L'Esercizio Fisico Protegge dalla Depressione?

L'Esercizio Fisico Protegge dalla Depressione?

Come l'attività fisica protegge contro alcune malattie della mente

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Cell, ha indagato sui meccanismi che ci sono dietro la protezione dalla depressione indotta da stress dato dall'esercizio fisico.

“Nel 2013, una revisione sistematica aggiornata da ricercatori britannici, ha analizzato 35 studi randomizzati controllati sul tema, per un totale di 1.356 partecipanti con diagnosi di depressione”.

 

La revisione sistematica ha trovato che l'esercizio fisico era utile per le persone affette da depressione o come terapia psicologica o per chi assumeva antidepressivi . Tuttavia, i ricercatori avvertono che sono necessari studi di migliore qualità per confermare i risultati.

 

Gli scienziati sanno che durante l'esercizio fisico, vi è un aumento nel muscolo scheletrico di una proteina chiamata PGC-1A1. I ricercatori di questo nuovo studio - del Karolinska Institutet in Svezia - hanno voluto vedere se questo aumento della proteina potrebbe essere implicata nei benefici protettivi indotti dall'esercizio.

 

Sono stati esposti topi geneticamente modificati con alti livelli di PGC-1A1 nel muscolo scheletrico (che mostravano caratteristiche di muscoli ben addestrati) - insieme a topi normali - in un ambiente stressante in laboratorio. Ciò ha comportato l'esposizione a rumori forti, lampeggianti di notte e invertire il loro ritmo circadiano a intervalli irregolari.

 

Dopo 5 settimane di esposizione a stress lieve, i topi normali hanno sviluppato i sintomi della depressione, mentre nei topi geneticamente modificati non si è visualizzato alcun comportamento depressivo.

 

“La nostra ipotesi di ricerca iniziale era che il muscolo allenato produrrebbe una sostanza con effetti benefici sul cervello”, afferma il Prof Jorge Ruas, principale ricercatore presso il Department of Physiology and Pharmacology, del Karolinska Institutet.

“In realtà abbiamo rilevato l'opposto: un muscolo ben allenato produce un enzima che elimina le sostanze nocive dal corpo. Quindi, in questo contesto, la funzione del muscolo ricorda quella del rene o del fegato.”

 

Indagando ulteriormente sui topi geneticamente modificati, i ricercatori hanno fatto la scoperta che - così come i livelli elevati di PGC-1A1 - i topi avevano anche livelli più elevati di enzimi KAT. Questi enzimi convertono la chinurenina - una sostanza formata durante lo stress - in acido chinurenico. L'esatta funzione di questo acido non è nota, ma i pazienti con malattie mentali sono noti per averne alti livelli.

 

Il processo di conversione della Chinurenina, può essere il meccanismo di protezione

 

Quando ai topi normali è stato somminnistrato chinurenina come previsto dello studio, i ricercatori hanno scoperto che essi hanno mostrato i sintomi della depressione. Tuttavia, quando ai topi con elevati livelli di PGC-1A1 è stato dato della chinurenina, il loro comportamento sembrava inalterato.

 

I ricercatori hanno anche notato che anche quando ai topi PGC-1A1 è stato somministrato dosi di chinurenina, il loro sangue non ha mostrato aumenti dei livelli di chinurenina. Questo perché, grazie alla presenza degli enzimi KAT nei muscoli allenati dei topi PGC-1A1, erano in grado di convertirla rapidamente in acido chinurenico. I ricercatori pensano che questo processo di conversione veloce dunque, sia un meccanismo protettivo.

 

"In termini neurobiologici, in realtà ancora non sappiamo cosa è la depressione", dice la Dott.ssa Mia Lindskog, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze del Karolinska Institutet. "Il nostro studio rappresenta un altro pezzo del puzzle, in quanto forniamo una spiegazione per la protezione delle modificazioni biochimiche indotte dall'esercizio fisico che impediscono danni al cervello durante lo stress."

 

"E 'possibile che questo lavoro apre un nuovo principio farmacologico nel trattamento della depressione, in cui potrebbero manifestarsi tentativi di influenzare la funzione del muscolo scheletrico invece di puntare direttamente al cervello. Il muscolo scheletrico sembra avere un effetto di disintossicazione che, se attivato, può proteggere il cervello da alcune malattie mentali", aggiunge il Professor Jorge Ruas.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati