Dimagrisci Come Vuoi o Come Puoi?

Dimagrisci Come Vuoi o Come Puoi?

Esempio biotipo femminile

DIMAGRISCI COME PUOI O COME VUOI?
Dr Serena Missori

Chi non vorrebbe dimagrire assumendo la “pillola magica” senza modificare lo stile di vita?
Molte persone sicuramente.
Ma esiste veramente la pillola magica? Chi promuove l'utilizzo di integratori sicuramente è incline a far credere che esistano tutta una serie di molecole in grado di realizzare il dimagrimento desiderato senza fatica.

 

Siamo realisti!


Le sostanze naturali possono aiutarci ma non possono fare il lavoro al nostro posto.
Ma tutte le sostanze promosse per la perdita di peso hanno la stessa efficacia? Funzionano bene in tutti i biotipi morfologici? No.

 

Quello che funziona e produce risultati è un mosaico olistico costruito ad hoc sulla persona, che tiene in considerazione le caratteristiche psichiche, fisiche, i fattori ambientali, lo stress, gli obiettivi realmente raggiungibili. È evidente che questo mosaico può produrre risultati se si rispetta un requisito fondamentale ovvero che venga applicato!

 

Questo può sembrare ovvio e può far sorridere ma, la maggior parte delle persone non è costante, ha motivazioni vacillanti e non radicate, si stanca facilmente e sceglie magari di non applicare il mosaico nella sua interezza.

Parlare di obiettivi realmente raggiungibili è d'obbligo poiché, forse un pochino di più le donne, praticamente tutti tendono ad avere un modello da raggiungere che non coincide con le reali possibilità psico-fisico.


Un esempio semplicissimo e comprensibile immediatamente? Una donna bilioso-linfatica ovvero un biotipo sdoppiato con tronco esile, punto vita stretto e fianchi larghi con cosce e gambe con pannicolopatia edemato fibro sclerotica a vari stadi e relativa ossatura robusta, non potrà ambire ad avere gambe esilissime e a ridurre la grandezza delle ossa del bacino.

 

Dovrà invece lavorare per ripristinare una forma di equilibrio fra la parte superiore del tronco e quella inferiore, in un certo senso costruendo sopra e riducendo sotto, attraverso un lavoro certosino e mirato che tenga in considerazione tutte le componenti psico-fisiche.

 

Ad esempio in questo caso assumere sostanze drenanti per ridurre la ritenzione nelle gambe senza compensare la parte di liquidi nella parte superiore del corpo che è già asciutto ed esile è un errore poiché non farà altro che esacerbare la differenza fra i distretti corporei.

L'integrazione deve essere bilanciata e deve tenere in considerazione le singole componenti del soggetto.

 

Segue--> SECONDA ED ULTIMA PARTE

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati