Antociani

Antociani

Cosa sono e a cosa servono; quali benefici apportano alla salute

Gli Antociani, questi composti potenti possono aiutare a prevenire malattie cardiovascolari e il cancro e aumentare la funzione cognitiva e molto altro ancora...

Molti dietologi sono ben consapevoli dei benefici che frutta e verdura forniscono, ma pochi possono conoscere i nomi reali e i tipi di composti che combattono le malattie in essi contenuti che sono molto importanti per una buona salute.

 

Le antocianine, un particolare gruppo di composti, sono uno dei più di 6.000 membri della famiglia dei flavonoidi, sostanze fitochimiche di polifenoli che si trovano nei vari alimenti. Oltre agli antociani, il gruppo flavonoide include flavanoli, flavoni, flavanoni, flavan-3-oli e isoflavoni.

 

I pigmenti antociani sono stati utilizzati nella medicina popolare per generazioni, ma solo recentemente le specifiche proprietà farmacologiche di questi composti sono stati isolati e studiati.

 

Ci sono molti aspetti del ruolo degli antociani "nell'organismo che rimangono un mistero, come la bioattività, l'assorbimento, la biodisponibilità e la distribuzione nei tessuti. Ma la ricerca di laboratorio e gli studi sugli animali e sull'uomo, hanno suggerito che le antocianine possono svolgere un ruolo importante nel contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari (CVD), declino cognitivo e il cancro. Il ruolo degli antociani nella prevenzione di queste malattie è stato collegato alle loro proprietà antiossidanti, ma la ricerca ora suggerisce che i benefici per la salute apportati dagli antociani è il probabile risultato delle proprietà chimiche non identificate oltre che alla loro capacità antiossidante.

 

Una panoramica sugli Antociani


Gli antociani sono abbondanti negli alimenti vegetali, ai quali forniscono il tipico colore che va dal rosso-arancio ai colori blu-viola di tanti frutti e verdure. Questi composti si trovano naturalmente nelle piante sotto forma di glucosidi, in cui una molecola antocianidina si accoppia con una dello zucchero. La parte del pigmento libera dallo zucchero (genericamente conosciuto come aglicone) è chiamata antocianidina. Questi composti sono più abbondanti nei frutti di bosco o bacche (ad esempio, ribes nero, sambuco, mirtilli, fragole) e i loro succhi, uva rossa e viola, vino rosso, ciliegie, melanzane, prugne nere, arance rosse e cavolo viola.

 

Le piante producono antociani come meccanismo di protezione contro i fattori di stress ambientale, come la luce ultravioletta, le temperature fredde, e la siccità. Questa produzione di antociani nelle radici, steli e soprattutto tessuti fogliari serve probabilmente a fornire resistenza contro questi rischi ambientali.

 

Inoltre, gli antociani sono il flavonoide più facilmente riconoscibile e importante nella dieta; l'assunzione di questi composti è stimata a circa nove volte superiore a quella di altri flavonoidi con valori tra i 3 e 215 mg / giorno. La quantità di antociani negli alimenti può variare notevolmente. Ad esempio, le mele Red Delicious forniscono più antociani delle mele Fuji; i lamponi neri sono una fonte molto più ricca dei lamponi rossi; e l'uva Concord è una fonte molto più concentrata dell' uva rossa.

 

Mentre le risposte al come e perché gli antociani possono aiutare a prevenire le malattie restano ancora da scoprire, la letteratura fino ad oggi è intrigante e la maggior parte dei ricercatori stanno richiedendo ulteriori studi per esplorare i potenziali benefici per la salute di questi composti naturali.

 

"Mentre si potrebbe sostenere che le prove sono insufficienti per definire un regime dietetico specifico, è chiaro che il consumo di alimenti ricchi di antocianine dovrebbe essere incoraggiato", dice il Professor Jeffrey Blumberg, direttore del laboratorio di ricerca di antiossidanti al Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging della Tufts University di Boston.

 

Malattie cardiovascolari e Antociani


Diversi studi hanno trovato un'associazione tra il consumo di cibi ricchi di antociani e la protezione CVD. Come parte della Iowa Woman's Health Study, 34.489 donne in postmenopausa senza CVD avevano le loro diete valutate e seguite per 16 anni. I ricercatori hanno scoperto che il consumo di fragole e mirtilli, ricchi di antocianine, una volta alla settimana, è stato associato ad una significativa riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari e coronariche. Inoltre, diversi studi epidemiologici hanno evidenziato un'associazione tra il consumo di vino rosso e una diminuzione del rischio di morte CVD.

 

La diminuzione del rischio di CVD può essere dovuto, in parte, ad una riduzione della rigidità arteriosa e della pressione del sangue.

Studi di laboratorio suggeriscono che le antocianine e i loro metaboliti, che sono prodotti dalla microflora intestinale, possono diminuire i marker infiammatori che sono associati ad un aumento del rischio di CVD. Le antocianine possono anche avere attività antiaggregante.

 

Cancro e Antociani


Antociani ed estratti ricchi di antocianine su cellule in coltura e su animali, hanno dimostrato attività antitumorali. Mentre studi di laboratorio hanno fornito alcune informazioni sul modo in cui possono lavorare, l'esatto meccanismo (o meccanismi) per come questi composti dietetici possano prevenire il cancro non è chiaro. Studi di laboratorio che hanno utilizzato una varietà di cellule tumorali hanno indicato che le antocianine agiscono non solo come antiossidanti, ma attivano anche enzimi disintossicanti; prevengono la proliferazione delle cellule del cancro; inducono la morte delle cellule tumorali (apoptosi); ahanno effetti antinfiammatori; hanno effetti antiangiogenesi (cioè, inibire la formazione di nuovi vasi sanguigni che favoriscono la crescita del tumore); prevengono l'invasione delle cellule del cancro; e inducono la differenziazione (più differenziata è la cellula tumorale, meno probabilità ha di crescere e diffondersi).

 

Funzione cognitiva e Antociani


Per quanto riguarda la funzione cognitiva, la ricerca suggerisce che i flavonoidi, tra cui gli antociani, hanno la capacità di migliorare la memoria e aiutare a prevenire il declino mentale correlato all'età. La vasta ricerca sugli animali ha dimostrato che i flavonoidi presenti nei succhi di frutta e frutta possono migliorare la memoria e rallentare la perdita del funzionamento cognitivo con l'avanzare dell'età. Diversi altri studi hanno trovato che le bacche, in particolare i mirtilli, che sono ricchi di antociani, possono effettivamente invertire i deficit di alcuni aspetti del lavoro della memoria. Antociani e altri flavonoidi sono ritenuti di poter inibire la neuroinfiammazione, attivando la segnalazione sinaptica e migliorando il flusso di sangue al cervello. Sembra che alcuni antocianine alimentari possono attraversare la barriera emato-encefalica, permettendo ai composti di avere un effetto benefico diretto.

 

Gli autori di una recente revisione sull'argomento hanno suggerito che il consumo di frutta ricca di flavonoidi, come frutti di bosco, mele, agrumi e per tutta la vita, potrebbe potenzialmente limitare o addirittura invertire le alterazioni di memoria e cognizione dovuti all'avanzare dell'età.

 

Consigli sulle antocianine


Gli effetti degli antociani sono strettamente legati al loro assorbimento e al metabolismo, ma sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio come sono assorbiti e utilizzati nel corpo prima di poter prescrivere un dosaggio di antociani per la prevenzione delle malattie.

 

Per tenere sempre gli antociani a portata di mano, si può optare per i frutti di bosco surgelati. "Sono ottimi da inserire in un rapido frullato."

Ximena Jimenez, un portavoce dell'Academy of Nutrition and Dietetics, dice che mentre le antocianine non hanno ancora raggiunto lo status di star, i consumatori stanno iniziando a sentire sempre più informazione su di loro. "Ottenere tre o più porzioni di questi frutti a settimana," è quanto lei raccomanda ai suoi clienti e pazienti.


"Iniziare la giornata con mirtilli o more e succo d'uva, per i pasti aggiungere le melanzane, cavolfiore viola, o le cipolle viola alle vostre ricette preferite."

 

Insomma sembra che gli alimenti contenenti questi nutrienti siano quelli che bisogna puntare e che si punterà nel prossimo futuro non appena la ricerca scoprirà tutti i suoi segreti.

 

Riferimenti:


1. Wallace TC. Anthocyanins in cardiovascular disease. Adv Nutr. 2011;2:1-7.

2. Roy HJ, Lundy S, Eriksen C, Kalicki B. Anthocyanins. Pennington Nutrition Series. http://www.pbrc.edu/training-and-education/pdf/pns/pns_anthocyanins.pdf. 2009.

3. Tsuda T. Dietary anthocyanin-rich plants: biochemical basis and recent progress in health benefits studies. Mol Nutr Food Res. 2012;56(1):159-170.

4. Hidalgo M, Martin-Santamaria S, Recio I, et al. Potential anti-inflammatory, anti-adhesive, anti/estrogenic, and angiotensin-converting enzyme inhibitory activities of anthocyanins and their gut metabolites. Genes Nutr. 2012;7(2):295-306.

5. Wu X, Beecher GR, Holden JM, Haytowitz DB, Gebhardt SE, Prior RL. Concentrations of anthocyanins in common foods in the United States and estimation of normal consumption. J Agric Food Chem. 2006;54(11):4069-4075.

6. Mink PJ, Scrafford CG, Barraj LM, et al. Flavonoid intake and cardiovascular disease mortality: a prospective study in postmenopausal women. Am J Clin Nutr. 2007;85(3):895-909.

7. Rimm EB, Giovannucci EL, Willett WC, et al. Prospective study of alcohol consumption and risk of coronary disease in men. Lancet. 1991;338(8765):739-742.

8. Cassidy A, O’Reilly EJ, Kay C, et al. Habitual intake of flavonoid subclasses and incident hypertension in adults. Am J Clin Nutr. 2011;93(2):338-347.

9. Cassidy A, Mukamal KJ, Liu L, Franz M, Eliassen AH, Rimm EB. High anthocyanin intake is associated with a reduced risk of myocardial infarction in young and middle-aged women. Circulation. 2013;127(2):188-196.

10. Jennings A, Welch AA, Fairweather-Tait SJ, et al. Higher anthocyanin intake is associated with lower arterial stiffness and central blood pressure in women. Am J Clin Nutr. 2012;96(4):781-788.

11. Chiva-Blanch G, Arranz S, Lamuela-Raventos RM, Estruch R. Effects of wine, alcohol and polyphenols on cardiovascular disease risk factors: evidences from human studies. Alcohol Alcohol. 2013;48(3):270-277.

12. Jin Y, Alimbetov D, George T, Gordon MH, Lovegrove JA. A randomised trial to investigate the effects of acute consumption of a blackcurrant juice drink on markers of vascular reactivity and bioavailability of anthocyanins in human subjects. Eur J Clin Nutr. 2011;65(7):849-856.

13. Giordano L, Coletta W, Tamburrelli C, et al. Four-week ingestion of blood orange juice results in measurable anthocyanin urinary levels but does not affect cellular markers related to cardiovascular risk: a randomized cross-over study in healthy volunteers. Eur J Nutr. 2012;51(5):541-548.

14. Sankhari JM, Thunaojam MC, Jadeja RN, Devkar RV, Ramachandran AV. Anthocyanin-rich red cabbage (Brassica oleracea L.) extract attenuates cardiac and hepatic oxidative stress in rats fed an atherogenic diet. J Sci Food Agric. 2012;92(8):1688-1693.

15. Graf D, Seifert S, Jaudszus A, Bub A, Watzl B. Anthocyanin-rich juice lowers serum cholesterol, leptin, and resistin and improves plasma fatty acid composition in Fischer rats. PLoS One. 2013;8(6):e66690. doi:10.1371/journal.pone.0066690.

16. Wang LS, Stoner GD. Anthocyanins and their role in cancer prevention. Cancer Lett. 2008;269(2):281-290.

17. Wang LS, Hecht SS, Carmelia SG, et al. Anthocyanins in black raspberries prevent esophageal tumors in rats. Cancer Prev Res (Phila). 2009;2(1):84-93.

18. Lim S, Xu J, Kim J, et al. Role of anthocyanin-enriched purple-fleshed sweet potato p40 in colorectal cancer prevention. Mol Nutr Food Res. 2013;57(11):1908-1917.

19. Rossi M, Garavello W, Talamini R, et al. Flavonoids and the risk of oral and pharyngeal cancer: a case-control study from Italy. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 2007;16(8):1621-1625.

20. Bosetti C, Bravi F, Talamini R, et al. Flavonoids and prostate cancer risk: a study in Italy. Nutr Cancer. 2006;56(2):123-127.

21. Bode U, Hasan C, Hulsmann B, Fleischhack G. Recancostat compositum therapy does not prevent tumor progression in young cancer patients. Klin Padiatr. 1999; 211(4):353-355.

22. Wang LS, Sardo C, Rocha CM, et al. Effect of freeze-dried black raspberries on human colorectal cancer lesions. Presented at: AACR Special Conference in Cancer Research: Advances in Colon Cancer Research; November 14-17, 2007; Cambridge, MA.

23. Thomasset S, Berry DP, Cai H, et al. Pilot study of oral anthocyanins for colorectal cancer chemoprevention. Cancer Prev Res (Phila). 2009;2(7):625–633.

24. Spencer JP. The impact of fruit flavonoids on memory and cognition. Br J Nutr. 2010;104 Suppl 3:S40-S47.

25. Youdim KA, Shukitt-Hale B, Joseph JA. Flavonoids and the brain: interactions at the blood-brain barrier and their physiological effects on the central nervous system. Free Radic Biol Med. 2004;37(11):1683-1693.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati