4 Stimolanti Presenti nel Tè - Non Solo Caffeina

4 Stimolanti Presenti nel Tè -  Non Solo Caffeina

Differenze tra tè e caffè

Ci sono 4 sostanze nel tè che sono in grado di attraversare la barriera emato-encefalica per fornire un effetto stimolante.

Abbiamo una buona, vecchia caffeina ... che si può anche ottenere da caffè e bevande analcoliche.

Poi abbiamo due sostanze legate alla caffeina; teobromina e teofillina.

Infine abbiamo un un aminoacido piuttosto unico chiamato L-teanina, che ha alcuni effetti molto interessanti sul cervello.

 

Tè e caffè Forniscono un "effetto" Differente

 

Entrambi contengono caffeina e quindi hanno un effetto stimolante simile sul cervello, ma la natura di questi effetti potrebbe essere molto diversa.

Il caffè tende a dare un forte impulso di energia, ma a volte può impedire di fare alcune altre cose proprio per il suo forte effetto “stimolante”.

Questo eccessivo effetto stimolante del caffè, in alcuni può indurre a farli spendere un sacco di tempo in attività improduttive come leggere notizie inutili, saltare da una notizia all'altra su internet etc.

 

Si scopre invece che il tè ha meno caffeina del caffè, ma anche altre tre sostanze stimolanti che possono fornire una sorta di effetto sinergico.

 

Caffeina - La maggior sostanza psicoattiva diffusa al mondo


La caffeina è una sostanza psicoattiva che è la più usata al mondo. Potrebbe suonare come una cosa negativa, ma non deve esserlo.

Il caffè (la più grande fonte di caffeina), noto anche per essere la più grande fonte di antiossidanti nella dieta occidentale, il suo consumo è stato associato con diversi benefici per la salute in molti studi epidemiologici.

 

La seconda fonte di caffeina mondiale è il tè, che tende a fornire una quantità moderata di caffeina, a seconda del tipo.

 

La caffeina provoca la stimolazione del sistema nervoso centrale, aumenta la vigilanza e riduce la sonnolenza.

 

La caffeina ha diversi meccanismi proposti, quello principale è che si ritiene possa bloccare un neurotrasmettitore inibitorio chiamato adenosina in certe sinapsi nel cervello, portando ad un netto effetto stimolante.

Si pensa che l'adenosina possa aumentare nel cervello durante il giorno, costruendo una sorta di "pressione del sonno." Maggiore è l'adenosina, maggiore è la tendenza ad addormentarsi. La caffeina inverte parzialmente questo effetto ( 1 ).

 

La differenza principale tra la caffeina nel caffè e il tè, è che il tè ne ha uuna quantità minore.

 

Considerando che a seconda del tipo (caffè ristretto, americano etc.), una tazza di caffè è in grado di fornire 100 mg, 200 o addirittura 300 mg di caffeina, una tazza di tè può fornire 20-60mg.

 

Teofillina e teobromina


La teofillina e la teobromina sono entrambe legate alla caffeina e tutti e tre appartengono ad una classe di composti organici chiamati xantine.

Entrambe hanno diversi effetti fisiologici sul corpo.

La teofillina rilassa la muscolatura liscia delle vie aeree, rendendo più facile la respirazione e anche stimolare sia il tasso che la forza di contrazione del cuore.

La teobromina può anche stimolare il cuore, ma ha un effetto diuretico e migliora il flusso di sangue in tutto il corpo, portando ad una riduzione netta della pressione sanguigna.

 

Le fave di cacao sono un altrettanta buona fonte di queste due sostanze.

 

Le quantità di queste sostanze in una tazza di tè sono molto piccole, quindi il loro effetto netto sul corpo è probabilmente trascurabile.

Parte della caffeina che ingeriamo è metabolizzata in teofillina e teobromina, così ogni volta che si consuma caffeina - indirettamente si aumentano i livelli di questi due metaboliti della caffeina.

 

L-Teanina - Un Amino Acido Psicoattivo Con Caratteristiche Uniche

 

L'ultima sostanza è di gran lunga la più interessante delle quattro.

Si tratta di un unico tipo di aminoacido chiamato L-teanina. Si trova soprattutto nella pianta del tè ( Camellia sinensis ) ed è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica.

 

Negli esseri umani, L-teanina aumenta la generazione di onde cerebrali chiamate onde alfa, che sono associate con l'avviso di relax. Questo è forse il motivo principale del diverso "effetto mite" che il tè genera rispetto al caffè ( 2 ).

 

L-teanina può influenzare i neurotrasmettitori nel cervello come il GABA e la dopamina ( 3 ).

Alcuni studi hanno suggerito che la L-teanina, specialmente se combinata con caffeina, può migliorare l'attenzione e la funzione cognitiva generale ( 4 , 5 ).

 

Conclusione
Il tè può essere una valida alternativa per coloro che sono sensibili alle elevate quantità di caffeina presente nel caffè.

 

L-teanina, grazie al suo effetto sulle onde alfa nel cervello, può essere anche una scelta migliore del caffè per coloro che hanno bisogno di concentrarsi per lunghi periodi di tempo.

 

Molti si sentono abbastanza bene quando bevono il tè (il tè verde è ottimo), in quanto reca una sensazione di rilassamento e concentrazione.

Tuttavia, potrebbero mancare i forti effetti motivanti del caffè, la "carica" che si riceve dopo aver bevuto una tazza di caffè forte.

 

Tutto sommato, sia il tè che il caffè hanno i loro pregi e difetti, il tè sembra la scelta migliore quando si fa il lavoro al computer o di studio, mentre il caffè è più adatto per gli sforzi fisici come allenarsi in palestra.

 

Riferimenti:

I riferimdnti degli studi di questo articolo, sono riportati nei link di collegamento nella numerazione tra parentesi riportata.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati