Progetto della Commissione Europea per Debellare il Doping nello Sport e Fitness Amatoriale

Progetto della Commissione Europea per Debellare il Doping nello Sport e Fitness Amatoriale

Lotta al doping: Una commissione di esperti internazionali ha unito le forze per sviluppare uno strumento online per educare i giovani appassionati di sport e fitness sui pericoli del doping e i modi per evitare di cadere vittima delle insidie ​​delle sostanze di aumento delle prestazioni. Il progetto SAFE YOU (Per rafforzare la lotta anti-doping nel Fitness e nell'esercizio fisico nei giovani) è stato lanciato con più di 400.000 € di sostegno dalla Commissione europea. Esso servirà anche come fonte completa di supporto per gli insegnanti, allenatori e istruttori responsabili dell'istruzione antidoping.

 

Guidata dall'Università Aristotele di Salonicco in Grecia, la partnership si avvarrà delle competenze di alto livello accademico della Kingston University di Londra, l'Università degli Studi di Roma “Foro Italico” e l'Università di Potsdam in Germania. Essi lavoreranno a fianco del German Anti-Doping Agency, la Cyprus Sport Organisation e del Ministero della Cultura, dell'Istruzione e degli Affari Religiosi della Grecia.

 

Il ricercatore principale Dr Vassilis Barkoukis riferisce che il progetto è stato particolarmente importante, visto i titoli recenti che evidenziano un aumento dell'uso di steroidi anabolizzanti e sostanze simili tra atleti dilettanti e giovani che si allenano non per competizioni sportive. "Prove scientifiche precedenti hanno anche scoperto l'uso di steroidi tra gli atleti giovani dodicenni", il dottor Barkoukis, che ha sede presso l'Università Aristotele di Salonicco in Grecia, ha detto. "Anche se una vasta gamma di politiche e campagne educative si sono concentrate sul dissuadere il doping nello sport d'elite negli ultimi dieci anni, di gran lunga meno attenzione è stata dedicata alla prevenzione di prestazioni e consumo di sostanze dopanti tra i praticanti sportivi di livello minore o dilettanti. Questo è laddove il progetto SAFE svolgerà un ruolo fondamentale. "

 

C'era già un ampio corpus di prove, tra cui il codice europeo di condotta sul Fitness antidoping, che ha riconosciuto che le pratiche di doping in palestra e le impostazioni sportive dilettantistiche sono state una minaccia per la salute significativa, il dottor Barkoukis ha aggiunto. "Gli impatti colpiscono non solo molti giovani stessi, ma anche altri che entrano in contatto con loro. Sono anche dannosi per l'integrità e la percezione del settore fitness e spesso legate a reti criminali coinvolte nel traffico di droga. È necessaria un'azione concertata per proteggere lo sport amatoriale e il fitness dalla crescente epidemia di uso di steroidi. "

 

Attraverso il loro lavoro, i collaboratori hanno lo scopo di dotare il maggior numero di adolescenti e giovani adulti sia delle competenze psicologiche che sociali di resistere a questo tipo di marketing e pressioni all'uso di sostanze per trasformare e aumentare le loro prestazioni o il fisico. Per raggiungere questo obiettivo, il progetto SAFE si porrà un forte accento sui motivi e le ragioni che spingono i giovani a sperimentare e utilizzare queste sostanze, consentendo loro le conoscenze e tecniche per cercare alternative più sane e più sostenibili.

 

Questo progetto partito dal Regno Unito condotto dal professor Andrea Petroczi, esperto di sanità pubblica presso la Kingston University di Londra, ha detto che mentre una prevenzione basata sulla sola conoscenza era improbabile che fosse stata completamente efficace nel ridurre l'uso di tali sostanze chimiche, fornendo informazioni affidabili e consigli accurati e imparziale, sarebbero stati gli ingredienti chiave di una strategia efficace contro la droga. " Le persone, giovani e anziani, che sono determinati ad usare una sostanza per raggiungere un obiettivo desiderato lo faranno e cercheranno informazioni ovunque siano disponibili, spesso basandosi su reti informali di individui simili su internet piuttosto che su fatti autorevoli ", ha avvertito. "E' nostro dovere fare tutto il possibile per contrastare questo".

 

In un'epoca in cui assistere al potenziamento umano stava diventando sempre più accettabile, era più che mai importante ricordare che il doping nello sport non si è fermato al solo uso di steroidi, il professor Petroczi avverte. "Oltre alla costruzione del muscolo, ci sono stimolanti negli integratori pre allenamento e bevande energetiche con alte concentrazioni di caffeina, ma anche i prodotti di perdita di peso come i brucia grassi, gli acceleratori metabolici e soppressori dell'appetito sono anch'essi prodotti di cui dovremmo essere preoccupati. Questo è ancor prima di arrivare a stimolanti soggetti a prescrizione medica - i cosiddetti farmaci intelligenti - che sono già entrati in ambito sportivo ", ha detto. "Probabilmente, non c'è mai stato un momento, praticamente rilevante, in cui soluzioni concrete dirette erano più importanti per prevenire i tanti danni che potrebbero capitare all'attuale generazione di giovani."

 

Dean Andy Hudson della Kingston University's School of Education sta lavorando con i ricercatori per fornire consulenza specialistica sulle modalità dei messaggi antidoping che possono essere costruiti nel curriculum scolastico e universitario. "Con tutti gli adolescenti e circa il 40 per cento dei giovani adulti impegnati anche a tempo pieno nelle scuole, sviluppare programmi scolastici per prevenire le prestazioni e il consumo di sostanze per aumentare le prestazioni fisiche, è una scelta logica", ha detto Hudson. "Attraverso scuole ed università, abbiamo anche un modo molto efficace di raggiungere i giovani non impegnati nello sport competitivo organizzato per avvertirli che non è solo un rischio a lungo termine che si va incontro con l'assunzione di tali farmaci per migliorare il loro aspetto fisico."

 

Il progetto è impostato per una durata di due anni e culminerà in un lancio a livello europeo del nuovo strumento online. Un programma di formazione per gli allenatori, istruttori e insegnanti che dovrebbe partire a fine 2016.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati