Atleti Olimpici e Alta Incidenza di Malattie Cardiovascolari

Atleti Olimpici e Alta Incidenza di Malattie Cardiovascolari

Incidenza 'Sorprendentemente alta' di condizioni cardiovascolari tra gli atleti olimpici

Un nuovo studio su più di 2.000 atleti che hanno gareggiato ai più alti livelli del loro sport - i quali erano ammessi alle Olimpiadi estive ed invernali - ha esposto una sorprendente alta prevalenza di malattie cardiovascolari.

 

Le condizioni cardiovascolari di sei dei potenziali candidati dell'Olimpo nello studio sono state considerate come pericolo di vita.

 

I ricercatori dello studio, dell'Istituto di Medicina dello Sport e Scienza del Comitato Olimpico Italiano a Roma, hanno presentato i loro risultati al EuroPRevent 2015.

 

"Anche gli atleti olimpici", dice l'autore il Dott Paolo Emilio Adami, "a prescindere dai loro successi di performance fisica e risultati srprendenti, hanno mostrato una larga prevalenza inaspettata di anomalie cardiovascolari, tra cui le condizioni di pericolo di vita."

 

Il dottor Adami e colleghi hanno esaminato 1.435 uomini e 919 atlete con un'età media di 27,6 anni, sottoposti a esame fisico e ecocardiografia tra il 2002 e il 2014. Gli esami comprendevano parte dello screening degli atleti impegnati ai Giochi Olimpici a partire dal 2004. Alcuni degli atleti hanno anche ricevuto un monitoraggio con elettrocardiogramma di 24 ore per confermare la diagnosi precedente.

 

Lo studio ha rilevato una inaspettata elevata quantità di atleti - 171, pari al 7,3% - i quali avevano o un'anomalia cardiovascolare strutturale o elettrofisiologica.

 

La portata di queste condizioni in sei di questi 171 atleti è stata considerata pericolosa per la vita e sono stati di conseguenza squalificati dalla competizione. Altri 24 atleti sono stati sospesi, ma poi gli è stato permesso di competere sotto stretta sorveglianza medica.

 

Le anomalie individuate includevano malattie coronariche e cardiomiopatie, che sono tra le più comuni cause di morte cardiaca improvvisa.

 

Problemi cardiovascolari non diagnosticati a causa di 'controlli insufficienti'
Il dottor Adami dice che era "davvero sorprendente" scoprire che gli atleti olimpici – dei quali si che debbano essere tra le persone più sane, erano riusciti a raggiungere tali alti livelli competitivi nonostante le significative anomalie.

 

Sulle anomalie, il dottor Adami considera, che erano state non diagnosticate perché le proiezioni precedenti degli atleti non erano state così ampie come quelle applicate dal dottor Adami e il suo team.

 

Egli spiega:

"Non possiamo dare per scontato che gli atleti d'elite sono sani. Questo studio dimostra che una valutazione più precisa è necessaria sia per gli atleti professionisti d'elite che per i membri della popolazione generale, in vista dell'intensità e stress sul loro sistema cardiovascolare attraverso tante ore di allenamento e competizioni. Suggeriamo che il nostro modello di screening sia applicato a tutti gli atleti d'elite, a prescindere dallo sport praticato ".

 

Il dottor Adami vuole vedere tutti gli atleti che gareggiano, avere valutazioni mediche che garantiscano loro di competere in modo sicuro e che non siano a rischio di problemi cardiovascolari. Per gli atleti non competitivi, il dottor Adami consiglia una visita presso un medico della medicina dello sport o il medico di famiglia, soprattutto per coloro che sono sedentari.

 

Nel 1982, l'Italia ha introdotto un programma di revisione di tutti gli adolescenti e gli adulti nello sport organizzato. Tuttavia, studi provenienti da altri paesi hanno messo in dubbio la nozione che questo tipo di screening di massa della popolazione rileva tutti i casi di rischio più elevati.

 

Per esempio, uno studio ha suggerito che circa 800 degli atleti dovrebbero essere squalificati dalle competizioni per motivi di salute, al fine di prevenire una morte improvvisa.

 

Tuttavia, le normative italiane - che impediscono agli atleti di competere a meno che non abbiano un certificato di buona salute cardiovascolare - sono state associate con una diminuzione fino al 89% dell'incidenza di morte cardiaca improvvisa tra gli atleti in alcune regioni d'Italia tra il 1980 e il 2003.

 

Riferimenti:
European Society of Cardiology news release, accessed 15 May 2015 via AlphaGalileo

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati