Il ciclo mestruale influisce sulla performance sportiva?

Il ciclo mestruale influisce sulla performance sportiva?

La partecipazione allo sport è spesso vista ad appannaggio dei giovani e di chi è in forma. Mentre gli anni dall'adolescenza all'età adulta possono essere quelli in cui il corpo è al massimo della forma fisica, per le donne, questo coincide con gli anni in cui si verifica il ciclo mestruale.

L'aumento dei livelli di estrogeni causano un ammorbidimento di tendini e legamenti, aumentando potenzialmente il rischio di lesioni.
All'inizio di quest'anno, quando la tennista britannica Heather Watson è stata sconfitta al primo turno degli Open Australiani, ha attribuito la sua performance a "cose di ragazze", che le hanno provocato vertigini, nausea e stanchezza mentre cercava di giocare.

Annabel Croft, ex tennista, ha detto in un intervista televisiva che la dichiarazione della Watson è stata "coraggiosa" e che "le donne sono abituate a in silenzio su questo tema. Questo sembra essere stato sempre un argomento tabù."

Croft considera l'impatto del ciclo mestruale sulle prestazioni sportive come "l'ultimo tabù" nello sport, eppure molti ancora sminuiscono la sua influenza.

Vediamo quindi, in che misura il ciclo mestruale può influire sulle prestazioni sportive, esaminando le strategie per mitigare i suoi effetti drenanti. La runner britannica Paula Radcliffe attualmente detiene il record mondiale nella maratona delle donne e ha rotto il record esistente all'inizio del suo ciclo.

Paula Radcliffe ha detto di aver rotto il record del mondo, quindi non pensa che il ciclo mestruale possa essere un ostacolo sulle prestazioni, anche se questo gli provocato dei crampi allo stomaco nella terza finale della gara e non si sentiva bene come avrebbe dovuto.

Quali sono i sintomi causati dalle mestruazioni?

In primo luogo, facciamo un breve riassunto di ciò che il ciclo mestruale comporta. Il ciclo è una serie di modifiche che il corpo di una donna attraversa ogni mese per prepararla alla possibilità di una gravidanza. Un ovulo viene rilasciato dalle ovaie e il rivestimento dell'utero si ispessisce (fase luteale). Se l'ovulo non viene fecondato prima della fine del ciclo, il rivestimento dell'utero viene versato attraverso la vagina.

Accanto a questi cambiamenti, le donne possono anche essere colpiti da sindrome premestruale (PMS) che si manifesta in sintomi emotivi, comportamentali e fisici. L'American College of Obstetricians and Gynecologists ritiene che circa l'85% delle donne mestruate hanno sperimentato almeno un sintomo della sindrome premestruale come parte del loro ciclo mensile.

Questi sintomi hanno un alto potenziale di incidere negativamente sulle prestazioni di una sportiva. Oltre ai crampi come quelli della Radcliffe, le donne possono sperimentare sintomi fisici come dolori articolari e muscolari, mal di testa, aumento di peso e bassi livelli di energia.

I sintomi emotivi e comportamentali causati dalla PMS appaiono anche dannosi per l'attività fisica, soprattutto a livello delle competizioni di alto livello, quando anche i più piccoli margini possono rivelarsi decisivi. Questi includono l'insonnia, difficoltà di concentrazione, irritabilità e alterazioni dell'appetito.

Attualmente, gli esperti sono insicuri che cosa causa la PMS, ma si ritiene che i cambiamenti nei livelli ormonali e del neurotrasmettitore serotonina potrebbero svolgere un ruolo importante nello sviluppo dei sintomi.

Vi è anche una grave forma di sindrome premestruale nota come disturbo disforico premestruale (PMDD), che ha molti sintomi invalidanti, quali attacchi di panico, sentimenti di disperazione, voglia di grandi abbuffate e una mancanza di interesse nelle attività quotidiane, oltre ai sintomi fisici della sindrome premestruale.

Ma fino a che punto le mestruazioni e i sintomi associati hanno un effetto sulla capacità delle donne di partecipare alle attività sportive?

E' ben documentato che, per alcune donne, i sintomi della sindrome premestruale possono essere abbastanza gravi da costringerle a perdere giorni di lavoro, e quindi è ovvio che avrebbero potuto mettere in pericolo anche la capacità delle donne per l'esercizio.

Tuttavia, eseguire un regolare esercizio fisico è spesso consigliato come passo che le donne possono fare per alleviare i sintomi della sindrome premestruale.
Questo significa che le sportive devono essere protette durante tutta la durata di questa condizione ?

Le Prove di Come le Mestruazioni Interessano le Prestazioni

Il fisiologo Prof. Jason Karp, ritiene che i fluttuanti livelli di ormoni come progesterone e estrogeni portano a cambiamenti fisiologici nel corpo durante le mestruazioni e che questi cambiamenti sono esacerbati dall'esercizio fisico - in particolare se è intenso.

La sindrome premestruale (PMS), può causare vertigini, nausea e crampi muscolari, che potrebbero ostacolare le prestazioni atletiche di alcune donne.

Modifiche al corpo durante la fase luteale del ciclo mestruale si verificano anche in aumenti della respirazione e della temperatura corporea. "Una temperatura corporea più alta durante la fase luteale rende più difficile la corsa in queste condizioni, questo perché non si comincia a sudare per dissipare il calore fino a che non si raggiunge una temperatura corporea più alta", spiega il Professor Karp.

Un aumento della respirazione durante la fase luteale significa anche che è disponibile meno ossigeno per i muscoli coinvolti nell'esercizio, aggiunge, siccome più ossigeno viene richiesto dai muscoli responsabili della respirazione.

Nel 2011, tuttavia, il New York Times ha pubblicato un articolo sul ciclo mestruale e le prestazioni atletiche, citando una serie di studi che hanno esaminato il vogatore eseguito da donne come prova del fatto che esse non dovrebbero essere interessate durante la fase del ciclo, quando si tratta di prestazioni sportive.

I ricercatori hanno concluso che "l'esecuzione di vogatori nelle donne normalmente mestruate e vogatori nelle donne che assumono un contraccettivo orale in pillole, non dovrebbe preoccupare le donne quando sono nel periodo del ciclo mestruale per quanto riguarda il miglioramento delle prestazioni di resistenza per sport specifici."

Anche se gli studi hanno esaminato le prestazioni sia delle donne atlete che delle donne che eseguivano il vogatore non per scopi competitivi, i loro risultati sono gravemente limitati per il numero di partecipanti che sono stati studiati. Uno studio ha coinvolto un totale di 15 vogatori, mentre l'altro appena 11.

Questi studi sono indicativi di una mancanza di ricerca di qualità in questo settore, il che significa che gli esperti non sono in grado di parlare con certezza dell'impatto delle mestruazioni sullo sport.

Dr. Susan White, l'ufficiale medico capo per la Netball in Australia, dice che è un campo difficile per la ricerca:

"Le cose che alcune donne associano con il ciclo mestruale, come stanchezza o gonfiore o letargia generale, sono difficili da misurare e anche se potessimo misurarle, sarebbe difficile dire che esse sono solo una o una combinazione di quei sintomi e altri fattori interni o esterni che possono influire sulle prestazioni."

Lei afferma che, mentre le migliori performance del mondo sono state registrate in tutte le fasi del ciclo mestruale, uno studio condotto in Italia indica che giocatori donne di calcio femminile possono essere più a rischio di lesioni prima e durante i loro periodi mestruali. "Non è chiaro se sia a causa di fattori fisiologici o psicologici o una loro combinazione", aggiunge.

Una Battaglia Psicologica Silenziosa

Anche se vi è una mancanza di certezza da parte dei ricercatori per quanto riguarda gli effetti del ciclo mestruale, dal momento che Heather Watson ha sollevato il tema ci sono state molte altre atlete che hanno voluto condividere le loro esperienze e descrivere come il ciclo mestruale ha influito sulle loro prestazioni.

In una conferenza stampa, la tennista ceca Petra Kvitova ha convenuto che "è molto difficile" poter giocare all'inizio del ciclo mestruale. L'ex numero uno del mondo Martina Navratilova ha dichiarato che il suo gioco veniva influenzato durante il ciclo.

Paula Radcliffe è stata in grado di stabilire un record mondiale durante il suo ciclo. Per Andu Bobby George, campionessa di salto in lungo in India, tuttavia, le mestruazioni le impedivano il successo.

Alcuni sport richiedono ai concorrenti di indossare una divisa particolare che potrebbe aumentare l'impatto psicologico delle mestruazioni.

"Ero al top della forma, ma il ciclo mi ha fatto sentire più debole e non c'era niente che potessi fare", ha detto George a Scroll.in. "Dopo i fatti, molte persone hanno criticato le mie prestazioni, ma questo è qualcosa che non ho potuto dire loro."

In India, le mestruazioni sono considerate un tabù più che in alcuni altri stati. Alcuni considerano il sangue mestruale essere impuro, alcune ragazze non sono autorizzate ad entrare nelle cucine o a dormire su materassi durante il loro periodo mestruale e si stima che il 10% delle ragazze crede che le mestruazioni siano una malattia.

Il fatto che le mestruazioni sono un argomento tabù può essere un occasione per chi pratica sport di scaturire ansia, soprattutto quando c'è il potenziale per farlo entrare in conflitto con le regole dei giochi specifici. Alcune uniformi sportive come i bianchi tradizionali del tennis e dei pantaloni stretti di equitazione possono lasciare le donne ansiose circa la possibilità di "perdite", come le porta Annabel Croft.

Essere un membro di una squadra sportiva può certamente aiutare con questi problemi. Avere colleghe con cui condividere le stesse preoccupazioni, può aiutare a erodere questo senso di tabù che ha ancora una presa su gran parte della società.

Alcune squadre olimpiche, controllano i cicli mestruali dei loro giocatori, per non correre rischi quando si trovano ad esempio a dover partecipare ad una finale.

Il membro del Team della squadra di hockey olimpica britannica Hannah Macleod riferisce che a parte il sostegno sociale che fornisce il far parte di una squadra, ci sono altre opzioni disponibili per le sportive per ridurre gli effetti delle mestruazioni se sono particolarmente colpite da esse.

Pillole contraccettive orali e iniezioni vengono prese da alcune atlete per avere il controllo quando si verificano i loro periodi o per fermarli completamente. Tuttavia, alcune forme di farmaci sono noti per influenzare la ritenzione idrica e alcuni contengono ingredienti che sono vietati, considerati di aumentare le prestazioni.

In ultima analisi, il farmaco aggiunge un ulteriore livello di complessità al già complicato mondo sportivo a livello di elite.

E proprio come le prestazioni sportive delle donne vengono diversamente influenzate dalle mestruazioni, le opinioni delle donne in materia variano altrettanto. Molte concordano sul fatto che le mestruazioni possono influire sulle prestazioni, ma che non dovrebbe essere usate come scusante nelle occasioni di insuccesso.

E' chiaro che il tabù intorno alle mestruazioni e la battaglia per una maggiore uguaglianza hanno posto gli sportivi in una posizione difficile. Ci sono molte prove aneddotiche ora che le mestruazioni influiscono sulle prestazioni, ma occorrono ancora dati clinici certi per poterlo affermare con autorità.

Annabel Croft è convinta che Heather Watson ha aperto un dibattito mondiale sulle mestruazioni, rendendo più facile alle atlete parlare e cercare aiuto per i vari problemi che potranno avere in futuro. Molti spereranno che il dibattito si estenderà ad una ricerca clinica più consistente, affrontando le limitazioni attualmente esistenti nello sport d'elite.

Riferimenti:
Australian Sports Commission, Menstrual myth busting, accessed 22 July 2015.

BBC, Curse or myth - do periods affect performance?, accessed 21 July 2015.


BBC, Menstrual cycle ‘last taboo’ for women in sport - Annabel Croft, accessed 21 July 2015.

Daily Mail, Sport’s last taboo? Czech star Petra Kvitova admits it’s ‘difficult’ for female players to compete while having their period, accessed 22 July 2015.

The Guardian, Menstruation: the last great sporting taboo, accessed 22 July 2015.

Human Kinetics news release, accessed 22 July 2015.

Mayo Clinic, Menstrual cycle: what’s normal, what’s not, accessed 21 July 2015.

Mayo Clinic, Premenstrual syndrome (PMS) - causes, accessed 21 July 2015.

Mayo Clinic, Premenstrual syndrome (PMS) - symptoms, accessed 21 July 2015.

No effect of menstrual cycle phase and oral contraceptive use on endurance performance in rowers, S. Vaiksaar et al., Journal of Strength and Conditioning Research, doi: 10.1519/JSC.0b013e3181df7fd2, published online June 2011, abstract.

No effect of menstrual cycle phase on fuel oxidation during exercise in rowers, S. Vaiksaar et al., European Journal of Applied Physiology, doi: 10.1007/s00421-010-1730-1, published online 19 November 2010, abstract.

Office on Women’s Health, Premenstrual syndrome (PMS) fact sheet, accessed 22 July 2015.

Scroll.in, As UK tennis player breaks silence on menstruation, Indian sportswomen speak out on taboo subject, accessed 22 July 2015.

USA Today, Indian women hear some crazy things about their periods, accessed 22 July 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati