EAH: Come Evitare l'Iponatriemia Associata all'Esercizio

EAH: Come Evitare l'Iponatriemia Associata all'Esercizio

Bere Solo Quando si ha Sete Per Evitare Rischi alla Salute

Mantenersi idratati è importante quando ci si allena, ma bere troppo può essere pericoloso - in alcuni casi anche con conseguente morte. Un gruppo di esperti ha pubblicato nuove linee guida per evitare un fatale eccesso di liquidi, raccomandando che gli atleti devono bere solo quando hanno sete.

 

Troppa acqua o bevande per sportivi possono portare ad una condizione chiamata iponatriemia associata all'esercizio (EAH - exercise-associated hyponatremia), per cui i reni non sono in grado di eliminare completamente l'acqua in eccesso nel corpo. Come risultato, il sodio nel corpo si diluisce, causando un gonfiore nelle cellule pericoloso.

 

Mentre lievi sintomi di iponatriemia associata all'esercizio includono vertigini, nausea e gonfiore, nei casi più gravi la condizione può portare a confusione mentale, convulsioni, coma e anche la morte. Allo stato attuale, si stima che almeno 14 atleti siano morti a causa dell'EAH.

 

Secondo gli autori, non sono solo gli atleti impegnati in un intenso esercizio fisico come il trekking e maratone ad essere sensibili a tale condizione. I casi sono stati segnalati anche tra le persone che partecipano a bocce e yoga.

 

"Le nuove linee guida suggeriscono che bere solo quando si ha sete è il modo più sano per gli atleti di mantenersi idratati, riducendo il rischio di iponatriemia associata all'esercizio".

 

Le nuove linee guida EAH 2015 di consenso, pubblicate sul Clinical Journal of Sport Medicine, suggeriscono che c'è un modo semplice per gli atleti per evitare questi rischi - basta seguire il naturale stimolo della sete quando si tratta di bere.

"L'utilizzo dell'innato meccanismo della sete di guidare il consumo di liquidi è una strategia che dovrebbe limitare a bere in eccesso e dello sviluppo di iponatremia, fornendo liquido sufficiente per evitare un eccessiva disidratazione ", sostengono gli autori.

Molti esperti raccomandano di bere più acqua del solito nella stagione calda per migliorare le possibilità del corpo di mantenere fla temperatura bassa e ridurre il rischio di malattie legate al caldo, come crampi da calore e di ictus da calore. Diversi gruppi hanno precedentemente sconsigliato di attendere di bere solo quando si avverte la sensazione di sete.

 

Tuttavia, gli autori affermano che questo consiglio è in gran parte destinato a situazioni in cui le persone sudano molto più frequentemente e che il consiglio ha contribuito a promuovere l'idea che la sete è una guida un po' relativa per sapere quando bere.

"Crampi muscolari e colpo di calore non sono legati alla disidratazione," dice il Dr. James Ala, professore presso il Department of Family Medicine of Loyola University Chicago Stritch School of Medicine . "Si prende il colpo di calore, perché si sta producendo troppo calore."

 

Bere quando non si ha sete è 'potenzialmente disastroso'
Secondo il dottor Ala, livelli da modesti a moderati di disidratazione possono essere tollerati da atleti altrimenti sani, questi potrebbero essere in grado di perdere fino al 3% del loro peso corporeo durante l'attività fisica a causa della disidratazione e non compromettere le loro prestazioni.

Scrivendo in un editoriale associato, il dottor Mitchell H. Rosner, della Divisione di Nefrologia presso la University of Virginia Health System, afferma che le dichiarazioni inesatte possono portare a comportamenti pericolosi e la successiva EAH:

 

"In ogni caso, le dichiarazioni che spesso si trovano su Internet, come 'non aspettare di bere solo quando si avverte la sete' ha poco senso per la maggior parte degli atleti casuali e hanno il potenziale per le conseguenze disastrose in quanto promulgano l'idea che la quasi costante ingestione di liquidi durante gli eventi sportivi è una cosa ragionevole e perfino necessaria da fare ".

 

Gli autori delle linee guida hanno discusso anche di come la EAH può essere trattata. Essi affermano che una soluzione di sodio al 3% concentrato - tre volte la concentrazione che si trova nelle normali soluzione fisiologiche - può essere usata per il trattamento di gravi casi di pericolo di vita.

 

Essi consigliano inoltre, che dovrebbero essere condotti studi prospettici e clinici per valutare il successo della strategia "bere per sete", insieme a ulteriori ricerche per stabilire se la EAH aumenta il rischio di problemi di salute a lungo termine e se ci sono marcatori genetici che possono dare alle persone una predisposizione verso tale condizione.

 

Per il Dr. Rosner, l'obiettivo immediato è che nessun altro atleta muoia di EAH. "Il gruppo di consenso ritiene che la EAH è completamente evitabile e con la formazione e l'educazione, in materia di sicurezza sul bere e sull'idratazione, questo obiettivo è realizzabile", conclude.

 

Riferimenti:
Statement of the third international exercise-associated hyponatremia consensus development conference, Carlsbad, California, 2015, Tamara Hew-Butler et al., Clinical Journal of Sport Medicine, doi: 10.1097/JSM.0000000000000221, published online 29 July 2015.

Preventing deaths due to exercise-associated hyponatremia: the 2015 Consensus Guidelines, Mitchell H. Rosner, Clinical Journal of Sport Medicine, doi: 10.1097/JSM.0000000000000223, published online 29 July 2015.

Loyola University Health System news release, accessed 30 June 2015 via EurekAlert.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati