Anti Aging

Anti Aging

I vari modi di combattere l'invecchiamento

Anti Aging, qual è la migliore strada per rallentare l'invecchiamento?

Va da sé che tutti vorremmo tornare indietro nel tempo, come è possibile fare con l'orologio, in modo da poter ritornare giovani e sentirci così il più a lungo possibile. La realtà è che non è possibile fermare l'invecchiamento. Tuttavia, ci sono modi che possono rallentare gli effetti dell'invecchiamento.

 

Cosa provoca l'invecchiamento nel corpo con l'età?


Ci sono un paio di scuole di pensiero quando si tratta di invecchiamento. Alcuni teorici ritengono che l'invecchiamento è un processo naturale che è stato programmato nel corpo. In alternativa, altri ritengono che l'invecchiamento è una conseguenza di un danno accumulato nel tempo. In ultima analisi, l'invecchiamento è il risultato di complesse interazioni tra la fisiologia, la genetica, biochimica e il comportamento.

 

Fisiologia
Il modo in cui il nostro corpo funziona cambia con l'età. La regolarità dei sistemi del corpo e degli organi è quello che altera la nostra vulnerabilità alle malattie. Gli scienziati stanno ancora lavorando per capire questi cambiamenti e la relazione con l'invecchiamento. Quello che sappiamo è che con l'età:

 

• Il nostro muscolo cardiaco si addensa
• Le arterie si irrigidiscono
• La capacità polmonare si riduce
• I nostri reni e la vescica diventano meno efficienti
• Il nostro sistema immunitario declina
• Il grasso corporeo aumenta
• La funzione cognitiva si riduce
• Il tono muscolare diminuisce
• Le ossa perdono densità
• La vista e l'udito declinano

 

Tutti questi fattori si combinano per ridurre le nostre capacità fisiche e ci rendono più suscettibili alle malattie.

 

La Genetica

La genetica è importante nel processo di invecchiamento
L'invecchiamento è affetto dalla nostra genetica. Un recente studio di centenari ha rivelato che il 40 per cento dei partecipanti di età superiore ai 110 ha un sacco di fattori genetici specifici in comune (1). Altri studi hanno dimostrato che la manipolazione genetica può essere utilizzata per migliorare la longevità in vari organismi, compresi topi, mosche e lievito (2 3 4) . Il nostro corredo genetico contribuisce al nostro invecchiamento e alla suscettibilità delle malattie.

 

Biochimica
Il nostro corpo esegue costantemente reazioni biochimiche complesse. Alcuni di questi processi sono dannosi per il nostro organismo. Ci sono un certo numero di reazioni biochimiche fondamentali che sono collegate con l'invecchiamento:

  • • Ormoni - Modifiche agli ormoni come l'età, possono alterare le funzioni del corpo e degli organi.
  • • I radicali liberi - Le nostre cellule possono essere danneggiati da queste molecole di ossigeno instabili.
  • • Collegamento di proteine -. I tessuti si induriscono a causa di molecole proteiche fuse
  • • Proteine ​​sottoposte a stress - Con l'avanzare dell'età queste proteine ​​declinano e le nostre cellule non sono così ben protette dallo stress.
  • • Riparazione del DNA - I sistemi coinvolti nella riparazione del DNA non sono efficaci con l'avanzare dell'età.

 

Il Comportamento
Il modo in cui si comportano gli impatti del processo di invecchiamento. Bere alcol, uso di tabacco, l'inattività fisica e una cattiva alimentazione, sono tutti elementi che contribuiscono ad accelerare il processo di invecchiamento. Tuttavia, ci sono azioni che possiamo intraprendere per rallentare l'invecchiamento e limitarne gli impatti.

 

Modi diversi per ridurre l'impatto dell'invecchiamento


Nel corso degli anni è stato dedicato un sacco di tempo per trovare una allusiva 'fonte della giovinezza'. Mentre la ricerca continua, lungo la strada è stato trovato il modo per cercare di preservare i nostri sguardi e la giovinezza. Sono state delineate alcune misure che le persone prendono per cercare di ridurre i segni dell'invecchiamento, alcune delle quali sono più efficaci di altre.

 

Cosmetici
L'industria cosmetica è uno dei principali promotori di Anti Aging. Un intero settore è stato creato intorno all'idea di far sembrare le persone più giovani e aiutarle a combattere i segni visibili dell'invecchiamento. Questa industria multimiliardaria investe un sacco di soldi nella ricerca di diverse sostanze chimiche, composti organici, rimedi naturali e lreazioni biochimiche per sviluppare prodotti per la pelle Anti Aging. La realtà è che la maggior parte degli scienziati e dermatologi concordano sul fatto che questi prodotti sono limitati nella loro efficacia e, in definitiva, non rallentano il processo di invecchiamento.

 

Operazione Chirurgica
Gli interventi di chirurgia estetica fanno parte di un settore in crescita massiccia in tutto il mondo. Le donne (e sempre più, gli uomini) si rivolgono alla chirurgia estetica per modificare il loro aspetto. I pazienti scelgono un intervento chirurgico per una serie di motivi, tra cui il tentativo di invertire i segni visibili dell'invecchiamento. Ci sono un gran numero di procedure disponibili compresi i trattamenti per la fronte, sopracciglio, il decadimento della pelle di mento e collo, filler per labbra, tra gli altri. Tutti questi interventi facciali sono specificatamente progettati per rendere il nostro viso con un aspetto più giovane. Tuttavia, come per qualsiasi intervento chirurgico, ci sono dei rischi. Inoltre, la chirurgia è un'opzione costosa e i risultati richiedono frequenti 'ritocchi'.

 

Ormoni
Ci sono una serie di ormoni nel nostro corpo che si alterano in concentrazione con l'avanzare dell'età. Alcuni di questi ormoni sono promossi come trattamenti Anti Aging:

 

  • Ormone della crescita umano (HGH) - le iniezioni di HGH sono una dei più controversi trattamenti anti-età che coinvolgono gli ormoni. Molte persone credono di sentirsi meglio e di avere più energia con l'integrazione di HGH. Tuttavia, le iniezioni di HGH sono costose e vi sono poche prove scientifiche a sostegno di rivendicazioni Anti Aging legati a questo ormone (5). Gli effetti a lungo termine dell'uso di HGH possono includere eccessiva crescita di peli, ritenzione idrica, ingrossamento del cuore, del fegato, danni alla tiroide, bassa pressione del sangue, acromegalia e morte prematura.

 

  • Estrogeni - Uno degli ormoni più noti e meglio studiati. Gli estrogeni sono stati ampiamente prescritti come terapia sostitutiva per aiutare le donne alle prese con i sintomi della menopausa. Tuttavia, gli effetti a lungo termine dell'integrazione di estrogeni sono complessi e possono avere implicazioni sia positive che negative per la salute delle donne.

 

  • Testosterone - Mentre gli uomini invecchiano, i loro livelli di testosterone lentamente diminuiscono. Mentre la terapia con testosterone può aiutare gli uomini che producono poco o niente testosterone, vi è stata poca ricerca sui benefici per gli uomini anziani che hanno livelli sani di questo ormone.

 

Terapia con cellule staminali
Uno dei più interessanti sviluppi nella ricerca per la cura dell'invecchiamento e la malattia è venuto dalle cellule staminali. Le cellule staminali sono cellule che possono dividersi per diventare qualsiasi tipo di cellula all'interno del corpo. Uno studio ha utilizzato cellule staminali di topi giovani, sani, iniettandole in topi anziani aumentando in modo significativo la loro longevità. I topi sarebbero dovuti morire nel giro di pochi giorni; invece hanno vissuto una media di 71 giorni in più di (6). C'è ancor tanta ricerca in corso che indaga sull'applicazione di cellule staminali per il trattamento di malattie e degli effetti dell'invecchiamento.

 

Antiossidanti
Di tutte le misure Anti Aging, attualmente disponibili, l'uso di antiossidanti è la più accessibile, conveniente e di successo. Facendo semplici modifiche alla vostra dieta, è possibile migliorare i processi biochimici del vostro corpo e la sua fisiologia. Questo può aiutare a rallentare l'invecchiamento.

 

Cosa sono gli antiossidanti?
Gli antiossidanti sono molecole che bloccano l'ossidazione di altre molecole nel nostro corpo. Il processo di ossidazione rilascia radicali liberi, che possono innescare reazioni a catena che portano alla morte o danneggiano seriamente le cellule. Gli antiossidanti possono rimuovere i radicali liberi e terminare la reazioni a catena. I più potenti antiossidanti si trovano negli aminoacidi e in alcuni alimenti.

 

Glutatione
Il più potente e abbondante antiossidante naturale all'interno del corpo si chiama glutatione . Il glutatione è formato dal amminoacido cisteina e dal gruppo carbossilico del glutammato a catena laterale. Esso stimola il sistema immunitario, protegge la vista, arresta l'accumulo di grassi ossidati, aiuta a convertire i carboidrati in energia e più fondamentalmente riduce i danni alle componenti cellulari importanti causate dalle molecole di ossigeno reattive quali i radicali liberi e i perossidi (7) . Durante questo processo, il glutatione rimuove inquinanti indesiderati e tossine dal corpo, rendendo indispensabile il rallentamento del processo di invecchiamento.

Carnitina
Derivato da due essenziali aminoacidi (lisina e metionina ), la carnitina contribuisce inoltre a migliorare la funzione mitocondriale (8 9 10). I mitocondri sono essenziali per la conversione di energia e per garantire che le nostre cellule funzionino correttamente. La carnitina è molto importante nella lotta contro l'invecchiamento, perché quando si invecchia, la funzione mitocondriale declina. Se siamo in grado di migliorare la funzione mitocondriale, possiamo migliorare i processi biochimici che tendono alla rottura con l'età. La ricerca ha dimostrato che la carnitina eleva l'attività antiossidante, contribuendo ulteriormente ad attività antinvecchiamento all'interno del corpo (11) .

 

Fonti & Dosaggio consigliato
Per sfruttare appieno le proprietà Anti Aging associati con gli antiossidanti, è importante seguire una dieta ricca di cibi contenenti aminoacidi come la lisina, metionina e glutatione. Prodotti freschi e biologici sono l'ideale. Alcuni dei migliori cibi da consumare comprendono legumi, noci, mirtilli, ciliegie, broccoli, spinaci, salmone, pomodori, arance, avena e cereali integrali. Carne rossa e latticini sono anch'esse buone fonti di carnitina e glutatione.

 

Il mantenimento di una regolare assunzione di questi alimenti ricchi di antiossidanti aiuterà a combattere gli effetti dell'invecchiamento. Idealmente, bisognerebbe consumare alcuni alimenti ricchi di antiossidanti con ogni pasto, per garantire che il vostro corpo possa trarre tutti i benefici. Ci sono anche una serie di integratori presenti sul mercato che si possono prendere in considerazione per aiutare le concentrazioni e dare una spinta.

 

Conclusione
Ridurre gli impatti negativi che l'invecchiamento ha sul nostro corpo è qualcosa che tutti desideriamo. Anche se non siamo in grado di tornare indietro nel tempo, gli antiossidanti all'interno degli amminoacidi o di alimenti, offrono a tutti noi la migliore opportunità di limitare gli effetti dell'invecchiamento.

 

I trattamenti ormonali sono complessi e non necessariamente vantaggiosi; cosmetici e chirurgia sono costosi e superficiali e non trattano la causa dell'invecchiamento. La ricerca sulle cellule staminali potrebbe offrire un nuovo approccio anti età, ma c'è ancora tanto lavoro da fare in questo campo.

 

Il vantaggio degli antiossidanti è che sono accessibili a tutti attraverso o gli aminoacidi come la lisina, metionina e glutatione. Oppure facendo semplici modifiche alla vostra dieta è possibile ottimizzare l'attività antiossidante e combattere l'invecchiamento. Non solo questi aminoacidi riducono gli effetti dell'invecchiamento, ma possono anche aiutare una migliore funzione del corpo e proteggere contro le malattie.

 

Riferimenti:

1- http://www.plosone.org/article/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0029848#s3
2- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16387715
3- http://www.pnas.org/content/101/34/12610.short
4- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15722108
5- http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp020186
6- http://www.nature.com/ncomms/journal/v3/n1/full/ncomms1611.html
7- Pompella, A; Visvikis, A; Paolicchi, A; De Tata, V; Casini, AF (2003). “The changing faces of
glutathione, a cellular protagonist”. Biochemical Pharmacology 66 (8): 1499–503.
doi:10.1016/S0006-2952(03)00504-5. PMID 14555227
8- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11854488
10- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11854487
11- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11854529
12- http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21701126

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati