pentola a pressione.


Se mangiamo normalmente diciamo però che il rischio di non ingerire abbastanza vitamina C è pressochè inesistente, e tipo in inverno per rafforzare un pò le nostre difese contro un raffreddore basta mangiare qualche arancia in più e fare quindi il pieno di acido ascorbico.


È importante però sapere che le arance mangiate con la loro polpa permettono all'organismo una maggior assimilazione di vitamina C di quanto non consentano le spremute.


È interessante sapere anche che l'acido ascorbico viene anche utilizzato:

 

  • - nei succhi di frutta
  • - nelle bibite in genere
  • - nel vino
  • - nelle gelatine di frutta
  • - nella birra
  • - nelle carni in scatola ecc..

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati