Enzimi Digestivi

Enzimi Digestivi

Come usarli, perché prenderli e a cosa servono

Tutto quello che avreste voluto sapere su enzimi digestivi

Probabilmente avrete sentito parlare degli enzimi digestivi, magari vi state chiedendo se è il caso di prenderli, questo è un settore in cui regna tanta confusione.

La supplementazione di qualsiasi tipo integratore, senza sapere che cosa è o cosa faccia o se possano essere dannosi per la salute. Quindi, prima di farvi una scorta di papaina e bromelaina, cerchiamo di ottenere una completa visione su tutto quello che sono gli enzimi digestivi.

 

Vantaggi degli enzimi digestivi

 

L'uso degli enzimi alimentari diminuisce che il tasso di esaurimento, quindi, si traduce in una più lunga, sana, e più vitale vita. " Ma cosa significa questo nella vita reale?

 

Altri benefici a breve termine, sono:

  1. Una riduzione significativa dei problemi di indigestione e bruciore di stomaco derivanti da troppo acido nello stomaco.
  2. Sollievo da gas e gonfiore a causa di una migliore digestione dei carboidrati. (Alcune persone possono effettivamente notare un aumento dell'attività per diversi giorni come il loro sistema digestivo si anima.
  3. Migliorata la digestione dei prodotti lattiero-caseari causata da intolleranza al lattosio.
  4. Meno allergie alimentari grazie ad una più completa digestione delle proteine.
  5. Un aumento dei livelli di energia come risultato di ridotto stress sul corpo.
  6. L'uso regolare di enzimi digestivi può anche fornire sollievo dal reflusso acido e da alcuni dei sintomi associati con l'ernia iatale.

Il reflusso acido si verifica quando il livello di acido dello stomaco viene introdotto troppo presto nel processo digestivo e sale nell'esofago. E' anche un sintomo associato con l'ernia iatale. Spesso, il semplice atto di usare enzimi digestivi può, nel tempo, eliminare la causa effettiva del reflusso acido.


Cosa sono gli enzimi digestivi e perché sono così importanti?


Mangiamo cibo, ma il nostro sistema digestivo non assorbe il cibo, assorbe sostanze nutritive. Il cibo deve essere ripartito da cose come una bistecca e broccoli a pezzi di nutrienti: aminoacidi (dalle proteine), acidi grassi e colesterolo (dai grassi) e zuccheri semplici (dai carboidrati), così come le vitamine, i minerali e una varietà di altri composti vegetali e animali.

Gli enzimi digestivi, soprattutto quelli prodotti * nel pancreas e intestino tenue, scompongono il nostro cibo in sostanze nutritive in modo tale che il nostro corpo li possa assorbire.

 

* Sono anche prodotti nelle ghiandole salivari e stomaco, ma non ci concentreremo su questi.

 

Se non abbiamo abbastanza enzimi digestivi, non siamo in grado di abbattere il nostro cibo, il che significa che, anche se stiamo mangiando bene, non stiamo assorbendo tutto ciò che una buona alimentazione ha da offrire.

 

Che cosa potrebbe causare un mancato funzionamento corretto degli enzimi digestivi nel corpo?

 

  • In primo luogo, le malattie possono impedire la corretta produzione di enzimi digestivi.
  • Problemi al pancreas, tra cui la fibrosi cistica, il cancro al pancreas e la pancreatite acuta o cronica.
  • Disfunzione del Brush border, la più grave è la malattia celiaca, dove il Brush border è appiattito o distrutto. Altre malattie come il morbo di Crohn, possono anch'esse causare gravi problemi.

 

Ovviamente anche in assenza di qualsiasi malattia, le cose possono comunque non funzionare correttamente.

 

  • Infiammazione di basso grado nel tratto digestivo (come quella provocata da "allergie alimentari," permeabilità intestinale, disbiosi, infezioni parassitarie, etc.) possono portare a carenze di enzimi digestivi.
  • L'invecchiamento è stato associato ad una minore funzione digestiva, anche se c'è da chiedersi se questo è il risultato dell'invecchiamento, o di un cattivo invecchiamento.
  • Bassa acidità di stomaco, se avete una bassa acidità di stomaco, probabilmente non avrete sufficienti enzimi digestivi.
  • Lo stress cronico. Questa è la ragione più comune per i problemi di enzimi digestivi. Il nostro corpo ha due modalità: "lotta o fuga", simpatico e parasimpatico "riposo e digestione." Quando siamo in modalità "lotta o fuga", al sistema digestivo viene data una priorità molto bassa, il che significa che la funzione digestiva (compresa l'uscita dell'enzima digestivo) è limitato. Lo stress cronico = modo costante "lotta o fuga" = alterata produzione di enzimi digestivi.

 

Come possiamo correggere un deficit enzimatico digestivo?

 

Gli interventi dietetici agiscono riducendo l'infiammazione nel corpo e nell'apparato digerente, migliorando le carenze nutrizionali, rimuovendo gli inibitori enzimatici e fissando i batteri intestinali.

 

Tuttavia, il solo mangiare bene, non significa che la digestione sarà sana. I batteri intestinali, potrebbero non essere in perfetto equilibrio seguendo un tipo di dieta solamente. La digestione impropria è un altro problema che la dieta da sola non può risolvere.

 

Gestire lo stress cronico è di vitale importanza per ripristinare una funzione digestiva sana. Molte persone usano mangiare mentre sono in viaggio, o tra una cosa e l'altra con poco tempo a disposizione. Viviamo la maggior parte della nostra vita in modalità simpatica e non stiamo dando la massima priorità alla corretta digestione del nostro cibo. Quando ci sediamo a mangiare cibo, dobbiamo passare a una modalità parasimpatica e idealmente rimanere in modalità parasimpatica per un po' anche dopo.


Infine, dopo l'attuazione di queste pratiche alimentari e stile di vita sano, la supplementazione di enzimi digestivi può essere necessaria per aiutare il corpo a scindere correttamente il cibo.

 

Devo prendere integratori di enzimi digestivi?

 

Alcuni sintomi che suggeriscono che si potrebbero avere problemi con gli enzimi digestivi sono:

  • Gas e gonfiore dopo i pasti
  • Sensazione di pesantezza allo stomaco
  • Sentirsi pieno dopo aver mangiato qualche boccone di cibo
  • Cibo non digerito nelle feci *
  • Feci galleggianti (un pezzo galleggiante occasionale va bene, ma se tutti gli escrementi galleggiano costantemente, potrebbe essere un segno che qualcosa non va)
  • Una "scia oliosa" nel water (grasso non digerito)

 

La buona notizia è che, poiché gli enzimi digestivi sono molto sicuri e ragionevolmente economici, si può sempre provare e vedere se si nota qualche differenza nella digestione assumendoli.

 

* Se tenete alla vostra salute, guardare periodicamente le vostre feci, è uno dei modi più semplici per ottenere una visione dello stato di salute. Date uno sguardo un paio di volte a settimana. Se c'è un cambiamento significativo, parlatene con il vostro medico curante.

 

Che tipo di enzima digestivo dovrei prendere?

 

Vi sono una varietà di enzimi digestivi sul mercato, compresi singoli enzimi e enzimi multipli. Senza prove, sarebbe consigliabile un enzima misto per coprire le basi.

 

Come con tutti i supplementi, siate alla ricerca di marchi che soddisfano i seguenti criteri:

  • Qualità / Prezzo: Comprare alcuni tipi di integratori a buon mercato può risultare uno spreco di denaro se state cercando di ottenere qualche beneficio.
  • Reputazione: Ci sono una marea di aziende che vendono integratori di questo tipo, quindi è difficile poter consigliare un prodotto e non un altro. Provate a leggere qualche recensione sul prodotto che vi è stato consigliato o avete adocchiato.
  • Fonte: Ci sono tre principali fonti per gli enzimi digestivi.

Quelli provenienti dalla frutta (isolato da papaia o ananas) funzionano bene per alcune persone, ma tendono ad essere più deboli come supplemento di enzima digestivo e non sono sufficienti per le persone che hanno bisogno di un maggiore sostegno.
Origine animale (in genere indicato come pancreatina) non sono per i vegetariani o vegani e possono avere problemi con la stabilità. Lavorano molto bene per alcune persone, ma in genere non sono le forme più usate.
"Vegetali" provenienti (da funghi) sono i più stabili di tutti gli enzimi, sopravvive bene alla digestione e hanno un ampio spettro d'azione.

Enzimi multipli: La maggior parte delle persone hanno benefici da un prodotto multi-enzima, quindi sarebbe consigliabile vedere elencati alcuni dei seguenti enzimi, tra cui proteasi (che degradano le proteine), lipasi (che abbattono i grassi), e carboidrasi (ad esempio come amilasi, che abbattere i carboidrati).

 

Conclusione

La produzione di enzimi alimentari diminuisce in presenza di un tasso di stress e, quindi, compromettono i risultati per una vita più lunga, più sana e più vitale.

 

Come minimo, si dovrebbe ora capire perché è importante utilizzare un buon integratore di enzimi digestivi ad ogni pasto - in particolare ogni pasto che contiene cibo cotto o trasformato.

 

Quanti enzimi si dovrebbe prendere? Beh, questo dipende dalla forza della formula e la dimensione del vostro pasto. Se una capsula funziona per la maggior parte dei vostri pasti, potrebbe essere necessario prenderne due quando si indulge sul cibo, o quando, nei giorni delle festività, si tende a mangiare maggiormente.

 

Quando prendere gli enzimi digestivi?

 

La risposta più semplice è quella di prenderli poco prima di iniziare a mangiare in modo che cominciano rilasciarsi già dai primi bocconi di cibo che stanno entrando nello stomaco. Questo invia un segnale al corpo dicendo che gli enzimi sono presenti e dice al corpo di trattenere l'acido dello stomaco per i 40-60 minuti e di ridurre la quantità di pancreatina di cui si ha bisogno di produrre.

 

Se ci si dimentica di prendere gli enzimi prima di iniziare a mangiare, possono comunque essere presi anche dopo mangiato - a seconda delle dimensioni del pasto e di come vi siete appesantiti e se la formula contiene acido proteasi stabile. In realtà, si potrebbe scoprire che è possibile ottenere un anche un vantaggio, tenendo gli enzimi digestivi 3-4 ore dopo aver mangiato un grande e pesante pasto.

 

E, infine, tenere i liquidi al minimo nei pasti. I liquidi ai pasti diluiscono tutti gli aspetti degli enzimi digestivi – sia nella saliva, enzimi digestivi, acidità di stomaco e la pepsina rilasciata nello stomaco. Inoltre, costringe il corpo a compensare il maggior carico di amilasi nella saliva, rilasciando sempre maggiori quantità di acido dello stomaco e pepsina e costringendo il pancreas a rilasciare quantità sempre più grandi di pancreatina.

 

Quando avete trovato una dose che funziona bene per voi, i vostri sintomi dovrebbero andare via, come anche il gas o gonfiore dopo i pasti, la sensazione di pesantezza allo stomaco, o problemi alle feci che dovrebbero migliorare. In caso contrario, provate ad aumentare la dose lentamente, dandogli almeno tre giorni (e fino a una settimana) per valutarne il corretto funzionamento.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati