Accusate il Malessere di Fine Estate?

Accusate il Malessere di Fine Estate?

Come state? Come sta procedendo l’estate?

Vi state chiedendo come mai pubblichiamo un’articolo sul fine estate quando ancora abbiamo davanti a noi tutto il mese di agosto?

E’ presto detto: secondo la medicina tradizionale cinese l’estate finisce l’8 agosto (circa) , più precisamente questa stagione viene chiamata P’I (autunno). Secondo il pensiero taoista che comprende tutto il creato sotto i due elementi Yin (principio femminile) e Yang (principio maschile), i grandi movimenti stagionali sono regolati dal corpo energetico della Terra.

Ogni movimento di stagione prende un nome simbolico che, in virtù delle due forze Yin Yang ci permette di raggruppare le stagioni in:

  • LEGNO-PRIMAVERA
  • FUOCO-ESTATE
  • TERRA (TRANSITI INTER-STAGIONALI)
  • METALLO-AUTUNNO
  • ACQUA-INVERNO

Da ciò si desume che per la medicina tradizionale cinese le stagioni sono quattro ma alla fine di ogni stagione c’è una stagione di transito (movimento terra) che ‘media’ il confronto tra forze di natura diversa.


Oggi, primi di agosto (circa) il movimento Terra fa da mediatore tra l’estate che finisce e l’autunno che arriva.




Nello specifico il movimento Terra interviene:

  1. Dall’inverno alla primavera, negli ultimi giorni di gennaio e nei primi giorni di febbraio
  2. Dalla primavera all’estate, negli ultimi giorni di aprile e nei primi giorni di maggio
  3. Dall’estate all’autunno, negli ultimi giorni di luglio e nei primi giorni di agosto (cioè ora)
  4. Dall’autunno all’inverno, negli ultimi giorni di ottobre e nei primi di novembre.


E’ come se il nostro corpo ci chiedesse quattro volte l’anno di fermarci e fare ritorno al centro per rigenerare la nostra energia. Il centro è il perno del nostro equilibrio.


Nello specifico il periodo di mediazione tra estate ed autunno (tarda estate) corrisponde:

  • Alla risalita del Qi (energia) – sostanza vitale
  • Bocca – oragno di senso
  • Muscoli – tessuto
  • Riflessione – emozione
  • Giallo – colore
  • Umidità – fattore ambientale
  • Dolce – sapore
  • Milza, pancreas, stomaco – organi e visceri
  • Terra – uno dei cinque movimenti in medicina tradizionale cinese (corrisponde al centro).

Partiamo ora dagli organi - visceri interessati energeticamente a questa stagione che sono nello specifico la milza (organo a polarità Yin) e stomaco (viscere a polarità Yang). Come abbiamo accennato al movimento terra corrisponde la centralità, infatti milza e stomaco sono al centro del corpo umano e concorrono in maniera importante al processo digestivo e alla capacità di estrarre le sostanze nutritive dai cibi.

Il sapore dolce associato alla tarda estate è quello dei cereali.

Il fattore ambientale umidità se è in eccesso o in difetto possono squilibrare l’energia dell’elemento terra-tarda estate.

Il colore giallo è quello dei cereali.

L’emozione che viene considerata in tarda estate è la riflessione ossia saper riflettere ed avere autodisciplina, essere fiduciosi sia in se stessi che negli altri.

Il tessuto muscolare è coinvolto nella tarda estate in quanto la milza influenza il tono muscolare ed i quattro arti in quanto li nutre e li mantiene consistenti e forti ovviamente se è in equilibrio.

L’organo di senso bocca è influenzato in questo periodo in quanto cibo ed aria sono introdotti dalla bocca. Se vi è squilibrio energetico nell’elemento terra (che ripetiamo e collegato a tarda estate, milza, stomaco ecc) possono sorgere dipendenze ‘orali’ come introduzione di troppo cibo, alcolici, fumo ecc.

La risalita del Qi avviene dopo la digestione avvenuta nello stomaco, in quanto la milza diffonde le sostanze nutritive con la funzione appunto di ‘risalire’.

Ora vediamo la tarda estate da un punto di vista scientifico occidentale.

Sappiamo che la luce, il sole ci danno lo stimolo a fare, a muoverci, a essere vitali.

All’alba dietro le nostre palpebre la luce attiva le cellule deputate a recepire la luce situate nella retina. Nello specifico troviamo particolari cellule fotosensibili che una volta stimolate dalla luce innescano tutto il processo chimico-ormonale che ci stimola di primo mattino.

Tali particolari cellule mandano impulsi al cervello che regola il ritmo sonno-veglia e tutti gli annessi ormonali, interrompendo la produzione di melatonina (ormone del sonno). Vengono inviati al cervello inoltre altri impulsi che attivano l’organismo.

Quando arriva l’autunno, al mattino, non abbiamo più quel quantitativo di luce che stimola le cellule della retina che andranno a ” svegliare “ l’organismo, quindi nonostante ci si possa svegliare presto, la cascata chimico-ormonale che chi riattiva dal sonno notturno arriva più tardi in quanto l’organismo ci mette più tempo ad interrompere la produzione di melatonina. Si vive, dopo svegli, un senso di torpore che svanisce lentamente con il farsi del giorno.

Con il calo di luce viene interrotta o sensibilmente ridotta la produzione di serotonina, l’ormone del benessere.

Ecco perché diverse persone possono sentirsi “depresse” nel periodo autunnale-invernale.

In aggiunta di tutto ciò, al tramonto, che d’inverno avviene molto presto, il nostro organismo rilascia melatonina pensando che sia ora di dormire, inducendoci a coricarci molto presto e comunque non ci sentiamo così stimolati come d’estate.


VALUTIAMO ORA I RIMEDI:

Alimentazione:

Dal punto di vista alimentare come abbiamo visto nella prima parte dell’articolo la tarda estate corrisponde al sapore dolce, quello dei cereali che, in passato, quando la vita era scandita dall’agricoltura, nella tarda estate appunto erano disponibili i cereali raccolti d’estate. Si possono consumare piccole quantità di riso integrale, miglio, ed altri cereali ( che tra l’altro essendo carboidrati stimolano il rilascio di serotonina; quindi tutto torna secondo la medicina tradizionale cinese).

Per soddisfare l’esigenza di dolce da parte del nostro corpo in questo periodo si può consumare anche un cucchiaino da caffè di miele (che viene prodotto in questo periodo – tarda estate) sciolto in un bicchiere di acqua tiepida. Il miele andrebbe consumato da solo.

Abbiamo anche detto che il colore inerente a questo periodo è il giallo: via dunque anche al consumo di zucche che oltre ad essere giallo intenso all’interno, crescono a contatto con la TERRA, l’elemento in questione in questo periodo.

Va da se che tutta la frutta raccolta in questo periodo tonifica l’organismo in quanto ha in sé l’energia del movimento terra.

Floriterapia:

I fiori di Bach sono un grande aiuto per le difficoltà che possiamo incontrare nella nostra vita.

Per loro natura i fiori di Bach sono lenti nell’agire, in virtù di ciò occorre protrarre la floriterapia per due o tre mesi.

I fiori interessati per superare il fine estate (ovviamente per chi lo accusa) sono:

  • STAR OF BETHLEHEM, fiore adatto per i traumi, in questo caso il trauma che un individuo può accusare è la fine dell’estate.
  • WALNUT è il fiore adatto per armonizzare i cambiamenti.
  • GENTIAN è il fiore necessario per gli stati depressivi da cause conosciute (il fine estate). Teniamo a precisare che per depressione non si intende necessariamente uno stato acuto ma anche semplicemente uno stato malinconico, di scontentezza, di tristezza.
  • HONEYSUCKLE induce al superamento. Aiuta ad adattarsi ed avere uno sguardo sereno ed un coinvolgimento nel presente.
  • WILD ROSE apporta vitalità che viene a mancare in chi accusa il fine estate. Porta a vivere con entusiasmo e coinvolgimento.
  • Nel caso sia necessario si può aggiungere:
  • SWEET CHESTNUT per affrontare quel senso di notte buia dell’anima che alcuni accusano a fine estate abbinata al senso di impotenza. Dona rinascita a livello emotivo.

I fiori di Bach vanno fatti preparare in soluzione idroalcolica in erboristerie specializzate.

Di tale miscela se ne prendono 4 o 5 gocce sublinguali 5 o 6 volte dì. In passato bastavano 4 gocce 4 volte al dì ma ora, che siamo immersi letteralmente in un mare di elettromagnetismo la posologia va leggermente aumentata in quanto essendo un prodotto vibrazionale (tutto vibra) deve fare i conti con le vibrazioni emesse da apparecchi tecnologici: cellulari, reti wi-fi, cavi alta tensione ecc., che sono decisamente contrastanti.

Se tenete le boccette nella borsetta o vicino a fonti elettromagnetiche è necessario avvolgerle con carta stagnola al fine di schermarle.

Sarebbe opportuno far coincidere la prima assunzione con il risveglio (che ci predispone al meglio) e l’ultima prima di coricarsi (che lavorerà durante il sonno). Non ha importanza prima o dopo i pasti in quanto essendo assunti sotto la lingua vengono subito assorbiti.

Abbigliamento:

Introdurre in questo periodo qualcosa di giallo oppure mettere in casa piante con fiori gialli.

Attività sportive:

Ai fini di riportare i livelli di serotonina in circolo espletare workout (pesi o attività aerobiche) di prima mattina o nel tardo pomeriggio, l’importante che che ci sia ancora luce, ovviamente in compatibilità con il proprio lavoro e le proprie esigenze.

Speriamo che questo articolo possa esserVi di aiuto.

Buona tarda estate a tutti!

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati