Riduzione del Rischio di Disfunzione Erettile collegata all'assunzione di Caffé

Riduzione del Rischio di Disfunzione Erettile collegata all'assunzione di Caffé

Bere 2-3 tazze di caffè al giorno potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile negli uomini. Questo è quanto emerge da un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLoS One.

Bere due a tre tazze di caffè al giorno potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile fino al 42%, secondo lo studio.

 

La disfunzione erettile (DE), o impotenza, è l'incapacità di ottenere e mantenere un'erezione per il tempo di un rapporto sessuale. E' una delle forme più comuni di disfunzione sessuale negli uomini.

 

La disfunzione erettile, può essere una condizione devastante per gli uomini, che può provocare la mancanza di fiducia in se stessi, lo stress e problemi di relazione. La maggior parte dei casi di disfunzione erettile sono causati da problemi fisici, tra cui la pressione arteriosa alta, il sovrappeso, l'obesità, il diabete e gli alti livelli di colesterolo, ma può anche essere innescato da problemi psicologici.

 

I ricercatori di questo ultimo studio, guidati dal dottor David Lopez della University of Texas Health Science Center a Houston (UTHealth), fanno notare che gli studi precedenti hanno ipotizzato che la caffeina - comunemente consumata tramite caffè, coca cola e bevande energetiche - può migliorare questo problema, anche se vi è una scarsità di studi sulla popolazione che indagano su questa associazione.

 

In quanto tale, il dottor Lopez e colleghi hanno utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey  (NHANES) del 2001-04- un programma di studi di valutazione dello stato di salute e nutrizione degli americani - per studiare il ruolo di assunzione di caffeina e l'ED.

 

Fino al 42% dei partecipanti, hanno ridotto il rischio di ED con 2-3 tazze di caffè al giorno

 

I dati analizzati, hanno coinvolto 3.724 uomini di età compresa tra i 20 e più anziani il cui status di ED è stato identificato nel corso di un colloquio assistito con computer. Di questi uomini, il 40,9% erano in sovrappeso, il 30,7% erano obesi, il 51% aveva la pressione alta e il 12,4% era diabetico.

 

I ricercatori hanno stimato l'assunzione di caffeina maschile analizzando i dati delle 24 ore di richiamo dietetico, raccolti chiedendo ai partecipanti di segnalare tutti i cibi e le bevande consumate nel giorno passato. Le fonti di caffeina valutate hanno compreso caffè, coca cola, bevande energetiche e sportive e tè.

 

Il Caffè è stato collegato alla riduzione del rischio di malattie cardiache, diabete, calcoli biliari e anche il cancro

 

Ci sono aspetti negativi dal bere il caffè. Consumarne troppo è stato collegato ad un aumento del rischio di ansia e depressione.

Nel complesso, il team ha scoperto che gli uomini che hanno consumato 85-170 milligrammi (mg) di caffeina al giorno hanno avuto il 42% in meno di probabilità di relazione con l'ED, mentre coloro che consumavano 170-303 mg di caffeina al giorno avevano il 39% in meno di probabilità di relazione con l'ED, confrontati con gli uomini che avevano consumato 0-7 mg di caffeina al giorno.

Il team sottolinea che i livelli di caffeina consumati tra gli uomini con riduzione del rischio di DE erano l'equivalente di bere 2-3 tazze di caffè al giorno.

 

Inoltre, l'assunzione di caffeina più elevato è stato trovato anche di ridurre il rischio di disfunzione erettile negli uomini che erano in sovrappeso o obesi e coloro che avevano la pressione alta - che sono tutti considerati fattori di rischio per tale condizione.

 

Tuttavia, il dottor Lopez fa notare che la caffeina non ha ridotto il rischio di disfunzione erettile per gli uomini con diabete. "Il diabete è uno dei più forti fattori di rischio per la DE, quindi questo non è stato sorprendente", aggiunge.

 

Tuttavia, il team ha concluso che i loro risultati mostrano una minore probabilità di disfunzione erettile tra gli uomini con una dose giornaliera di caffeina equivalente al consumo 2-3 tazze di caffè al giorno.

 

Mentre gli esatti meccanismi alla base di questa associazione non sono chiari, i ricercatori ipotizzano che la caffeina induce una serie di effetti farmacologici che provoca il rilassamento di entrambe le arterie elicine del pene e il muscolo liscio cavernoso del pene, aumentando il flusso sanguigno.

 

I ricercatori sottolineano il grande campione rappresentativo a livello nazionale incluso nel loro studio, come un punto di forza importante, ma ammettono alcune limitazioni.

 

Essi sottolineano che alcuni fattori di rischio per la DE - come le malattie cardiovascolari - non sono state affrontati. Inoltre, si nota che il NHANES è uno studio trasversale, i loro risultati non possono implicare un nesso causale tra l'assunzione di caffeina e il rischio ridotto di disfunzione erettile. In quanto tale, dovranno essere garantiti ulteriori studi che valutano questa associazione.

 

Il caffè è stato ritenuto una bevanda dai numerosi benefici per la salute. Sempre più studi, rivelano i tanti benefici per la salute che questa particolare bevanda apporta per la salute umana.

 

Riferimenti:
Role of caffeine intake on erectile dysfunction in US men: results from NHANES 2001-2004, David Lopez, et al., PLOS ONE, doi: 10.1371/journal.pone.0123547, published online 28 April 2015.

UTHealth news release, accessed 21 May 2015 via EurekAlert.

Additional source: National Institutes of Health, Erectile dysfunction, accessed 21 May 2015.

Additional source: Harvard School of Public Health, Coffee and health, accessed 21 May 2015.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati