Beta Glucano

Beta Glucano

La ricerca suggerisce che questo tipo di fibra, il beta glucano, può migliorare il controllo della glicemia, la resistenza all'insulina e livelli di colesterolo... di conseguenza anche il controllo del peso corporeo.

 

È probabile che molte persone non ricevano abbastanza fibra dalla loro dieta, nonostante gli ammonimenti continui ad aumentare il loro consumo. Quello però che le persone non possono sapere, è che non tutte le fibre alimentari hanno la stessa funzione, sia in termini di struttura chimica che per i potenziali benefici per la salute.

 

Fibre solubili e insolubili sono le categorie più comunemente riconosciute come fibra, ma ognuna può essere suddivisa in molte categorie a seconda della fonte di cibo, peso molecolare e la resistenza alla digestione. Queste differenze agiscono sui loro effetti sulla salute che possono essere altrettanto diversi.

 

Un tipo di fibra che ha ricevuto molta attenzione ultimamente è il beta-glucano, un polimero del glucosio che si trova nelle pareti cellulari dei cereali (per esempio, l'avena, orzo), alcuni tipi di funghi (per esempio, reishi, shiitake, maitake), lieviti e alghe. Una quantità minore si trova nel grano, segale e sorgo. Tra queste fonti, l'orzo l'avena hanno rispettivamente il primo e il secondo più alto più alto contenuto di beta-glucano. Una tazza e mezzo di farina d'avena cotta forniscono 3 g di beta-glucani; 1 tazza di orzo perlato cotto contiene circa 2,5 g di beta-glucani.

 

I beta-glucani sono stati oggetto di intensificazione della ricerca perché possono avere un ruolo benefico nella riduzione della resistenza all'insulina e colesterolo nel sangue, riducendo il rischio di obesità e stimolare il sistema immunitario a combattere il cancro. (1,2)

 

Vantaggi del Beta Glucano

 

Negli ultimi otto anni, le indicazioni sulla salute sugli alimenti contenenti beta-glucano, sono stati autorizzati negli Stati Uniti, Canada, Svezia, Finlandia e Regno Unito. Le indicazioni sulla salute approvati dalla FDA e dal'Autorità europea per la sicurezza alimentare che si basano sulla ricerca, mostrano che il consumo di 3 g di beta-glucani al giorno, sia da avena o da orzo, può abbassare i livelli di colesterolo nel sangue dal 5% all'8% . (3) Le persone con alti livelli di colesterolo probabilmente vedranno un maggior beneficio. (4)

 

Tuttavia, non è chiaro se i beta-glucani possono abbassare i livelli di trigliceridi.

 

Mentre alcuni studi hanno suggerito che i beta-glucani possono anche rafforzare il sistema immunitario, aumentare la sazietà, aiutare a regolare i livelli di glucosio nel sangue e diminuire il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, la ricerca non è stata abbastanza costante per determinare specifiche esigenze quotidiane per una salute ottimale. Concentrandosi su una raccomandazione per la salute generale, è complicato stabilire un dosaggio, questo scaturisce dal fatto che non tutti i beta-glucani sono uguali.

 

"Cibi come avena e orzo, hanno dimostrato di ridurre il rischio di intolleranza al glucosio, rallentando l'assorbimento del glucosio dopo un pasto", dice Susan M. Tosh, un ricercatrice con Agriculture and Agri-Food Canada, un'organizzazione che fornisce informazioni, ricerca e programmi tecnologici e politici in materia di alimentazione e agricoltura.

 

"Uno studio ha seguito più di 65.000 donne per sei anni ed ha trovato che la fibra alimentare, tra cui l'assunzione di beta-glucano, è risultata inversamente associata con lo sviluppo di diabete di tipo 2. (5) I beta-glucani dei funghi differiscono strutturalmente e non influenzano l'assorbimento del glucosio."

 

Tuttavia, un recente studio di laboratorio ha suggerito che i beta-glucani dell'orzo e funghi hanno il potenziale di ridurre la risposta glicemica rispettivamente tra il 20% e il 25% e il 17% e il 25%. (6)

 

Mentre alcuni studi suggeriscono che una spinta sui marcatori dell'immunità avviene col consumo di beta-glucani, (7) la maggior parte delle ricerche su beta-glucani e immunità è stata fatta su estratti di funghi, non avena o orzo. I funghi medicinali, soprattutto Coriolus versicolor (noto come yun zhi in Cina), vengono comunemente usati nella medicina tradizionale orientale da secoli. (8,9)

 

Nel 1980, il governo giapponese ha approvato l'uso di polisaccaridi legato alle proteine ​​(PSK), un composto beta-glucano trovato nei funghi, per il trattamento di diversi tipi di tumori e per l'uso diffuso di immunoterapia contro il cancro. (9) Piuttosto che uccidere direttamente le cellule tumorali, si pensa che questi beta-glucani dei funghi, possano stimolare le risposte immunitarie delle cellule danneggiate dal cancro. (8) Tuttavia, perché i PSK sono legati ad una proteina, i beta-glucani puri che sono stati separati e purificati, possono agire in modo diverso rispetto ai beta-glucani degli alimenti. (10)

 

Mentre gli studi sugli animali suggeriscono che i beta-glucani possono essere utili come terapia adiuvante, (9,11) non c'è ricerca che mostra che aumentando l'assunzione di PSK o altri beta-glucani possa aiutare a prevenire il cancro. La maggior parte della ricerca su PSK e Coriolus (funghi) è stata fatta in Giappone e la maggior parte di essa è stato fatto su PSK isolati da funghi piuttosto che sui funghi ricchi di PSK come parte di una dieta. "Suggerirei alimenti ricchi di beta-glucani per il controllo della glicemia e riduzione dei lipidi", afferma Joanne Slavin, un Professore di scienza dell'alimentazione e nutrizione presso l'Università del Minnesota. "Non mi convince il fatto che i beta-glucani cambierebbero la funzione immunitaria."

 

Beta Glucano e Dimagrimento

 

In altri studi, i ricercatori hanno esaminato l'associazione tra beta-glucani e peso. Ma se consumare cibi ricchi di beta-glucano aiuti a controllare il peso corporeo, questo non è chiaro. Ad esempio, uno studio ha trovato che il consumo di una bevanda contenente 2,5 g di beta-glucani ha provocato una significativa maggiore sensazione di sazietà di una fibra libera. (1,12) Un altro studio ha riscontrato che gli uomini in sovrappeso che hanno consumato 7 g / al giorno di beta-glucani per 12 settimane hanno mostrato una significativa riduzione della massa corporea, circonferenza della vita e grasso viscerale rispetto a quelli del gruppo placebo. (1,13)

 

La ricerca ha suggerito che un minimo da 4 a 6 g di beta-glucani è necessario per sopprimere l'appetito.(1) Tuttavia, un altro studio ha trovato che il consumo di 9 g / al giorno di beta-glucani per 24 settimane non ha avuto effetti significativi sul peso corporeo. (14)
Una recente revisione ha concluso che i beta-glucani aumentano significativamente la sazietà e riducono l'appetito rispetto ad una dieta che non contiene beta-glucani, anche se non sempre si traduce in una diminuzione dell'assunzione di cibo negli studi a breve termine. (15)

 

La Funzione dei Beta Glucani

 

Molti polisaccaridi di origine vegetale, come i beta-glucani, regolano il sistema immunitario mentre passano attraverso tratto intestinale. (16) Alcuni beta-glucani interagiscono con le cellule immunitarie e stimolano direttamente il sistema immunitario. (17)

 

Fibre viscose come psyllium, beta-glucani e pectina possono formare un gel nel piccolo intestino, che agisce facendo ritardare l'assorbimento dei nutrienti, rallentando la risposta di glucosio nel sangue e riducendo la necessità di insulina. La capacità di queste fibre di abbassare la glicemia postprandiale e insulinemia, così come il colesterolo, è stata stabilita in numerosi studi, ma gli effetti a lungo termine sono meno noti. I batteri fermentano i beta-glucani nel tratto intestinale, producendo acidi grassi a catena corta. Questi possono stimolare il rilascio di insulina dal pancreas e modificare la ripartizione di glicogeno dal fegato e pertanto svolgere un ruolo nel metabolismo del glucosio e proteggere contro l'insulina resistenza. (1) Tuttavia, non si sa se la soppressione dell'appetito è il risultato di un aumento della sensazione di sazietà o di un effetto di regolazione dell'insulina. (15)

 

Consigli sul Beta Glucano

 

I beta-glucani sono presenti in vari alimenti comunemente consumati e l'assunzione è sicura per la maggior parte delle persone. Tuttavia, se i beta-glucani possono stimolare il sistema immunitario, questo potrebbe in teoria porre problemi per le persone che soffrono di malattie autoimmuni, come la sclerosi multipla, il lupus, l'artrite reumatoide, l'asma, e la malattia infiammatoria intestinale. I ricercatori non sanno quale possa essere l'effetto di consumare grandi quantità di beta-glucani n queste condizioni, pertanto in questi casi è consigliabile consultare il proprio medico prima di usare questi composti.

 

Si raccomanda l'aumento del consumo di alimenti ricchi di beta-glucani, fintanto che siano fonti alimentari concentrate di beta-glucani.

"I beta-glucani sono la nuova frontiera della medicina," dice il Professor Berry, ma "resta fda fare ancora molta ricerca."

 

Riferimenti:

1. El Khoury D, Cuda C, Luhovyy BL, Anderson GH. Beta glucan: health benefits in obesity and metabolic syndrome. J Nutr Metab. 2012;(2012):851362. doi: 10.1155/2012/851362.

2. Thompson IJ, Oyston PC, Williamson DE. Potential of the beta-glucans to enhance innate resistance to biological agents. Expert Rev Anti Infect Ther. 2010;8(3):339-352.

3. Ames NP, Rhymer CR. Issues surrounding health claims for barley. J Nutr. 2008;138(6):1273S-1243S.

4. Bernstein AM, Titgemeier B, Kirkpatrick K, Golubic M, Roizen MF. Major cereal grain fibers and psyllium in relation to cardiovascular health. Nutrients. 2013;5(5):1471-1487.

5. Salmeron J, Manson JE, Stampfer MJ, Colditz GA, Wing AL, Willett WC. Dietary fiber, glycemic load, and risk of non–insulin-dependent diabetes mellitus in women. JAMA. 1997;277(6):472-477.

6. Brennan MA, Derbyshire E, Tiwari BK, Brennan CS. Integration of β-glucan fibre rich fractions from barley and mushrooms to form healthy extruded snacks. Plant Foods Hum Nutr. 2013;68(1):78-82.

7. Daou C, Zhang H. Oat beta-glucan: its role in health promotion and prevention of diseases. Comp Rev. 2012;11(4):355-365.

8. Vannucci L, Krizan J, Sima P, et al. Immunostimulatory properties and antitumor activities of glucans (Review). Int J Oncol. 2013;43:357-364.

9. Coriolus mushroom. Susan G. Komen website. http://ww5.komen.org/BreastCancer/Coriolusmushroom.html. 2013. Accessed March 4, 2014.

10. Chan GC, Chan WK, Sze DM. The effects of β-glucan on human immune and cancer cells. J Hem Oncol. 2009;2:25.

11. Li B, Cai Y, Qi C, et al. Orally administered particulate β-glucan modulates tumor-capturing dendritic cells and improves antitumor T-cell responses in cancer. Clin Canc Res. 2010;16:5153-5164.

12. Lyly M, Ohls N, Lahteenmaki L, et al. The effect of fibre amount, energy level and viscosity of beverages containing oat fibre supplement on perceived satiety. Food Nutr Res. 2010;54. doi: 10.3402/fnr.v54i0.2149.

13. Shimizu C, Kihara M, Aoe S, et al. Effect of high beta-glucan barley on serum cholesterol concentrations and visceral fat area in Japanese men—a randomized, double-blinded, placebo-controlled trial. Plant Foods Hum Nutr. 2008;63(1):21-25.

14. Pick M, Hawrysh Z, Gee M, Toth E, Garg M, Hardin R. Oat bran concentrate bread products improve long-term control of diabetes: a pilot study. J Am Diet Assoc. 1996;96(12):1254-1261.

15. Clark M, Slavin J. The effect of fiber on satiety and food intake: a systematic review. J Am Coll Nutr. 2013;32(3):200-211.

16. Ramberg J, Nelson E, Sinnott R. Immunomodulatory dietary polysaccharides: a systematic review of the literature. Nutr J. 2010;9:1-60.

17. Vetvicka V, Thornton B, Ross G. Soluble β-glucan polysaccharide binding to the lectin site of neutrophil or natural killer cell complement receptor type 3 (CD11b/CD18) generates a primed state of the receptor capable of mediating cytotoxicity of iC3b-Opsonized target cells. J Clin Invest. 1996;98(1):50-61.

18. Salmeron J, Manson JE, Stampfer MJ, Colditz GA, Wing AL, Willett WC. Dietary fiber, glycemic load, and risk of non-insulin-dependent diabetes mellitus in women. JAMA. 1997;277(6):472-477.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati