Le Cause insospettabili del Mal di Schiena ed i Possibili Interventi Chirurgici

Le Cause insospettabili del Mal di Schiena ed i Possibili Interventi Chirurgici

Le differenti cause del mal di schiena e gli interventi chirurgici come ultima soluzione

Quando i problemi alla schiena non si risolvono né con il riposo né con la correzione della postura e la perdita di peso, è necessario ricorrere al parere di medici e comunque specialisti del settore, e questo non solo per escludere la presenza di malattie, ma per poter individuare differenti terapie da cui trarre beneficio.

PRIMA SOLUZIONE... CAPIRE LE CAUSE DEL PROBLEMA

Il mal di schiena non sempre è causato da problemi inerenti le vertebre, che o con le terapie o in casi estremi con l'intervento chirurgico possiamo "risolvere", può accadere che il dolore presente in altre parti del corpo può irradiarsi anche alla regione della colonna.

Anche numerose malattie generiche come l'influenza, possono provocare il mal di schiena, così come le affezioni che colpiscono alcuni organi interni.

Quindi se il dolore non si attenua con il movimento o cambiando posizione, potrebbe essere che la causa non sia di origine spinale e la cosa migliore è fare degli accertamenti più approfonditi, per escludere queste possibili cause:

PROBLEMI GINECOLOGICI. La tensione premestruale e i crampi mestruali vengono spesso avvertiti come un dolore sordo nella parte bassa della schiena, oppure l'infiammazione o un'infezione degli organi riproduttivi femminili causano dolore alla schiena, normalmente con dolori addominali.

PROBLEMI ADDOMINALI. L'infiammazione del pancreas può causare un dolore intenso nella parte centrale della schiena. L'infiammazione della cistifellea o i calcoli biliari producono dolore nell'area sotto una o entrambe le scapole, accompagnato da nausea. Anche le infezioni e i calcoli renali possono provocare dolore intenso, questa volta nella parte bassa della schiena; invece a causare dolore nella parte centrale potrebbe essere un'ulcera gastrica, specialmente dopo i pasti.

PROBLEMI TORACICI. I problemi cardiaci possono fare insorgere dolore alla parte centrale della schiena, accompagnati da dolori al torace. Anche le infezioni polmonari provocano dolore nella stessa zona, con fitte al torace e febbre.

PROBLEMI GENERICI. L'influenza provoca un mal di schiena diffuso e febbre, la meningite pure ma accompagnata da irrigidimento del collo come anche alcuni tumori, sia benigni che maligni.

L'INTERVENTO CHIRURGICO

Per la maggior parte dei casi però i problemi alla schiena sono il risultato di un'errata postura, dell'uso scorretto dei muscoli o di danni ai tessuti molli. Di conseguenza, per la cura di questi problemi, la chirurgia presenta l'ultima risorsa.

Vediamo allora alcuni interventi che possono essere impiegati nei casi in cui altri tipi di trattamento non hanno avuto alcun successo e il problema alla schiena causa invalidità grave.

INIEZIONE DI UN FARMACO CORTICOSTEROIDO

Si tratta dell'iniezione di un farmaco, associato ad un antidolorifico, in una faccetta articolare eseguita in sedazione locale di anestesia

CHEMONUCLEOLISI

È un intervento che consiste nell'iniettare nel prolasso del disco una sostanza chimica derivata dalla papaya che ne provoca la contrazione e l'indurimento. In genere questa tecnica viene utilizzata nei casi di pazienti giovani con ernia del disco di recente formazione, in cui non si riscontra un danno al nervo permanente

DISCECNOMIA

Il disco prolassato viene asportato in anestesia generale per liberare la radice del nervo compresso

LAMINECTOMIA

Gli osteofiti o le iperostosi (stenosi) presenti intorno al canale vertebrale o ai passaggi attraverso cui passano i nervi spinali vengono asportati in anestesia generale per liberare le radici dei nervi e allargare l'arco vertebrale o il canale vertebrale

FUSIONE VERTEBRALE

Consiste nel prelevare dall'osso dell'anca un frammento osseo che viene poi innestato trasversalmente tra due vertebre per fonderle ed evitare ulteriori malformazioni della colonna, al fine di stabilizzarla e di fissare un'area in cui il movimento provoca dolore; talvolta per fissare le vertebre vengono impiegate viti e tiranti metallici. Il paziente deve stare a letto per almeno una settimana e quando può alzarsi deve indossare un busto. Si tratta di un intervento di una certa importanza e per la completa guarigione può essere necessario anche un anno.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati