Conoscere La Cellulite Significa Saperla Combattere

Conoscere La Cellulite Significa Saperla Combattere

Consigli utili per riconoscere e combattere la formazione della cellulite

La cellulite è un diffusissimo problema che colpisce tantissime donne, le giovani come le mature, le grasse come le magre.

Spesso presenta un carattere familiare e compare generalmente dopo la pubertà, con accentuazione e recrudescenza durante la gravidanza e la menopausa.

Interessa generalmente:

  • cosce e glutei
  • ginocchia
  • caviglie
  • addome e arti superiori (più di rado)

 

COME E PERCHÈ SI MANIFESTA LA CELLULITE?

Possiamo definirla come un'alterazione non infiammatoria del tessuto cellulare sottocutaneo.

La causa di questa alterazione va ricercata a livello cellulare, nel processo di scambio tra gli adipociti e il resto dell'organismo, che avviene grazie alla rete capillare che circonda le cellule dell'ipoderma.

Grazie a questa sottilissima parete di capillari e cellule è possibile lo scambio di scorie e anidride carbonica con nutrienti e ossigeno; bastano, però, lievi lievi squilibri per rallentare tale scambio e compromettere l'intero processo.

Il primo stadio della cellulite ha la sua origini proprio in questi micro-squilibri.

Le cellule e i capillari, infatti, per compensare la ridotta disponibilità di ossigeno, possono reagire aumentando in modo abnorme la permeabilità della propria membrana, che diventa così più sottile e più fragile.

A causa di piccolissimi traumi, questa si può rompere, provocando la fuoriuscita di grasso che va ad infiltrarsi in aree sempre più estese del lobulo adiposo, dando origine al fenomeno della cellulite.

 

I VARI STADI DELLA CELLULITE

 

Se siamo arrivati a questo punto e non risolviamo il problema lavorando sulle cause che hanno provocato tutto questo, l'organismo reagisce isolando le zone in cui è stata alterata la struttura delle cellule dei lobuli, dando origine al secondo stadio della cellulite.

In questa fase avviene la produzione di nuove fibre di collagene che hanno il compito di incapsulare le zone colpite.

Il terzo stadio è caratterizzato dalla formazione di noduli che diventano sempre più grandi e dolenti al tatto e, nei casi più gravi, si può raggiungere addirittura il quarto stadio, con un peggioramento di questi sintomi, aggravati da segni di insufficienza respiratoria.

 

COME COMBATTERE LA CELLULITE?

Per non sapere nè leggere nè scrivere, se il problema è accentuato, è bene rivolgersi al proprio medico, che farà un'accurata anamnesi e prscriverà opportuni esami del sangue per individuare precisamente dove è avvenuta l'alterazione dell'equilibrio cellulare.

Soloo così il nutrizionista potrà consigliarvi un regime alimentare mirato.

Vi sono in ogni caso delle regole generali da seguire: in linea di massima, una dieta anticellulite deve essere leggermente ipocalorica e deve risultare varia e ben equilibrata nei suoi nutrienti.

 

Se volete seguire alcuni consigli per mettervi "in riga" osservate questi punti:

  • suddividete l'alimentazione giornaliera in 4 o 5 pasti (ovviamente contenuti)
  • consumate più verdure, che saziano e sono poco caloriche
  • optate per cotture semplici, tipo vapore e griglia
  • evitate di salare troppo
  • consumate frutta ricca di vitamina C e sostanze antiossidanti
  • bevete molta acqua, non gassata, che vi aiuta a eliminare attraverso le urine i liquidi trattenuti nei tessuti
  • evitate cibi molto salati, tipo salumi, formaggi grassi e fermentati, fritti, scatolame, bevande dolcificate, succhi di frutta con sciroppo, alcolici, cioccolato, caffè, tè forte.
  • non fumate
  • trovate un'attività fisica adatta a voi, possibilmente aerobica

 

CONOSCERE IL NEMICO SIGNIFICA COMBATTERLO MEGLIO

Attente a riconoscere il vostro nemico sin dall'inizio!

 

L'ASPETTO DELLA PELLE: si distingue l'aspetto a buccia di arancia tipico delle forme iniziali da quello a "materasso", con zone gonfie e tumide, alternate ad altre depresse e detratte, tipico delle forme avanzate

 

DOLORE: il dolore alla palpazione è un importante indicatore; quando è spontaneo la cellulite si avvia verso forme avanzate, fibrose e sclerotiche

 

CONSISTENZA CUTANEA: negli stadi iniziali aumenta la pastosità della pelle. Il dito lascia l'impronta alla pressione in corrispondenza delle zone di infiltrazione edematosa. Negli stadi avanzati la pelle si indurisce

 

NODULI: assenti nella fase iniziale, sono presenti invece in quella avanzata e apprezzabili alla palpazione e alla plicatura della pelle

 

PRESENZA DI PLACCHE: si formano all'inizio dello stadio avanzato, si rilevano al tatto come discontinuità massicce, dure e compatte sfiorando l'area interessata

 

PRESENZA DI LIQUIDI: le fasi iniziali presentano una discreta presenza di liquidi, che diventano abbondanti appena prima dell'esito sclerotico e della comparsa di macronoduli, quando invece si riducono.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati