Vitamina D

Vitamina D

I benefici di questa vitamina sulla salute umana

Quali sono i benefici per la salute apportati dalla vitamina D?

La vitamina D, nota anche come vitamina del sole, può essere prodotta nel corpo tramite esposizione al sole lieve o consumata attraverso gli alimenti o gli integratori. L'assunzione adeguata di vitamina D è importante per la regolazione del calcio e l'assorbimento del fosforo, per il mantenimento di ossa e denti sani e si propone di fornire un effetto protettivo contro più malattie e condizioni, come il cancro, il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla.

 

Nonostante il nome, la vitamina D non viene effettivamente considerata una vitamina. Poiché il corpo può produrre da se la vitamina D, non è necessariamente una parte essenziale della dieta ed è considerata un pro-ormone.

 

Si stima che la sensibile esposizione al sole della pelle nuda per 5-10 minuti 2-3 volte alla settimana, permette al corpo la capacità di produrre sufficiente vitamina D. Nonostante questo, recenti studi hanno suggerito che fino al 50% degli adulti e bambini sono carenti di vitamina D.

 

Dosi consigliate di Vitamina D

 

L'assunzione di vitamina D può essere misurata in due modi: in microgrammi (mcg) e unità internazionali (UI). Un microgrammo di vitamina D è uguale a 40 UI di vitamina D.

 

  • 0-50 anni: 5 microgrammi o 200 UI al giorno
  • 51-70 anni: 10 microgrammi di 400 UI al giorno
  • 71+: 600 UI al giorno.

 

Anche se il corpo ha la capacità di produrre vitamina D, ci sono molte ragioni per cui si verifica una carenza. Pigmenti della pelle più scura e utilizzare creme solari, può ridurre in modo significativo la capacità del corpo di produrre vitamina D.

 

Una crema solare con fattore 30 di protezione può ridurre la capacità del corpo di sintetizzare la vitamina del 95%. La pelle deve anche essere direttamente esposta alla luce solare, non coperta da indumenti, per avviare la produzione di vitamina D. Anche l'angolo col quale i raggi solari colpiscono la terra può influenzare l'assorbimento.

 

Le persone che vivono in latitudini settentrionali o aree di elevato inquinamento, lavorano di notte e rimangono a casa durante il giorno o che sono costretti a restare a casa, dovrebbero mirare a consumare più vitamina D da fonti alimentari, quando possibile.

 

I neonati che vengono allattati esclusivamente al seno sono ad alto rischio di carenza di vitamina D, soprattutto se sono di pelle scura o hanno una esposizione al sole minima. L'American Academy of Pediatrics raccomanda che tutti i bambini allattati al seno ricevano 400 UI / al dì di un integratore di vitamina D per via orale.

 

Supplementi di vitamina D sono solitamente disponibili, ma è meglio ottenere qualsiasi vitamina o minerale attraverso fonti naturali quando possibile. Non è la singola vitamina o i singoli minerali che fanno di alcuni alimenti una parte importante della nostra dieta, ma la sinergia dei nutrienti degli alimenti che lavorando insieme, consentono una maggiore assorbimento.

 

E' stato dimostrato più e più volte che isolare determinate sostanze nutritive in forma di integratori non forniscono gli stessi benefici per la salute, come il consumo di nutrienti che avviene attraverso gli alimenti.

 

Recenti Sviluppi Sull'assunzione Di Vitamina D

 

Uno studio pubblicato su JAMA, ha rivelato che la vitamina D non aiuta a ridurre la frequenza o la gravità del raffreddore.
Alti livelli ematici di vitamina D hanno evidenziato di proteggere le persone, anche in buona salute a livello genetico. I ricercatori della Boston University School of Medicine hanno scoperto che livelli superiori di vitamina D nei soggetti sani, hanno un impatto significativo sui geni che sono coinvolti in diverse vie biologiche associate a malattie, compreso il cancro, malattie autoimmuni, malattie cardiovascolari e malattie infettive.

 

Vitamina D e Perdita di Peso

 

I ricercatori dell'Università del Minnesota, hanno scoperto che i livelli di vitamina D nel corpo, quando si inizia una dieta a basso contenuto calorico, predicono il successo della perdita di peso, suggerendo qui di anche un possibile ruolo della vitamina D nella perdita di peso.

 

Elenco dei Possibili Benefici per la Salute Ottenuti dal Consumo di Vitamina D

 

Vitamina D e Ossa sane

La vitamina D svolge un ruolo importante nella regolazione del calcio e nel mantenimento dei livelli di fosforo nel sangue, due fattori che sono estremamente importanti per mantenere la salute delle ossa. La carenza di Vitamina D nei bambini può causare il rachitismo, una malattia innescata da un difetto di mineralizzazione e rammollimento delle ossa.

 

Negli adulti, la carenza di vitamina D si manifesta come osteomalacia o osteoporosi . Risultati di osteomalacia, una cattiva densità ossea, è spesso causa di debolezza muscolare e di piccole pseudo fratture della colonna vertebrale, del femore e dell'omero. L'osteoporosi è la malattia delle ossa più comune tra le donne in post-menopausa e gli uomini più anziani.

 

Vitamina D e Riduzione del Rischio di Influenza

Ai bambini che sono stati somministrati 1.200 IU di vitamina D al giorno per 4 mesi, durante l'inverno, è stata riscontrata una diminuzione del rischio di influenza di oltre il 40%. (2)

 

Vitamina D e Riduzione del Rischio di Diabete

Diversi studi osservazionali hanno mostrato una relazione inversa tra le concentrazioni nel sangue di vitamina D e il rischio di diabete di tipo 2 . In diabetici di tipo 2, livelli di vitamina D insufficienti possono avere un effetto negativo sulla secrezione di insulina e di tolleranza al glucosio. (3) In uno studio particolare, i bambini che hanno ricevuto 2.000 UI / al dì di vitamina D avevano un rischio inferiore del 88% di sviluppare il diabete di tipo 1 fino all'età di 32 anni.

 

Vitamina D e Bambini sani

I bambini con normale pressione sanguigna che hanno ricevuto 2.000 UI / al giorno di Vitamina D, dopo 16 settimane, avevano una rigidità della parete arteriosa significativamente più bassa rispetto ai bambini che avevano ricevuto solo 400 UI / al dì.

 

Vitamina D e Gravidanza Sana

Le donne incinte carenti di vitamina D sembrano essere a maggior rischio di sviluppare preeclampsia e di necessitare di un taglio cesareo. Livelli bassi di vitamina D sono anche associati col diabete mellito gestazionale e vaginosi batterica nelle donne che sono in gravidanza. E' anche importante notare che i livelli di vitamina D troppo alti durante la gravidanza, sono stati associati ad un aumento di allergia alimentare del bambino durante i primi due anni di vita.

 

Prevenzione del cancro e Vitamina D

La vitamina D è estremamente importante per la regolazione della crescita cellulare e per la comunicazione cellula-cellula. Alcuni studi hanno suggerito che il calcitriolo (forma ormonalmente attiva della vitamina D) può ridurre la progressione del cancro rallentando la crescita e lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni nel tessuto canceroso, aumentando la morte delle cellule tumorali e riducendo la proliferazione delle cellule e metastasi. La vitamina D ha un effetto su più di 200 geni umani, che possono essere compromessi quando lo stato di Vitamina D non è ottimale. (3)

 

La carenza di vitamina D è stata anche associata ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari, ipertensione, sclerosi multipla, autismo, malattia di Alzheimer, artrite reumatoide, asma e la gravità di influenza suina, ma sono necessari ulteriori e più affidabili studi prima che queste associazioni possano essere provate.

 

Recenti sviluppi Sulla Vitamina D e Benefici per la Salute

 

Il deficit di vitamina D è un fattore di rischio per gli uomini afro-americani che vivono in zone povere di luce solare. I ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine hanno scoperto che gli uomini afro-americani che vivono nelle zone con bassa luce solare sono a maggior rischio di carenza di vitamina D rispetto agli uomini europei-americani che vivono nelle stesse zone.

 

Alimenti che Sono Fonti di Vitamina D

 

Le fonti più ricche di vitamina D sono l'olio di pesce e pesce grasso - 1 cucchiaio di olio di fegato di merluzzo ne contiene 1,360 IU.
La luce solare è la fonte più comune ed efficace di vitamina D. Le fonti alimentari più ricche di vitamina D sono:

 

  • Olio di fegato di merluzzo, 1 cucchiaio: 1.360 IU
  • Aringa, fresca, cruda, 110 gr. circa: 1.056 IU
  • Pesce spada, cotto, 110 gr circa: 941 UI
  • Funghi Maitake, 1 tazza: 786 UI
  • Salmone, cotto, 110 gr circa: 596 UI
  • Sardine in scatola, 110 gr. circa: 336 UI
  • Latte scremato addizionato, 1 tazza: 120 UI
  • Tonno in scatola al naturale, sgocciolato, 90 gr: 68 UI
  • Uova di gallina, grande: 44 IU.

 

Potenziali Rischi per la Salute Dovuti al Consumo di Vitamina D

Il livello massimo (UL) limite consigliato per la vitamina D è di 4000 UI al giorno. Tuttavia, il National Institutes of Health (NIH), ha suggerito che la tossicità della vitamina D è improbabile con dosi giornaliere inferiori a 10.000 UI.

 

L'eccessivo consumo di vitamina D può portare alla calcificazione delle ossa e l'indurimento dei vasi sanguigni, reni, polmoni e cuore. I sintomi più comuni di ipervitaminosi D sono mal di testa e nausea, ma possono anche includere perdita di appetito, secchezza delle fauci, sapore metallico, vomito, costipazione e diarrea.

 

Riferimenti:
1- Mahan, L. Kathleen and Escott-Stump, Sylvia. Krause’s Food & Nutrition Therapy, 12th edition, Saunders Elsevier, St. Louis, MS, Copyright 2008.
2- Vitamin D’s role in health — deterministic or indeterminate? Stephanie Dunne and Jenna A. Bell, PhD, RD, Today’s Dietitian, Vol. 16 No. 7 P. 48, accessed 4 February 2015.
3- Vitamin D, Linus Pauling Institute at Oregon State University, last updated July 2014, accessed 4 February 2015.
4- Vitamin D and cancer — evidence suggests this vital nutrient may cut risk, Densie Webb, PhD, RD, Today’s Dietitian, Vol. 14 No. 10 P. 58, October 2012, accessed 4 February 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati