massacrò una donna in strada pugile assolto

massacrò una donna in strada pugile assolto

massacrò una donna in strada pugile assolto.

Il 6 Agosto del 2010 a Milano, in viale Abruzzi , massacrò di pugni la prima donna che incontrò per strada , uccidendola . Ieri 06 Febbrario 2012 c'è stata la sentenza: "ASSOLTO PERCHE' TOTALMENTE INCAPACE DI INTENDERE E DI VOLERE AL MOMENTO DEI FATTI". Oleg Fedchenko, pugile dillettante ucraino di 27 anni non finirà in Carcere, ma resterà in ospedale psichiatrico giudiziario per 5 anni sino a che non guarirà dalla sua schizofrenia paranoide che aveva cominciato a manifestarsi nel 2007. Ieri l'assassino è stato assolto dal GUP del tribunale di Milano dall'accusa di omicidio aggravato doloso perchè non imputabile, in quanto una perizia ha stabilito che al momento del fatto , l'uomo non era capace di intendere e di volere.

 

Con questa sentenza le parti civili non hanno diritto a nessun risarcimento ed In Lombardia non esiste una polizza assicurativa anticrimine che possa coprire in questi casi. In poche parole la famiglia della povera vittima , oltre al dolore della perdita di una MADRE DI FAMIGLIA , non ha diritto nemmeno ad un Euro di Risarcimento . In quel dannato giorno , la povera donna di 41 anni di origine filippina ebbe la sfortuna di imbattersi, in quel energumeno ucraino che con inaudita violenza la sbattè contro una vetrina e la uccise con pugni anche quando era inerme a terra. Il fatto di inaudita ferocia è stato commesso nei pressi di un bar dove vi erano alcuni avventori che NON hanno fatto nulla per salvare la Povera donna madre di famiglia.

 

Che non ci sia stato nessun uomo, all'interno del bar, che avesse potuto fermare questo omicidio? Gli avventori del bar hanno trovato la scusa , sostenendo che il loro dovere di cittadino era stato compiuto grazie ad una chiamata alle forze dell'ordine!

 

E il Dovere di Uomo????

 

La Polizia è arrivata sul posto ,con molti mezzi , ma troppo tardi , in quanto Milano è una città grande. Bastano pochi minuti per uccidere una persona e purtroppo anche se l'intervento delle forze dell'ordine è stato celere e tempestivo è stato inutile visto l'epilogo dell'intervento. Le forze dell'ordine hanno fatto il proprio dovere arrivando con la massima velocità , arrestando la persona che ora è in ospedale giudiziario per guarire dalla malattia.

 

Io sono profondamente scosso da questa vicenda, una donna indifesa e madre di famiglia non può morire in questo modo nel 2010! Era dal 2007 che questo 27 enne ucraino soffriva di questi disturbi. Perchè faceva pugilato? Chi insegnava ad una persona malata e disturbata, una disciplina da combattimento?

 

Nel Bar non c'erano 3 o 4 Uomini che potevano fermare con dei bastoni o a mani nude questa persona? Noi del ABC ci alleniamo con i pesi da decenni per far fronte a queste situazioni che ci possono capitare nel lavoro e anche nella vita quotidiana in quanto siamo tenuti ad intervenire in ogni momento. Ma una persona è tenuta ad intervenire per reprimere un crimine efferato anche se non fa parte delle forze dell'ordine! Se il pericolo di morte è imminente bisogna intervenire c'è poco da fare.

 

Da alcuni Anni pratico Shako Fighting System alla SHAKO CLUB, una disciplina fantastica utile per la difesa personale in strada.

 

Ho voluto redigere questo articolo perchè questa vicenda mi ha lasciato perplesso e mi ha fatto pensare. Pensate ai vostri cari, vostra madre, vostra moglie e vostra figlia e  se capitasse a loro? Noi del team ABC siamo vicini alla famiglia della vittima e diciamo questo ai nostri lettori :

 

"i muscoli non servono solo per essere mostrati come pavoni, quando è necessario servono per intervenire in casi come questi dove in pochi minuti una vita umana se ne va all'aldilà" Imparate a difendervi e continuate ad allenarvi con i pesi , qualcuno potrà avere bisogna di voi!

fonte : a seguito lettura dell'articolo del Resto del Carlino

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati