L'aumento di Grassi Saturi nella Dieta non Solleva i Livelli di Grassi nel Sangue

L'aumento di Grassi Saturi nella Dieta non Solleva i Livelli di Grassi nel Sangue

Un nuovo studio controllato sulla dieta, ha scoperto che aumentando l'assunzione di grassi saturi nella dieta non porta ad un aumento dei livelli di grassi saturi nel sangue. Tuttavia, aumentando la quantità di carboidrati nella dieta porta ad aumentare i livelli di un acido grasso associato al diabete e a malattie cardiache.

 

Diete ricche di cibi ad alto contenuto di carboidrati, come i biscotti, potrebbero aumentare il rischio di malattie cardiache, secondo la ricerca.
I livelli di acido palmitoleico sono stati ridotti con un basso consumo di carboidrati e sono aumentati quando i partecipanti hanno consumato progressivamente maggiori quantità di carboidrati nel corso dello studio.

 

Secondo l'autore il Prof. Jeff Volek, lo studio, "sfida la saggezza convenzionale che ha demonizzato i grassi saturi ed estende la nostra conoscenza del motivo per cui la dieta di grassi saturi non è correlata con la malattia."

 

Nello studio, pubblicato su PLoS ONE, gli autori affermano che le linee guida dietetiche correnti negli Stati Uniti raccomandano che la maggior parte delle calorie deve essere acquisita dai carboidrati, solo il 7-10% dell'energia totale deve essere proveniente dai grassi saturi.

 

Per raggiungere questo obiettivo, gli alimenti che contengono grassi saturi - manzo, uova, prodotti lattiero caseari ad alto contenuto di grassi  - dovrebbero essere limitati. Tipicamente, una riduzione in questi alimenti si traduce in un aumento del consumo di carboidrati.

 

Dieta: I grassi saturi non sono legati all'acido palmitoleico

 

Lo studio ha coinvolto 16 adulti a cui vengono date 6 diete da 3 settimane ognuna - contenenti ciascuna 2.500 calorie e circa 130 grammi di proteine ​​- aumentando progressivamente i livelli di carboidrati dei partecipanti, riducendo il consumo di grassi totali e grassi saturi.

 

Ognuno dei partecipanti ha avuto la sindrome metabolica - una serie di condizioni mediche che si verificano contemporaneamente che aumentano il rischio di diabete, ictus e malattie cardiache.

Le persone con sindrome metabolica hanno almeno tre delle seguenti condizioni: livelli anormali di di colesterolo nel sangue, elevato zucchero nel sangue, alti livelli di trigliceridi nel sangue, ipertensione e obesità .

 

I ricercatori, prima di iniziare lo studio, hanno fornito ai partecipanti, una dieta di 3 settimane a ridotto consumo di carboidrati prima di iniziare lo studio di 18 settimane. La prima dieta dello studio consisteva di 47 g di carboidrati e 84 g di grassi saturi giornalieri, con il rapporto, grassi saturi – carboidrati, progressivamente crescente fino alla dieta finale, costituito da 346 g di carboidrati e 32 g di grassi saturi quotidiani.

 

In questa dieta finale, il livello di carboidrati rappresentava il 55% delle calorie giornaliere dei partecipanti, una cifra che è approssimativamente uguale alla percentuale giornaliera stimata di energia fornita dai carboidrati nelle diete comuni.

 

Nel corso dello studio, i livelli di grassi saturi nel sangue dei partecipanti sono diminuiti. La glicemia, i livelli di insulina e la pressione sanguigna sono altrettanto migliorate e, in media, i partecipanti hanno perso quasi 10 Kg entro la fine delle 18 settimane.

 

I livelli di acido palmitoleico - un acido grasso associato con l'obesità, insulino-resistenza e malattie cardiache - sono diminuiti in tutti i partecipanti durante le diete ad alto contenuto di grassi e bassi carboidrati. Al contrario, è stato riscontrato un aumento dei livelli acido palmitoleico con l'aumentare progressivo dei carboidrati durante lo studio.

 

Incrementi di acido palmitoleico indicano che più carboidrati vengono convertiti in grasso invece di essere bruciato come combustibile, afferma il Prof. Volek. Al contrario, riducendo i carboidrati e aumentando i grassi alimentari in modo ben controllato, assicura che il corpo brucerà grassi saturi come combustibile, invece di immagazzinarli nel corpo.

 

Diete Contenenti Grassi Saturi e Incomprensioni

 

Gli autori dello studio sperano di scoprire a che punto della maggiore assunzione di carboidrati i partecipanti hanno cominciato ad immagazzinare il grasso nei loro corpi, piuttosto che bruciarlo. Anche se i livelli di acido palmitoleico sono aumentati in tutti i partecipanti, il momento in cui il grasso ha cominciato ad essere immagazzinato può variare ampiamente. Questa scoperta sostiene l'idea che le tolleranze di carboidrati possono essere drasticamente diverse in ogni singola persona.

 

Il Prof. Volek dice che esiste una diffusa incomprensione sui grassi saturi, affermando che nonostante gli studi sulla popolazione non sono riusciti a trovare un legame tra dieta di grassi saturi e malattie cardiache, le linee guida alimentari continuano a sostenere la limitazione di grassi saturi:

«Questo non è scientifico e non intelligente. Gli studi che misurano i grassi saturi nel sangue e il rischio di malattie cardiache manifestano che c'è una associazione. Avere livelli alti di grassi saturi nel corpo non è una buona cosa, la domanda deve essere: che cosa induce le persone ad immagazzinare più grassi saturi nel sangue, nelle membrane o tessuti? "

 

Gli autori riconoscono che lo studio è limitato dal relativamente breve lasso di tempo in cui le diete sono state seguite. Tuttavia, ad un piccolo numero di partecipanti è stata data la dieta in ordine inverso, iniziando con la dieta a più alto contenuto di carboidrati e sono state fatte le stesse osservazioni in materia di acido palmitoleico.

 

"Una maggiore percentuale di plasma con grassi saturi è legato ad un aumento del rischio di diabete e malattie cardiache", concludono gli autori. "Così, vi è la necessità di comprendere meglio il rapporto tra grassi alimentari e plasma saturo."

 

Riferimenti:
Effects of Step-Wise Increases in Dietary Carbohydrate on Circulating Saturated Fatty Acids and Palmitoleic Acid in Adults with Metabolic Syndrome, Jeff Volek, et al., PLOS ONE, DOI: 10.1371/journal.pone.0113605, published online 21 November 2014.
Ohio State University news release, accessed 21 November 2014 via Newswise.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati