Calcio: Che Cos'è e Perché Abbiamo Bisogno di Calcio?

Calcio: Che Cos'è e Perché Abbiamo Bisogno di Calcio?

Il calcio è un elemento chimico che è essenziale per gli organismi viventi, compresi gli esseri umani. Il simbolo chimico del calcio è "Ca". Si trova in molti alimenti. Dobbiamo consumare una certa quantità di calcio per costruire e mantenere ossa forti e sane e la comunicazione tra il cervello e le varie parti del corpo.

 

Il National Health Service (NHS) [1], UK, dice che la quantità di calcio nel corpo umano è maggiore rispetto a qualsiasi altro minerale. Il calcio continua a rafforzare le ossa degli esseri umani fino al raggiungimento dei 20-25 anni, o fino a quando si raggiunge il proprio picco di massa ossea. Dopo questa età, l'elemento aiuta il mantenimento delle ossa nonché il rallentamento della perdita di densità ossea, che è una parte naturale del processo di invecchiamento. Le persone la cui assunzione di calcio è insufficiente prima dell'età di 20-25 anni, hanno un rischio notevolmente più elevato di sviluppare, nella più tarda età, la malattia che rende le ossa fragili o osteoporosi, perché il calcio viene tratto dalle ossa come riserva.

 

Il calcio regola la contrazione muscolare, tra cui il battito cardiaco. Svolge inoltre un ruolo chiave nella normale coagulazione del sangue. Quasi tutto il calcio presente nel nostro corpo si trova nei nostri denti e ossa, dove sostengono la loro durezza e la struttura. Il calcio gioca anche un ruolo nel rilascio di ormoni ed enzimi, così come aiutare i vasi sanguigni a muovere il sangue intorno al corpo. Uno studio del 2010 effettuato nel North Carolina State University ha scoperto che un adeguato apporto di calcio nei primi anni di vita può proteggere contro l'obesità in seguito [2].

 

La vitamina D aiuta il nostro corpo ad assorbire e trattenere calcio nelle ossa. Secondo il NIH (National Institutes of Health) [3], le femmine adulte sono più propense a consumare una quantità insufficiente di calcio rispetto ai maschi adulti. Le diete ricche di calcio aumentano la durata della vita delle donne [4] - le donne la cui dieta è ricca di calcio, probabilmente potranno vivere più a lungo rispetto ai loro omologhi la cui dieta è povera di calcio, i ricercatori della McGill University in Canada hanno riportato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

 

Quali alimenti sono ricchi di calcio?

 

Secondo le autorità sanitarie in Nord America e in Europa occidentale, il calcio nella dieta può essere trovato in molti alimenti e bevande; essi raccomandano inoltre di ottenere la dose di calcio da una varietà di fonti. I seguenti alimenti e bevande sono ricche fonti di calcio:

 

  • Latte
  • Formaggio
  • Yogurt
  • Alghe, come alghe, hijiki e wakame
  • Noci e semi, inclusi pistacchi, sesamo, mandorle, nocciole
  • Fagioli
  • Fichi
  • Brocolli
  • Spinaci
  • Tofu
  • Foglie di tarassaco
  • Molti cereali da prima colazione con l'aggiunta di calcio
  • Molte bevande con l'aggiunta di calcio, tra cui il latte di soia e una varietà di succhi di frutta
  • Gusci d'uovo tritato - possono essere macinati in polvere e aggiunti agli alimenti e / o bevande.

 

Alcune verdure ( di colore verde scuro) possono contenere alti livelli di acido ossalico che riduce la capacità del corpo di assorbire il calcio.

 

Quanto calcio dovrei consumare ogni giorno?

Età          

< 6 mesi     

<1 anno

1-10           

11-20         

21-50        

>50     

 Apporto di calcio (mg/die)

210-400

270-600

500-1200

800-1300

1000

1200-1500

 

Note: Durante la gravidanza, in particolare durante il terzo trimestre, occorre ulteriormente

aumentare l’apporto di Calcio di 400 mg/die in modo da assicurare al feto un ottenimento minerale di almeno 200 mg/die.

(Fonte Ministero della Salute Linee Guida per la prevenzione dell'osteoporosi -)

 

Carenza di calcio (ipocalcemia) e integratori di calcio

 

Le persone con carenze di calcio di solito vengono invitate a prendere integratori di calcio. Gli integratori di calcio devono essere assunte con il cibo per un miglior assorbimento o per ridurre al minimo i possibili effetti collaterali indesiderati. Ogni assunzione di integratori non deve superare i 600 mg, in quanto l'eccesso non sarà assorbito dal corpo. Gli integratori di calcio devono essere consumati a intervalli e distribuiti nell'arco della giornata. La vitamina D è aggiunta a molti integratori di calcio, in quanto favorisce la sintesi delle proteine ​​nel corpo che rendono possibile l'assorbimento del calcio.

La scelta del giusto integratore in questi giorni può essere fonte di confusione; ci sono vari tipi differenti e una vasta gamma di combinazioni e preparazioni. Quale scegliere dipende dalle esigenze e preferenze del paziente, il loro stato di salute, e a seconda dei farmaci che assume.

Il calcio elementare, il minerale puro, esiste nella sua forma naturale con altri composti. Integratori di calcio possono contenere diversi tipi di composti di calcio e diverse quantità di calcio elementare, per esempio:

 

  • Il carbonato di calcio contiene 40% di calcio elementare. Questo tipo è più comunemente disponibile; è relativamente economico e conveniente. E' assorbito meglio se assunto con il cibo a causa della sua dipendenza dagli acidi dello stomaco per l'assorbimento.
  • Il calcio lattato contiene il 13% di calcio elementare.
  • Gluconato di calcio contiene il 9% di calcio elementare
  • Citrato di calcio contiene il 21% di calcio elementare. Questo ha il vantaggio che può essere assunto con o senza cibo, e viene assorbito ugualmente bene. E' utile per i pazienti con malattia infiammatoria intestinale, acloridria e alcuni disturbi di assorbimento.

 

Integratori di Calcio Effetti Collaterali

 

Alcuni pazienti possono riportare sintomi gastrointestinali, come gonfiore, costipazione, gas, o una combinazione di tutti e tre. Il citrato di calcio di solito ha meno e meno pronunciati effetti collaterali del carbonato di calcio. L'assunzione di questo integratore con il cibo, o dividerlo in vari dosi durante il giorno a volte aiuta a ridurre l'insorgenza o l'intensità degli effetti collaterali. Così come l'aggiunta di vitamina D, al calcio a volte viene aggiunto anche il magnesio. I ricercatori della Creighton University Medical Center, Omaha, Stati Uniti d'America, hanno scoperto che gli integratori di calcio aumentano il rischio di sviluppare calcoli renali [5]. Un altro studio condotto presso l'Università di Auckland in Nuova Zelanda ha rilevato che gli integratori di calcio possono aumentare il rischio di attacco cardiaco [6]. Le seguenti condizioni, circostanze, o malattie sono note come possibili cause di ipocalcemia (carenza di calcio):

 

  • Bulimia, anoressia ed alcuni altri disturbi del comportamento alimentare
  • Esposizione al mercurio
  • Consumo eccessivo di magnesio
  • L'uso a lungo termine di lassativi
  • L'uso prolungato di alcuni farmaci, come ad esempio la chemioterapia o corticosteroidi
  • La terapia di chelazione utilizzata per l'esposizione di metallo
  • La mancanza dell'ormone paratiroideo
  • Persone che mangiano molte proteine ​​o sodio possono espellere calcio
  • Alcuni tipi di cancro
  • Le donne in postmenopausa che consumano molta caffeina, coca cola o alcool hanno un rischio maggiore di avere bassi livelli di calcio
  • La celiachia, malattie infiammatorie intestinali, morbo di Crohn, e alcune altre malattie dell'apparato digerente.
  • Alcune procedure chirurgiche, compresa la rimozione dello stomaco
  • Insufficienza renale
  • Pancreatite
  • La carenza di vitamina D
  • Carenza di fosfato
  • Alcune persone che seguono una dieta vegana possono verificare una carenza di calcio, se non cercano attentamente alimenti ricchi di calcio o arricchiti di calcio a base vegetale
  • Osteoporosi
  • Osteopenia
  • Le persone che sono intolleranti al lattosio non possono procurarsi il calcio se non cercano con attenzione gli alimenti non caseari, che sono ricchi di calcio o che hanno il minerale aggiunto a quegli alimenti

 

Possono gli integratori di calcio ridurre il rischio di osteoporosi o fratture?

 

Gli scienziati dell'Università di Uppsala, in Svezia, hanno riferito che per coloro che hanno già in corso una moderata assunzione di calcio, aumentando la loro assunzione non ridurranno il rischio di fratture o osteoporosi più tardi nella loro vita [7].

 

Riferimenti:

1. National Health Service.

2. North Carolina State University.

3. National Institutes of Health.

4. McGill University.

5. Creighton University Medical Center.

6. University of Auckland.

7. Uppsala University. 

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati