Olio d'Oliva

Olio d'Oliva

I benefici Nutrizionali dell'Olio d'Oliva

Quali sono i benefici per la salute di olio d'oliva?

L'olio d'oliva, che è ricco di acidi grassi monoinsaturi, è una componente importante della dieta mediterranea. Questo ci pone tra le popolazioni che hanno un'aspettativa di vita più lunga e con minori rischi di malattie cardiache, ipertensione e ictus, rispetto ai nordamericani e nord europei.

 

Gli acidi grassi monoinsaturi (MUFA dall'inglese MonoUnsaturated Fatty Acids) sono considerati un grasso alimentare sano, al contrario dei grassi saturi e dei grassi trans.


Che cosa è l'olio di oliva?
L'olio d'oliva è un grasso ottenuto dal frutto dell'Olea europaea (olivo), un albero di coltivazione tradizionale della regione mediterranea, dove vengono pressate le olive intere per la produzione dell'olio d'oliva.

 

L'olio è usato in cosmetica, medicina, cottura e saponi, ed è stato utilizzato anche come combustibile per lampade tradizionali. Anche se originario del Mediterraneo, oggi è utilizzato in tutto il mondo.

 

La Grecia ha il più alto consumo pro capite di olio d'oliva nel mondo. I fatti i Greci consumano, in media, 24 litri per persona ogni anno, secondo alcuni sondaggi. Italiani e spagnoli, consumano rispettivamente circa 13 e 15 litri pro capite all'anno.

Quali sono i benefici nutrizionali dell'olio d'oliva per la salute?
Negli ultimi 50 anni, ci sono stati migliaia di studi che hanno esaminato i benefici apportati dall'olio d'oliva. Di seguito sono riportati alcuni esempi:

 

L'olio d'oliva è la principale fonte di grassi nella dieta mediterranea, che è associata ad un basso tasso di morte per malattie cardiovascolari rispetto ad altre popolazioni del mondo.

La ricercatrice Maria-Isabel Covas, presso Parc de Recerca Biomèdica de Barcelona, ​​in Spagna, ha condotto una vasta revisione di studi focalizzati sugli effetti biologici e clinici dell'olio d'oliva.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Pharmacological Research.

Lo studio ha riscontrato che le persone che fanno uso regolare di olio di oliva, hanno molto meno probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari, tra cui l'ipertensione (pressione alta), ictus e iperlipidemia (alti livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue).

Covas ha anche scoperto che l'assunzione regolare di olio d'oliva aiuta a ridurre l'infiammazione, la disfunzione endoteliale (problemi con i rivestimenti interni dei vasi sanguigni), trombosi e il metabolismo dei carboidrati.

Covas conclude "L'ampia gamma di *effetti anti-aterogeni associati al consumo di olio d'oliva potrebbero contribuire a spiegare il basso tasso di mortalità cardiovascolare dei paesi mediterranei dell'Europa meridionale, in confronto con altri paesi occidentali, nonostante la prevalenza dei fattori di rischio di malattie coronariche. "

* mezzi anti-aterogenico impediscono l'indurimento delle arterie e lo sviluppo di aterosclerosi .

 

  • Friggere con olio d'oliva non aumenta il rischio di malattie cardiache

Le persone che mangiano regolarmente cibi fritti in olio d'oliva non hanno un aumento del rischio di malattie cardiache o di morte prematura, è ciò che è stato riportato dai ricercatori dell'Università Autonoma di Madrid in Spagna sul BMJ (British Medical Journal) .

In questo studio, il professor Pilar Guallar-Castillon e colleghi hanno esaminato 40.757 adulti di età compresa tra 26-69 anni per un periodo di oltre 11 anni. Si sono concentrati sui metodi di cottura delle persone sulle abitudini alimentari. Nessuno dei partecipanti aveva malattie di cuore quando lo studio è iniziato.

Il team ha definito i pasti fritti come cibo che era stato solo preparato da friggere. Ai partecipanti è stato anche chiesto se il loro cibo fritto era saltato, pastellato o panato.

I ricercatori hanno concluso:

"In un paese mediterraneo dove gli oli di oliva e di girasole sono i grassi più comunemente usati per friggere, e dove grandi quantità di cibi fritti sono consumati sia a casa che fuori casa, nessuna associazione è stata osservata tra il consumo di cibi fritti e il rischio di malattia coronarica o la morte. "

 

 

  • L'olio d'oliva aiuta a prevenire l'ictus

La Dr. Cécilia Samieri, presso l'Università di Bordeaux e National Institute of Health and Medical Research (INSERM) di Bordeaux, in Francia, e colleghi, hanno riportato sul Journal Neurology che l'olio d'oliva può prevenire l'ictus nelle persone anziane.

Il team ha scoperto che le persone anziane che hanno usato regolarmente l'olio d'oliva per la cottura e come condimento per insalata o con pane, avevano un rischio inferiore del 41% di ictus, rispetto ad altre persone che non lo hanno mai consumato.

Il Dr. Samieri ha riferito, "L'ictus è così comune nelle persone anziane e olio d'oliva sarebbe un modo economico e semplice per aiutare a prevenirlo."

 

  • Minor rischio di depressione con olio d'oliva, maggiore con i grassi trans

Le persone la cui dieta è ricca di grassi trans - possono avere un rischio maggiore di depressione, rispetto a quelli la cui dieta è ricca di grassi mono e polinsaturi.

Secondo uno studio condotto presso l'University of Las Palmas de Gran Canaria in Spagna e pubblicato su PLoS ONE, l'olio d'oliva sembra avere un lieve effetto protettivo per quanto riguarda il rischio di depressione.

Il dottor Almudena Sánchez-Villegas e colleghi hanno raccolto e analizzato i dati su 12.000 volontari per un periodo di 6 anni. La loro età media all'inizio dello studio era 37,5 anni. Avevano tutti regolarmente completato un questionario di 136 domande per avere informazioni sulle loro abitudini alimentari, stile di vita e la salute fisica e mentale .

Gli autori dello studio hanno scoperto che quando hanno confrontato i volontari che avevano consumato i grassi trans regolarmente con le persone la cui alimentazione consisteva principalmente da olio di oliva, i consumatori di grassi trans avevano un rischio maggiore del 48% di sviluppare la depressione.

La quantità di grassi trans consumati era direttamente correlata al rischio di depressione - più ne mangiavano, maggiore era il rischio.

 

  • L'olio d'oliva può ridurre il rischio di cancro al seno

Un team di scienziati presso l'Universitat Autonoma de Barcelona in Spagna ha rilevato un meccanismo chiave attraverso il quale l'olio extravergine di oliva protegge il corpo contro il cancro al seno , a differenza di altri oli vegetali.

I ricercatori hanno decodificato una cascata completa dei segnali, all'interno delle cellule tumorali al seno, che vengono attivate ​​dall'olio di oliva vergine. Essi hanno concluso che l'olio riduce l'attività di p21ras, un oncogene che evita danni al DNA.

Il team ha scoperto che, mentre l'olio di mais - che è ricco di omega-6 acidi grassi polinsaturi - ha aumentato l'aggressività dei tumori, l'olio extravergine di oliva ha avuto l'effetto opposto.

Essi hanno dimostrato che l'olio di oliva vergine è legato a una maggiore incidenza di tumori benigni della mammella (non cancerosi).

 

  • L'olio d'oliva aiuta a mantenere livelli sani di colesterolo

Uno studio giapponese pubblicato sul Medical Science Monitor ha mostrato che le concentrazioni di colesterolo LDL medi sono stati abbassati in 28 pazienti ambulatoriali che hanno ricevuto supplementi di olio di oliva una volta al giorno per sei settimane.

LDL (lipoproteine ​​a bassa densità) è spesso definito come "colesterolo cattivo". Il "colesterolo buono" si chiama HDL (lipoproteine ​​ad alta densità).

Gli autori dello studio hanno concluso "Questi risultati indicano un'influenza schiacciante del benefico dell'olio d'oliva nello spettro delle lipoproteine."

 

  • Come l'olio extra vergine di oliva protegge contro il morbo di alzheimer

L'oleocantale è un tipo di composto fenolico naturale che si trova nell'olio extra vergine di oliva. 
Come informazioni di base, i ricercatori hanno spiegato che i tassi di malattia di Alzheimer sono più bassi nei paesi mediterranei, dove il consumo di olio d'oliva è superiore a qualsiasi altra parte del mondo.
Il loro studio è stato pubblicato sul Jurnal Chemical Neuroscience.
Gli autori dello studio hanno concluso " L'oleocantale, derivato dell'olio di oliva Extra-vergine associato al consumo della dieta mediterranea, ha il potenziale di ridurre il rischio di Alzheimer o demenze neurodegenerative correlate . "

 

  • L'olio extravergine d'oliva aiuta a prevenire la pancreatite acuta

L'olio extra vergine di oliva è ricco di acido oleico e idrossitirosolo, che influenzano positivamente lo sviluppo di pancreatite acuta (improvvisa infiammazione del pancreas).

 

  • L'olio extra vergine di oliva protegge il fegato

I ricercatori presso l'Università di Monastir, in Tunisia, e King Saud University, in Arabia Saudita, hanno condotto uno studio che dimostra che l'olio extra vergine di oliva può proteggere il fegato dallo stress ossidativo.

 

  • L'olio d'oliva protegge dalla colite ulcerosa

La colite ulcerosa, un disturbo abbastanza comune a lungo termine (cronico), è una malattia che provoca l'infiammazione dell'intestino crasso (colon). Si tratta di un tipo di malattia infiammatoria intestinale che è simile al morbo di Crohn, una malattia correlata.

Gli scienziati della University of East Anglia, in Inghilterra dicono che consumare più olio d'oliva potrebbe contribuire a respingere la colite ulcerosa .

Il Dr Hart ha dichiarato: "L'acido oleico sembra aiutare a prevenire lo sviluppo della colite ulcerosa bloccando le sostanze chimiche nelle viscere che aggravano l'infiammazione. Stimiamo che circa la metà dei casi di colite ulcerosa potrebbero essere evitati con il consumo di buone quantità di acido oleico. Due-tre cucchiai di olio d'oliva al giorno potrebbero avere un effetto protettivo ".

 

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI**

Tabella analisi approfondita dei nutrienti: Olio d'oliva (Olea europaea), il valore nutrizionale è per 100 g 

Nutrienti

Calorie

Valore

884 Kcal

% RDA

44%

Carboidrati 0 g 0%
Proteina 0 g 0%
Grasso totale 100 g 500%
Colesterolo 0 mg 0%
Fibra dietetica 0 g 0%
Vitamine  
Acido Folico 0 mg 0%
Niacina 0 mg 0%
Acido pantotenico 0 mg 0%
Piridossina 0 mg 0%
Riboflavina 0 mg 0%
Tiamina 0 mg 0%
Vitamina A 0 IU 0%
Vitamina C 0 0%
Vitamina E 14.39 mg 96%
La vitamina K 60.2 mcg 50%
Elettroliti  
Sodio 2 mg 0%
Potassio 1 mg 0%
Minerali  
Calcio 1 mg 0%
Rame 0 mg 0%
Ferro 0.56 mg 7%
Magnesio 0 mg 0%
Manganese 0 mg 0%
Fosforo 0 mg 0%
Selenio 0 mg 0%
Zinco 0.01 mg <1%
Fito-nutrienti  
Carotene-ß 0 mg -
Criptoxantina-ß 0 mg -
Luteina, zeaxantina 0 mg -
I fitosteroli 221 mg -

(**Fonte: Database Nazionale Nutrienti USDA).

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati